Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Emigrante di poppa,  Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni

Carlo Mignogna, emigrante di poppa e marinaio molisano

di Carlo Mignogna

…ovvero da Montanaro molisano a Marinaio della Marina, dal bianco e nero al colore!

Caro Ezio,
come promesso, voglio commentare le emozioni che il tuo libro “Emigrante di Poppa” ha fatto nascere in me,  confessandoti che da circa due ore ho ultimato la lettura. Due ore in cui, grazie a te e al tuo scritto, sono riaffiorati in me i ricordi di gioventù, quando ragazzino frequentatore delle elementari, vivevo con i miei nonni, visto che i genitori erano “emigranti partiti per la Germania in cerca di lavoro”.
Leggendo il libro, riaffiorava il ricordo degli anni vissuti in quel paesello “Riccia”, in provincia di Campobasso, dove tutto era uguale e nulla cambiava mai; giorno e notte si susseguivano come fotocopie in bianco e nero, mai un colore a cambiare quella vita. Il colore, non è arrivato nemmeno quando i miei genitori sono tornati definitivamente dalla Germania e dopo varie peripezie ci trasferimmo in città a Campobasso. Il colore, non è apparso nemmeno quando frequentavo l’istituto tecnico Industriale o quando stanco iniziai a lavorare come termo idraulico.

Veduta panoramica del Comune di Riccia (Campobasso) f.p.g.c. Carlo Mignogno a www.lavocedelmarinaio.com
…Sta di fatto che un giorno, sfogliando un giornale, il colore apparve, il colore declamava così “Vieni in Marina e girerai il mondo”. Quasi per gioco e anche perché stanco del mondo in “bianco e nero”  compilai quelle quattro righe per avere notizie sulla Marina.
Ricordo la gioia di quando arrivò la lettera che mi invitava a La Maddalena per arruolarmi. Un’isola che non avevo mai sentito neanche nominare…
Di corsa presi un atlante per vedere dove si trovava, rimasi allibito dalla distanza che stavo per frapporre fra il “bianco e nero” e il “colore del mare” il resto si è svolto come un sogno, e di questo sogno ricordo che dal paesello emigravo alla città, verso nuovi lidi.

Carlo Mignogna marinaio molisano per www.lavocedelmarinaio.com
Si anch’io ero emigrante, come descrivi tu, però di prua perché guardavo dritto avanti  per la nuova vita, senza badare o ripensare a ciò che lasciavo dietro e, sul traghetto che da Civitavecchia ci portava ad Olbia, feci buona parte della traversata sveglio, in coperta, guardando avanti senza mai rivolgere il pensiero e lo sguardo a poppa, insomma senza guardare indietro.
Proprio da questa prima traversata iniziò il mio grande amore che da “Montanaro” ho per il mare, quell’amore che fa palpitare il cuore ogni volta che recandoci in macchina verso San Salvo avvisto il mare.

Marinaio Carlo Mignogna da bambinoa Riccia in Vico Campobasso 5  per www.lavocedelmarinaio.comMarinaio Carlo Mignogna a Riccia Vico Campobasso 5 oggi per www.lavocedelmarinaio.com

 

 

Nostalgia che mi assale mentre scorro l’album delle foto  della mio passaggio nella Marina Militare.Si caro Ezio, nel bene o nel male siamo, siamo tutti “Emigranti”, non ha importanza come tu evidenzi benissimo  sul libro se nostalgici o avventurieri: nella vita bisogna adattarsi a tutto ed io, da buon meccanico motorista, trovavo sempre un  pezzo da adattare ai motori …e una chiave n° 19 che ancora conservo in ricordo della bellissima carriera che ho fatto come sottufficiale nella Marina Militare.
Grazie Ezio, grazie per avermi dato la gioia di rivivere i momenti della mia infanzia mentre leggevo quelli tuoi.
Con affetto Carlo

Luogotenente motorista Carlo Mignogna per www.lavocedelmarinaio.com

Dello stesso autore sul blog:
https://www.lavocedelmarinaio.com/2010/03/la-nostra-missione-30-anni-fa-il-vietnam/
https://www.lavocedelmarinaio.com/2012/03/cambio-vita/
https://www.lavocedelmarinaio.com/2012/06/il-vecchio-marinaio/
https://www.lavocedelmarinaio.com/2013/06/la-storia-di-un-onda/

Emigrante di Poppa (Ezio Vinciguerra) www.lavocedelmarinaio.com

Titolo: Emigrante di poppa;
Autore: Ezio Vinciguerra;
Romanzo Breve;
ISBN 978-88-96028-50-6
Prezzo: € 3,00 + € 2,00 di spedizione.
In vendita presso:
www.lavocedelmarinaio.com
su internet digitando il titolo del libro.

 

24 commenti

  • EZIO VINCIGUERRA

    Quante storie vissute e quante ancora speriamo da raccontare.
    Un abbraccio Carlo e grazie per questo spaccato di vita, la nostra.
    P.s. Marinai per sempre

  • Gennaro Ciccaglione

    Caro Carlo, ho letto anch’io Emigrante di Poppa del comune amico Ezio Pancrazio Vinciguerra e colgo l’occasione per invitare gli amici a leggerlo: è esatto quello che tu hai scritto e che io condivido. Il racconto dell’adoloscenza di Ezio, letto tutto d’un fiato, mi ha portato a “navigare” (è proprio il caso di dirlo) tra i ricordi de “I ragazzi della via Pal” ed “I Malavoglia”, tra Rapsodia in Blue e Un americano a Parigi… e non è poco per me, che dalla musica ha ottenuto il pane!

  • Marinaio Leccese

    Ciao Carlo grazie.
    Lo hai letto come me con gli occhi di un marinaio del sud che, prima di me ed appartenente ad una generazione di marinai, ha compreso sicuramente il vero significato di Emigrante di poppa.

  • Marinaio di Lago

    Ciao hai concesso il modo che il lettore si renda conto più approfonditamente con il titolo “Emigrante di poppa” i molisani marinaio di terza (speriamo di non sbagliare) generazione.

  • Natale Alfonzetti

    Grazie mille, scusami ma dato che non riesco a utilizzare bene questa cosa mi sfuggono tante cose…e poi non lo apro molto spesso come vedi
    a presto

  • Virginia Federico

    Buongiorno ..scusatemi non ho connessione. . (Ogni tanto capita)..Vi auguro una splendida giornata. ..Eterni ragazzi..

  • EZIO VINCIGUERRA

    Buonasera a tutti, so che la pensate come noi condividete sulle vostre bacheche e con gli amici in rete.
    P.s. Marinai per sempre

  • Marinaio di Sora

    Grazie a voi per la compagnia e per aver dato voce anche a chi non è più tra di noi.

  • Francesco Ruggieri

    ciao ezio sono tornato dalla sardegna con il raffreddore ho lasciato alghero con 37 gradi e ho trovato milano freddo pioggia e nebbia che tristezza..

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Francesco Ruggieri vedrai che tra qualche giorno sarai pimpante come prima. Un abbraccio e un augurio di pronta guarigione marinaio dei navigli a te e ai tuoi cari

  • Gennaro Ciccaglione

    Dedicato a Carlo Mignogna: Conoscevo tuo nonno Stefano (era della classe 1917, o giù di lì), conosco molto bene Gaetano, mio “vecchio” e caro amico… forse ti avrò anche visto da ragazzino, a Riccia, ma solo stasera ho… incominciato a conoscerti! A presto…

  • EZIO VINCIGUERRA

    Ciao Carlo Luigi Crea lo spero anch’io col Suo permesso e non vedo l’ora di riabbracciarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *