• Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Per Grazia Ricevuta,  Pittori di mare,  Recensioni,  Storia,  Velieri

    La nave Esther Roy salva dalla tempesta

    a cura Sergio Pagni

    PER GRAZIA RICEVUTA

    Questo ex voto è custodito presso il Civico museo marinaro Gio Bono Ferrari di Camogli (*).
    Su quadro si legge:
    Uragano sofferto dalla nave Esther Roy nel golfo di Stream, in latitudine 32° 08 e longitudine 72° 33. La violenza del mare e del vento ruppe ed empì la nave d’acqua. L’equipaggio, dopo due giorni, fu, per intercezione della Beata del Boschetto, salvato. 
    Offre quindi il presente per gratitudine e riconoscenza”.
    Non vi è data

    (*) si consiglia la visita al museo.

  • Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Per Grazia Ricevuta,  Pittori di mare,  Poesie,  Recensioni,  Storia,  Velieri

    16 luglio, per intercessione della Madonna del Carmine

    a cura Sergio Pagni e Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

    PER GRAZIA RICEVUTA

    Ex voto di proprietà del Museo storico navale di Venezia(*), proveniente dalla chiesa della Madonna del Carmine di Torre del Greco, presso Napoli.
    Il dipinto, un olio su tavola, misura cm. 45 x 33.
    Le sigle V.F.G.A. stanno per: votum fecit gratiam accepit (fece un voto, ottenne la grazia).

    (*) se ne consiglia vivamente la visita in considerazione anche dei prezzi contenutissimi di ingresso.

    Nota
    Il 16 luglio ricorre la celebrazione della Madonna del Carmelo (un promontorio che si erge lungo la costa orientale del Mar Mediterraneo, all’altezza della Galilea).
    I frati Carmelitani hanno diffuso nel popolo cristiano la devozione per la Beata Vergine additandola come modello di preghiera, di contemplazione e di dedizione a Dio.
    Molti marinai e pescatori, specie del sud Italia, invocavano ed invocano l’aiuto di Dio prima di intraprendere la navigazione per intercessione della Madonna e prima di prendere ogni decisione, proprio come faceva Maria.
    A mezzogiorno del 16 luglio si recita la supplica alla Madonna del Carmelo per ottenere le grazie richieste.

    ANTICA PREGHIERA ALLA MADONNA DEL CARMELO

    Per avere salute e prosperità si pregava la Madonna del Carmelo con questa antica preghiera:

    Oh Maria Carmilitana,
    di grazzii ni faciti na funtana;
    ccu la Vostra gran putenza,
    mannati a mia, e a tutti i figghi di mamma,
    la saluti e la Vostra divina pruvvidenza.

    Trad:

    Oh Maria Carmelitana,
    di grazie ne fate (quanto) una fontana,
    con la vostra gran potenza,
    mandate a me e a tutti i figli di mamma,
    la salute e la vostra divina provvidenza.

     

    Scampano a terribile fortunale per intercessione della Madonna del Carmine
    a cura Sergio Pagni

    PER GRAZIA RICEVUTA

  • Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Per Grazia Ricevuta,  Pittori di mare,  Recensioni,  Velieri

    Carmelo Taveri, Filippo e Giovanni Micozzi

    a cura Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

    PER GRAZIA RICEVUTA

    Quadro donato e custodito, per grazia ricevuta, presso il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata (in provincia di Teramo).
    Il quadro raffigura pescherecci, uno di nome San Marco, in balia delle onde, in prossimità di scogli.

  • Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Racconti,  Recensioni,  Un mare di amici,  Velieri

    Era il 26 giugno 1999

    di Roberta Ammiraglia88
    https://www.ammiraglia88.it
    https://www.mondovespucci.com

    …quando è arrivata questa busta che custodisco tra le cose preziose!

    … riceviamo e pubblichiamo questo bellissimo racconto.

    L’altro giorno, mentre cercavo un altro cimelio, ho potuto “accarezzare” questa busta “storica” (che coincidenza, compie venti anni!). Ho anche potuto toccare con mano e rileggere la lettera che conteneva, indirizzata a me personalmente: era la conferma per una futura visita alla nave scuola Amerigo Vespucci.
    Praticamente l’ufficio mittente, della nostra fantastica Marina Militare, aveva preso in carico la mia domanda ed ora … ero in lista! Che emozione! Ce l’avevo fatta, un giorno avrei potuto ammirare il Vespucci dal vero!
    La lettera informava anche che la nave era impegnata però nella Campagna Addestrativa e perciò avrei dovuto attendere l’autunno per salire in visita.
    Nessun problema, finalmente dopo anni di ricerche, e lettere inviate a vari indirizzi, ero arrivata all’Ente giusto (e chi pensava di dover disturbare proprio “i militari”!) e un sogno si stava realizzando! La mia domanda era arrivata ed ero in elenco! Ora iniziava veramente a concretizzarsi la possibilità di ammirare dal vero quel fantastico veliero che, fin da bambina, mi aveva affascinata.
    Ricordo ancora molto bene la disponibilità e la gentilezza dei componenti di quell’ufficio.
    A causa di alcune vicissitudini, non sono salita con quella visita “prenotata”, ma come “normale” cittadina che si è messa in fila … anche se la nave era ancora in manutenzione e non si presentava al meglio. Ma perché perdersi comunque l’occasione?
    Ricorderò sempre quei momenti dell’attesa in fila e poi l’avvicinarsi sempre di più al concretizzarsi del sogno … io ero lì! Ero veramente al cospetto della Regina dei Mari! Il sogno diventava sempre più realtà, prima nel percorrere lentamente lo scalandrone e poi … non c’erano dubbi, ero effettivamente a bordo! Io!
    Anche se non era completamente visitabile e non si presentava nel massimo splendore, il suo fascino appariva comunque! E’ stato comunque interessantissimo vedere come è il “mondo” all’interno dell’Arsenale … se fosse stata “a posto” non avrei potuto scoprire alcune particolarità del bel mondo navale che qui in Trentino non ci sono!

    Da lì, da quella busta e da quella lettera ufficiale, dalla prima volta che ho messo piede a bordo è partito, o meglio è proseguito sempre più risoluto il rincorrersi con quello storico ed affascinante veliero che, posso proprio dirlo, ha gettato l’ancora ben fissata al fondale del mio cuore!
    Ora che è prossimo a salpare con gli Allievi dell’Accademia Navale    giugno 2019 – dopo esattamente 20 anni da quella lettera, non posso fare altro che lasciarlo solcare i mari e dirgli: “mio” caro Vespucci, buona “ricorrenza” e buon vento!