• Attualità,  Il mare nelle canzoni,  Recensioni,  Storia,  Un mare di amici

    9.9.1998, Lucio Battisti

    I giardini di marzo
    (Mogol – Battisti)

    Lucio Battisti (Poggio Bustone, 5.3.1943 – Milano, 9.9.1998)

    Il carretto passava e quell’uomo gridava gelati
    al 21 del mese i nostri soldi erano già finiti
    io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti
    il più bello era nero coi fiori non ancora appassiti.
    All’uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri
    io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli
    poi sconfitto tornavo a giocar con la mente i suoi tarli
    e alla sera al telefono tu mi chiedevi perché non parli.
    Che anno è che giorno è
    questo è il tempo di vivere con te
    le mie mani come vedi non tremano più
    e ho nell’anima
    in fondo all’anima cieli immensi
    e immenso amore
    e poi ancora ancora amore amor per te
    fiumi azzurri e colline e praterie
    dove corrono dolcissime le mie malinconie
    l’universo trova spazio dentro me
    ma il “coraggio di vivere quello ancora non c’è”…
    I giardini di marzo si vestono di nuovi colori
    e le giovani donne in quei mesi vivono nuovi amori,
    camminavi al mio fianco e ad un tratto dicesti “tu muori
    se mi aiuti son certa che io ne verrò fuori”
    ma non una parola chiarì i miei pensieri
    continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri.
    Che anno è che giorno è
    questo è il tempo di vivere con te
    le mie mani come vedi non tremano più
    e ho nell’anima
    in fondo all’anima cieli immensi
    e immenso amore
    e poi ancora ancora amore amor per te
    fiumi azzurri e colline e praterie
    dove corrono dolcissime le mie malinconie
    l’universo trova spazio dentro me
    ma “il coraggio di vivere quello ancora non c’è”…

  • Il mare nelle canzoni,  Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni,  Storia

    30.8.1923, Giacomo Rondinella

    a cura Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

    (Messina, 30.8.1923 – Roma, 26.2.2015)

    Giacomo Francesco Carmine Rondinella nasce a Messina il 30 agosto 1923, figlio di Ciccillo e di Maria Sportelli, cantante melodico e attore specializzato nel repertorio di musica napoletana.
    I genitori gli fanno intraprendere la scuola nautica, di sicuro sbocco nella città marinara dello Stretto, e lo iscrivono soprattutto per conseguire il diploma di capitano di lungo corso. Con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, il giovane Giacomo viene arruolato nella Regia Marina e presta sevizio nel Reggimento San Marco.
    Lascia fa forza armata per dedicarsi, con scarsi risultati, al pugilato.
    Decide di intraprendere la carriera musicale risultando vincitore ad un concorso di Voci Nuove indetto dall’allora Radio Napoli all’inizio del 1944. Inizia da quel momento una carriera che lo porterà a prestigiosi traguardi discografici e di concerti, diventando, in breve tempo, una vera celebrità per gli amanti del genere melodico della canzone napoletana.
    E’ deceduto a Roma il 26.2.2015.

  • Curiosità,  Il mare nelle canzoni,  Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni,  Storia,  Un mare di amici

    Canzoni del tempo di guerra

    di Alessandro Paglia (*)

    la canzone dei sommergibili - www.lavocedelmarinaio.comQuesto articolo è costato due anni di ricerca all’autore Alessandro Paglia perché da una parte gli storici della canzone evitano di trattare la vicenda di certe nostre canzoni in quanto considerate “fasciste”, dall’altro, un ricercatore appassionato de la Canzone dei Sommergibili (di Zorro – Ruccione), passata poi alla storia come “Inno dei Sommergibili”, ha diffuso su internet la notizia impropria che il Concorso, a cui il brano fu presentato, venne organizzato dall’Opera Nazionale Dopolavoro (OND), e che il Duce ne modificò i risultati passando l’inno dal secondo al primo posto in classifica.
    E quale era l’altra canzone arrivata presumibilmente prima? A questo punto valeva la pena di indagare…
    Dopo aver rovesciato tutte e carte OND e non aver trovato alcun riscontro, l’unica via di ricerca rimasta era la consultazione delle carte della Segreteria del Duce che, per gli approfondimenti, mi ha rimandato a quelle del Minculpop. E così, dai carteggi letti sortita una storia ricca di curiosità mo solo inedite ma anche significative di una campagna pubblicitari (per fini propagandistici di regime, ovviamente) molto professionale, di enorme effetto e di grande efficacia, tanto che i risultati sorpresero tutti, anche gli stessi ideatori.

    Il Concorso del Minculpop
    il saluto del marinaio - www.lavocedelmarinaio.comPur con i cordoni ristretti della censura, era indispensabile per radio e giornali distrarre la gente dalle avversità e sostenere il morale delle truppe contemporaneamente. Nacquero così le canzoni di allegria per tutti. Ricordiamone alcune: Maramao perché sei morto; Tuli, Tulipan e Trotta cavallino del Trio Lescano. Ed ancora: Fiorin fiorello, Reginella campagnola, Mattinata fiorentina, Ba-ba baciami piccina, … tutti brani che sono piacevoli all’ascolto ancor oggi, e che allora furono diffusi dall’E.I.A.R. rendendo famose le orchestre “sincopate” di Cinico Angelini e di Pippo Barzizza. Mancava, però, un repertorio di canzoni di guerra per incoraggiare i soldati al fronte. Nacque così l’idea di un concorso che, con una commissione giudicatrice presieduta addirittura dal grande maestro Umberto Giordano, in pochi mesi portò alla scelta di 16 composizioni di cui l’E.I.A.R. si affrettò a pubblicare i titoli nel settimanale Radiocorriere del 7 giugno 1942 sotto la seguente sigla.

    Le Canzoni del tempo di guerra
    lettera del D.G. Ente Audizioni Al ministro Pavolini - www.lavocedelmarinaio.comIn merito agli esiti del concorso, il 24 maggio1942, il Ministro Pavolini inviava un appunto al Duce, nel quale lo rassicurava scrivendo che: “in base alle osservazioni da Voi fatte”, le canzoni (tutte e 16) sarebbero state trasmesse nei “programmi normali di giornata”, che “sarebbero state avvicendate” e che per l’esecuzione “non sarebbero state impiegate voci di donne o di bambini”.
    Il Duce, però, deve aver ascoltato le canzoni incise sui dischi Cetra un mese dopo, tra il 25 e il 28 giugno, perché, scritta in data 25 giugno, letta e approvata in data 30 giugno, vergata “bene” con sigla “m”, esiste la lettera del Direttore Generale dell’E.I.A.R. al ministro Pavolini che conferma: “… come direttive impartite” in trasmissione andranno solo 8 delle 16 canzoni. Tra le 8 scelte c’è La Canzone dei Sommergibili di Zorro – Ruccione, mentre tra le 8 scartate figura la canzone per così dire rivale, quella cioè presumibilmente arrivata prima al concorso: Saluto del marinaio di Schiavoni – Piccinelli.
    La lettera continua precisando: “a seguito delle tue direttive/leggi anche del Duce) provvederemo a far di nuovo incidere La Canzone dei Sommergibili e Camerata Richard, la prima per la deficienza incontrata nel solista e la seconda per eliminare qualche rallentamento e gli acuti”. Il Direttore Generale chiude assicurando il Ministro che quanto prima invierà le nuove incisioni.
    nota del Ministro Paolini indirizzata al Duce (24-5-1942) - www.lavocedelmarinaio.comOrbene, sul primo numero del Radiocorriere successivo il 30 giugno, cioè quello del 5 luglio, si legge che domenica 5 luglio alle ore 13,45 sarebbe andato in onda il programma Canzoni del tempo di guerra e che, in seguito, lo stesso sarebbe stato radiotrasmesso tutti i giorni tra le 20,30 e le 20,45, dopo il giornale radio e prime del programma importante, quello che ora chiameremo di “prima serata”. Il Radiocorriere successivo, cioè quello del 12 luglio, dedicò la copertina alle suddette canzoni, mentre veniva avviata la stampa di un libretto con gli spartiti che superò in pochi mesi le 500.000 copie!
    Gli autori delle musiche delle canzoni oggetto della mia indagine, Ruccione e Piccinelli, diffondevano attraverso le Case discografiche le loro musiche eseguite a pianoforte, fisarmonica e mandolino. De La Canzone dei Sommergibili sarebbero andati in circolazione tre dischi: uno edito dall’E.I.A.R. con la voce di Michele Montanari e l’orchestra Angelini, e due con le voci rispettivamente di Carlo Buti e di Aldo Visconti.

    lettera dell'editore Ciampi al ministro Pavolini (13-6-1942) - www.lavocedelmarinaio.com

    Il successo delle canzoni di guerra
    copertina spartito Milmart all'erta - www.lavocedelmarinaio.comTutta l’Italia cantò le canzoni di guerra. Il cinema addirittura mise in cantiere dei film (vedi Giarabub). Alcune musiche furono colonna sonora di film come l’Inno dei Sommergibili per il famoso Uomini sul fondo, e di alcune di esse si fecero cartoline.
    Il Ministro Pavolini, ben soddisfatto del successo conseguito, in un discorso retorico diffuso tra il 5 agosto 1942 (cioè un mese dopo) affermava: “Mai una guerra ha dato in Italia più canzoni di questa. Canzoni del tempo di guerra, canzoni nate sui fronti, e via dicendo”.
    E le Forze Armate? E la Marina? Esse furono spettatrici di tutto questo.
    La Marina intervenne due mesi dopo diffondendo con il suo giornale Prore Armate (60.000 copie) lo spartito dell’Inno nella versione per solo mandolino, e a tutt’oggi esso è conosciuto e cantato a livello popolare più di quello della Ritirata, marcia ufficiale dell’Arma.
    Al di là di come andarono realmente i fatti, possiamo affermare che per la Storia della canzone popolare il vero vincitore di quel Concorso fu proprio l’autore Mario Ruccione che, oltre alla Canzone dei Sommergibili, piazzò altri due suoi brani fra i primi 8: La Sagra di Giarabub e Camerata Richard. Al maestro Piccinelli, che doveva avere amici influenti nel Partito, rimase la consolazione di vedersi riconosciuta, indipendentemente dal concorso, la canzone Milmart, All’erta!, come inno ufficiale della Milizia di Artiglieria Marittima.

    spartito e copertina pubblicate le canzoni di guerra (1942) - www.lavocedelmarinaio.con

    (*) Presidente onorario del gruppo A.N.M.I. (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) di Priverno (LT).
    Digita il suo nome e cognome sul motore di ricerca del Blog per altri articoli a sua firma.

    N.d.R.
    Questo articolo è stato possibile grazie anche alla rivista “La Gazzetta dell’Antiquariato” che, per prima, ha pubblicato l’articolo del Dott. Alessandro Paglia. La rivista è, soprattutto, fonte inesauribile di diffusione per tutto ciò che attiene l’antiquariato, il collezionismo e naturalmente la ricerca storica.
    Alla Redazione della Gazzetta dell’Antiquariato (pubblicazione mensile della Permano Editrice s.r.l. – Roma vanno i nostri ringraziamenti e un grazie personale a Marina Pescatori (Direttrice responsabile) per la bellissima giornata trascorsa al Circolo Ufficiali della Marina Militare di Roma.

    la gazzetta dell'antiquariato copia cpertina ottobre 2015
    Per ulteriori informazioni:

    GAZZETTA DELL’ANTIQUARIATO
    VIA DELLA PEDICA 126 – 00046 GROTTAFERRATA (RM)
    TEL. 06 9411064 – FAX 06 9411523 – CELL. 389 5111430
    info@lagazzettadellantiquariato.it
    www.lagazzettadellantiquariato.it
    marina@mriccioni.com

    la-canzone-dei-sommergibili-2-www-lavocedelmarinaio.com_la-canzone-dei-sommergibili-3-la-vocedelmarinaio.com_la-canzone-dei-sommergibili-1-www.lavocedelmarinaio.com_

    Dello stesso argomento sul Blog:
    – L’inno dei sommergibilisti
    – Inno dei sommergibili
    – Raduno Veterani Sommergibilisti – Rimini 24/27 settembre 2015

    Inno-dei-sommergibili-www.lavocedelmarinaio.com_

  • Il mare nelle canzoni,  Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni,  Storia,  Un mare di amici

    22.8.1947, Francesco “Moby Dick” Di Giacomo

    Musica e Testo di Francesco Di Giacomo, Vittorio Nocenzi, Gianni Nocenzi

    (Siniscola, 22.8.1947 – Zagarolo, 21.2.2014)

    Grande Moby Dick, dove saranno tutti gli amanti che hai
    dolce Moby Dick, nessuno ti ha baciata mai.
    Grande Moby Dick, regina madre segui le stelle che sai
    non fidarti della croce del sud, la caccia non finisce mai.
    E danzerai sopra una stella marina
    e danzerai colpendo al cuore la luna
    Chi impazzì dietro a te non tornò mai più.
    La sorte corre nella tua scia colpo di coda e vola via.
    E danzerai sopra una stella marina
    e danzerai colpendo al cuore la luna
    Moby Dick, bada a te se t’innamorerai.
    E vola via colpendo al cuore la luna
    Chi impazzì dietro a te, non tornò mai più.
    Non fidarti della croce del sud, la caccia non finisce mai.
    Dormi Moby Dick, spegni le ali e dormi sicura se vuoi
    tanto i cavalieri del Santo Graal, non ti raggiungeranno mai.
    E vola via sopra un vascello fantasma
    e vola via verso una terra promessa
    Moby Dick bada a te se t’innamorerai.
    E danzerai sopra una stella marina
    e danzerai colpendo al cuore la luna
    chi impazzì dietro a te non tornò mai più.