Emigrante di poppa,  Racconti,  Recensioni

Emigrante di poppa

dalla prefazione di Giuseppe Campolo
http://bosconedelcovic.altervista.org/libri5.htm

In questo lavoro d’esordio, con uno stile che riecheggia l’ambiente popolaresco assumendone ritmi e movenze, Ezio Vinciguerra visita la sua adolescenza senza indulgenza, e con la passione forte dell’isolano. E quasi suo malgrado, solo per quella terra, che umanizzata è commossa della propria bellezza, per quella Sicilia coacervo succoso e forte, si alza fino ai toni lirici di un canto appassionato.
Ma ritrae una realtà sociale dura. Il ragionare dei personaggi è essenziale e crudo, al limite del cinismo. Persino l’affetto nei bambini non è incondizionato, ma soggiace al calcolo di un possibile beneficio, perché il misero non ha nemmeno il dono della libertà dei sentimenti. Tutto è compresso, minimo: il successo e la commozione, l’ingenuità e l’abnegazione come l’eroismo, la gioia e la solidarietà, l’amicizia e il lavoro. Misura di tutte le cose è il relativo valore di sopravvivenza, in quell’ambiente di periferia emblematica, quasi una categoria, interpretato da quell’unica ossessiva aspirazione: poter mangiare, mangiare.
E anche quel bene spirituale, che percorre tutto il racconto come una chimera, un miraggio interiore, che egli sente come potenza primordiale e vede rispecchiata nel popolo come possessione tribale, la musica è usata per attirare benevolenza e come disperato mezzo di riscatto.
Giuseppe Campolo

Titolo: Emigrante di poppa;
Autore: Ezio Vinciguerra;
Edizioni Eva
Romanzo Breve
ISBN 978-88-96028-50-6
Prezzo: € 5,00 + 2 spedizione ordinaria

In vendita presso:
www.lavocedelmarinaio.com

sulle librerie presenti in internet digitando il titolo

115 commenti

  • Nina Esposito Inchiostro

    Carissimo amico, si Amico, perché è la sostanza che conta e non il modo e i mezzi che permettono di arrivare alle persone, che sia virtuale, empirico, diretto etc…… dico ma tu vuoi farmi commuovere!!??
    Grazie infinite di cuor, un pò meno per la responsabilità che mi sento e che tu mi dai, data la stima e la simpatia che ho di te e per te. Non posso fare altro che ringraziarti e abbracciarti.
    P.S. Non staro mai zitta finchè la verità e la libertà e il mio Gesù prima di tutto e anche un pò di sana e audace follia mi accompagneranno…….baciii!!

  • Santino Correnti

    Ti ringrazio del tuo consiglio, come tu noterai abbiamo subito provveduto ,avrai modo di costatare questa mia grande passione che mi da delle soddisfazioni ineguagliabili. ciò non toglie, il mio amore per il mare, sarà per via che son figlio di marinaio ,sarà perché abito in un posto dove in dieci minuti di auto sei a duemila metri e in altrettanti minuti sei al mare, fatto sta che amo questa terra come si può amare la propria madre e tu sei stato qui, in Sicilia, se no ,cosa aspetti a farlo. Santino

  • Joseph detto Babbo Natale

    Carissimo Ezio, io come tu sai il tuo libro l’ho letto quasi di un fiato, anche perche leggendelo mi traspotaa in quei luoghi a noi tanto comuni, in quella terra che ambedue abiamo lasciato alle spalle; le tue parole mi hanno fatto rivivre tante emozioni, mi hanno ricordato di tante cose che sono successe a me quando per la prima volta a 16 anni lasciai il mio paesello natio, kio che non ero mai uscito piu lontano di 100 km da casa, solcavo lo Stretto di Messina per andare a vestire la divisa della Marina…….. e dopo alcuni anni sorvolavo i mari e gli oceani per approdare in una terra non mia. Terra che mi ha accolto e che a furia di tanti sacrifci mi ha adottato, dandomi l’opportunita’ di custruirmi una vita, un futro una famiglia! Grazie Ezio, il tuo modo di scrivere e come rivivere attimo per attimo quei momento, incontrare quei personaggi. Spero tu voglia scrivere un seguito e l’atendo con piacere. Grazie amico per averti conosciuto e che spero prestissimo poterti abbracciare di persona. Ciao Il vecchio lupo di mare detto anche Babbo natale!

  • Joseph detto Babbo Natale

    Un grazie particolare va anche al carissimo amico Raimondo con con la sua bravura nel creare il videvo e nelal scelta della musica che l’accompagna ci fa rivivere veramente quei momenti. Raimondo grazie per esserci e per essere amico mio, e grazie ad Ezkio per averci fatto conoscere, Anche con te spero un di poterti abbracciare di persona. Grazie ancora per i 2 video che m i hai ragalato. Un abbfraccio! Joseph

  • Joseph Gorgone

    “Grazie Raimondo sei ineguagliabile e grazie anche al mio conterraneo Ezio per averci fatto sentire tutti Emigranti di Poppa! Grazie per le emozioni!”

  • Marco Angelo Zimmile

    Che video spettacolare, rfilette ogni cosa, ogni parola, ogni espressione del libro, oltre alla personalità dell’autore. Bravissimo!!!

  • Deli e Michele dell'Isola

    ti ringraziamo di vero cuore, fa piacere ricevere gli emozioni anche da chi non conosciamo di persona.
    un caro saluto.

  • Salvatore Pappalardo

    Ciao Ezio,
    grazie a te per essere un amico di un marinaio di vecchia generazione e che a solcato i mari meno sicuramente di te, sperando un giorno perche’ no anche di un incontro reale.
    La vita delle navi fa i marinai e li forma in tutto il suo spirito di sacrificio e solidarietà.
    grazie

  • Puccio Musumeci

    Bello Ezio, Complimenti…Nostalgia vero?? Quando scendi ti voglio incontrare!!

  • Cambria Lino

    ciao ezio ti mando un forte abbraccio oggi lavoro ad un passo dal mare te lo salutero’

  • ezio vinciguerra

    Ciao Folletto un abbraccio… se non fosse stato per voi che siete stati i battistrada con Gianni non sarei qui a raccontare il “fermento musicale catanese” di quei favolosi anni ’70. Grazie!

  • Stefano Sambraello

    Grande Ezio!!! Sei unico…mi hai commosso!!! Grazie mille… un abbraccio, a presto!

  • Salvatore Costantino

    Ti ringrazio di vero cuore per le splendide parole spese per la nostra terra da un ultra cinquantenne. Sei sempre l’amico che ricordo con amore e affetto. Sempre in gamba

  • Merli Tiziana

    ma che popolo che siamo meno male che esistono ancora persone splendide come te caro Ezio ci serviresti di nuovo sapessi che casino…

  • ezio vinciguerra

    Ciao Tiziana, anche se il periodo non lo permette come dice Scaramacai bisogna essere ottimisti: è solo un brutto sogno. Ci sveglieremo “Emigranti di poppa”.
    Ti abbraccio

  • Maria Bertolotti

    che belle parole!! Ugo Antonio mi ha detto che tu sei un ammiratore come me di gianni bella,ma non sapevo che tu fossi marinaio e nemmeno “petulante”!! io pure amo la musica il mare e la scrittura…ne abbiamo di cui parlare…ciao a presto!!

  • Antonio Caputo

    Ciao Ezio,
    tutti i giorni penso al futuro quando faccio lezione ai miei studenti … loro sono il nostro futuro! Non sono ossessionato dal passato ma noi ” vecchi” dobbiamo ricordarlo alle giovani leve soprattutto se saranno i marina del futuro perchè: Una volta marinai, marinai per sempre!
    Grazie e, soprattutto, per questo bel messaggio che mi hai mandato
    Un abbraccio
    Antonio

  • Sara Stellina

    Grazie Ezio, le tue parole sono molto profonde. Purtroppo non ho avuto ancora modo di conoscerti, ma spero possa esserci presto occasione. 🙂 Nel frattempo leggerò il tuo libro. Ti ringrazio, ci vorrebbe più gente come te in questo mondo, ormai alla rovina. 🙂 A presto.. Sara

  • ezio vinciguerra

    Carissima e pregiatissima Sara, sono onorato di quello che mi scrivi. Non voglio svelarti nulla ma sappi che ci sono molte affinità con il tuo amatissimo consorte … a parte l’età purtroppo.
    Anche lui è un emigrante di poppa e comprenderai meglio non appena leggerai l’ultima parola del libro.
    P.s. Ci tengo su un tuo spassionato commento sul libro.
    Un abbraccio Ezio

  • Rino Galvàn

    Ciao Vinciguerra, mi ricordo di te quando eravamo al Q.G.M Roma, sapevi suonare bene la tastiera, l’A.M. era il Sign. D’ANGELO, organizzammo la festa gli ospiti erano Carmen Russo, Gianni Nazzaro, Luciana Turina, Ramazzotti e cera anche Vanna Brosio.
    Non so dove sei adesso, ti saluto fatti sentire , Rino GALVAN.

  • Ezio Pancrazio Vinciguerra

    Ciao Rino,
    grazie da questo “petulante” ex marinaio che ama la vita, la musica, scrivere e naturalmente il mare.
    P.s. Una volta marinai, marinai per sempre!

  • lino gambino

    Carissimo,
    ribadisco quanto avevo scritto in un mio precedente “commento” che non riesco a trovare……
    complimenti per il libro….. storia di vita vissuta…. nel leggerlo, ho rivissuto momenti e luoghi dove passavo le vacanze a casa di mia nonna, in provincia di Agrigento… ogni pagina letta era un susseguirsi di emozioni…. avrei voluto continuare a leggere ma…… il libro era terminato…… a quanto il “continuo?””””””…….
    grazie per le emozioni che mi hai fatto provare…. un abbraccio e a presto….
    Lino

  • Ornella Aimone

    Caro Ezio,
    ho letto con piacere il tuo romanzo, impregnato di sentimenti e di emozioni, dapprima di un bambino, poi di un adolescente ed infine di un 18enne, con tutte le incongruenze dell’età. Ho condiviso le tue gioie, i tuoi dispiaceri, la vita scolastica, le marachelle e il tuo amore per la musica. Traspare l’amore per la tua terra che hai dovuto lasciare, tuo malgrado, ma constatato che i fatti poi hanno avuto il sopravvento su di te… Spero ci sarà un seguito del racconto, sarebbe interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *