Il sommergibile Iride spezzato in due tronconi (22.8.1940)

di Antonio Cimmino

BANCA DELLA MEMORIA
Antonio Cimmino per www.lavocedelmarinaio.comIl regio sommergibile Iride fu la prima unità subacquea modificata per il trasporto dei mezzi di assalto Siluri a Lenta Corsa (SLC – maiali). Con questo sommergibile gli uomini della Decima Flottiglia MAS eseguirono i primi test in mare per il trasporto degli SLC.
Lo scoppio della guerra affrettò la preparazione della prima missione “G.A.I. Alessandria”. La missione prevedeva l’attacco delle navi alla fonda del porto di Alessandria d’Egitto da eseguirsi trasportando quattro SLC innanzi alla prima rete di protezione subacquea della base navale. Il regio sommergibile comandato dal Tenente di vascello Francesco Brunetti doveva eseguire l’ultimo tratto di avvicinamento alla base inglese.
22.8.1940 regio sommergibile Iride i Marinai caduti - www.lavocedelmarinaio.comLa missione, infatti, prevedeva anche l’utilizzo di tre navi di appoggio tra cui la regia torpediniera Calipso.
All’alba del 21 agosto 1940 il sommergibile, salpato da La Spezia il 12 agosto 1940, raggiunse il punto di incontro prestabilito con le navi appoggio,  a ridosso delle coste della Cirenaica italiana.
Il 22 agosto, dal ponte della Calipso, furono scaricati i quattro SLC fin là trasportati dalla torpediniera e vennero bloccati sule selle appositamente costruite sul sommergibile Iride. Completata l’operazione, l’Iride si distaccò dalle navi appoggio e si diresse verso il largo, in direzione Alessandria. Il sommergibile si stava portando su un fondale profondo dovendo eseguire delle prove preliminari di funzionamento: discesa 30 metri di profondità e navigazione silenziosa. Ma poco prima dell’immersione l’Iride venne sorpreso da aerosilurante inglese che lo colpì nella zona prodiera con siluro. Spezzato in due tronconi dall’esplosione, il sommergibile affondò rapidamente posandosi sul basso fondale sabbioso. Gli uomini, che si trovavano sulla falsatorre, al momento dell’esplosione (tra cui il comandante e due uomini della Decima) si ritrovarono in acqua e furono salvati dalle navi appoggio. Gli uomini della Decima, utilizzando attrezzatura subacquea di fortuna reperita nella Calipso, si immersero ripetutamente e riuscirono a salvare cinque marinai rinchiusi nel sommergibile affondato e riuscirono anche a recuperare i quattro SLC che furono nuovamente caricati nella Calipso. Il resto dell’equipaggio rimase per sempre nel relitto.

22.8.1940 regio sommergibile Iride - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

13 risposte a Il sommergibile Iride spezzato in due tronconi (22.8.1940)

  1. Francesco Ruggieri dice:

    Buongiorno caro Ezio Pancrazio Vinciguerra buona giornata

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buongiorno Francesco Ruggieri grazie, oggi preghiamo per questi fratelli Marinai defunti sul regio sommergibile Iride

  3. Luigi Spatuzzi dice:

    ogni tuo lavoro è uno spunto di riflessione ed un tuffo nella vera Storia …..

  4. Marinaio di Lago dice:

    Bravo Antonio, veramente interessante ….

  5. Enzo Amato dice:

    Interessantissimo!

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Un ringraziamento ad Antonio Cimmino per questo ennesimo inserimento nella banca della memoria per non dimenticare mai…adesso Salvatore riposa in pace

  7. Francesco Ortega dice:

    Onori

  8. Corrado Armerino dice:

    la mia mamma si chiamava IRIDE un nome raro e bello aveva poco meno di 100 pace alla anima sua rip

  9. Giuseppe Salvo dice:

    Onori a tutti i marinai caduti!!!

  10. Francesco Carriglio dice:

    Interessante, grazie all’autore.

  11. Francesco Ruggieri dice:

    onore a tutti i caduti e le loro famiglie un abbraccio a corrado armerino con la sua cara mamma che da lassù con mio flglio bruno ci veglia su di noi ciao fratelli .

  12. Francesca dice:

    Grazie per questo ricordo, Francesca
    (pronipote di Pietro Vicari Tenete di Vascello)

  13. Carlo Vicari dice:

    Ho sempre sentito parlare di questo episodio in famiglia con rispetto e commozione (mio padre era cugino primo di Pietro Vicari). Grazie per il ricordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *