Una Pasqua che mai dimenticherò

di Bruno V. Bardelli

Quella Pasqua del 1966 è indimenticabile, ero imbarcato su nave Po …ora ve la racconto.
Eravamo a Lipari, stavamo finendo il rifornimento di acqua e il Comandante ordinò:
– “Ultimate le operazioni di rifornimento sarà distribuito il pranzo”.
Erano quindici giorni che pregustavamo il pranzo di Pasqua (in Marina solo 3 giorni si mangiava bene: Natale, Pasqua e a Santa Barbara) composto principalmente dalle lasagne al forno e per la ricorrenza erano state preparate una decina di teglie. Il loro profumo delle lasagne già alle ore 9 aveva pervaso tutta la Nave.
Recuperate le manichette, calati i tavoli dal soffitto, sistemate le panche eravamo pronti a gustarci il meritato piatto. Passano 10 minuti: niente. Ne passano altri …
L’attesa e la fame diventavano sempre più insopportabili. A un certo momento un marinaio urlò:
– ” Venite a vedere …presto!” .
Accorremmo sul ponte giusto in tempo per vedere il contenuto delle teglie che filava a mare. Il nostro pranzo di Pasqua finito ai pesci. Non è possibile esclamai dentro di me. Cosa era successo?
Il cuoco aveva la febbre e di questo suo malessere ne aveva parlato con l’infermiere di bordo. L’infermiere diagnosticò che si trattava di “scolo” e ha riferì dell’accaduto al comandante.
Il Comandante Tamberi decise di mettere agli arresti (virtuali) il cuoco e naturalmente procedette alla distruzione del nostro pranzo di Pasqua sostituendolo con spaghetti aglio, olio e peperoncino. Vi garantisco che spaghetti così buoni …non ne ho più mangiati.
Penso che il Comandante Piero Giunchiglia unitamente ai membri dell’equipaggio questo episodio se lo ricordi ancora…

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Navi, Racconti, Recensioni. Permalink.

38 risposte a Una Pasqua che mai dimenticherò

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Bruno V. Bardelli la posso mettere nel forno per il giorno di Pasqua per far comprendere il senso della vita di bordo di una volta.

  2. Bruno V. Bardelli dice:

    e come no Fratello!!! Quello che tu fai è sempre ok

  3. Piero Giunchiglia dice:

    ….veroooo….anche se questo episodio non lo ricordavo piu’………!!!!!!

  4. Bruno V. Bardelli dice:

    Io sì !!! certi ricordi non te li togli dalla mente neppure con lo scarpello……!!!!

  5. Casimiro dice:

    .. o con lo “scolo”!

  6. Pietro dice:

    Buona sera Bruno…….bello leggere questo spaccato della vita militare marinaresca……….non sono d’accordo che si mangiasse bene solo tre volte l’anno….oserei dire che in quei tre giorni speciali ci fossero delle portate extra ed un menù speciale………. buona Pasqua a te e a tutti i marinai. uno speciale augurio al nostro ospite Ezio…………

  7. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Carissimo Bruno V. Bardelli e carissimi amici del marinaio, testimonianze come queste fanno comprendere, qualora ce ne fosse ancora bisogno chi sono i marinai di una volta.
    Chi di noi non ha avuto esperienze di vita?

  8. Bruno V. Bardelli dice:

    Ringrazio l’amico e fratello Ezio Pancrazio Vinciguerra per la sensibilità, il cuore e l’entusiasmo che mette nell’evidenziare i nostri racconti. Sono semplici ricordi di gente perbene che solo nel sentire “…servire la Patria in armi sul mar…..” della Preghiera del Marinaio riusciva a commuoversi. Di una cosa sono certo non esistono più i Comandanti di una volta come non esistono più i politici di una volta ….ma i nostri marinai sono come quelli di una volta: tenaci, duri, leali e orgogliosi di essere Italiani . Salvo e Max sono l’esempio più lampante. Grazie e buona pasqua a tutti.

  9. Bruno V. Bardelli dice:

    ciao Bruno……….davvero molto bello questo racconto !……hai ragione , tutti i fratelli di mare sono gente fiera e orgogliosa di servire la Patria sul mare !………un saluto ed un abbraccio a te………..Buona Pasqua a te e famiglia……ciao frà

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Bruno V. Bardelli innanzitutto serene festività a te e ai tuoi cari…sono i piccoli gesti quotidiani che ci innalzano a “Lui”, semplici gesti di semplicità quotidiana, semplicemente semplici. Perché complicarci la vita? Basta semplicemente essere ed aprire le porte a “Lui” come, per esempio, dare voce all’equipaggio…lavocedelmarinaio

  11. Paolo Francavilla dice:

    ciao Bruno……….davvero molto bello questo racconto !……hai ragione , tutti i fratelli di mare sono gente fiera e orgogliosa di servire la Patria sul mare !………un saluto ed un abbraccio a te………..Buona Pasqua a te e famiglia……ciao frà

  12. Camillo Foti dice:

    Serena Pasqua a Te caro Ezio e grazie per tutto quello che fai e per come lo fai….Un abbraccio a tutti i Fratelli Marinai.

  13. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Camillo Foti grazie. Ricambio e spero di meritarmi i tuoi complimenti

  14. Riccardo Graziosetto dice:

    Inizia un fine settimana importante, è il fine settimana che ci porta alla s. Pasqua. Un pensiero ed un augurio principalmente a chi è lontano da casa, in particolar modo ai nostri due Fucilieri di Marina che ci ricordano com’è bello sentirsi Italiani malgrado i sacrifici che la nostra Patria ci chiede, grazie anche alle loro famiglie. Un pensiero ed un augurio a chi compie il proprio dovere lontano da casa ed a chi lo compie sul suolo patrio. Un pensiero ed un augurio alle famiglie ed alle persone care che assieme a noi condividono e supportano (…ed a volte sopportano) i nostri ideali ed i sacrifici.
    Un pensiero ed un augurio per tutti coloro che sapranno apprezzare i propri affetti vicini e lontani.
    Un pensiero ed un augurio a tutti i miei Compagni e Colleghi di mare, a tutti i “miei” Equipaggi che sempre hanno saputo donarmi qualcosa e farmi crescere nel profumato silenzio della spuma marina, con il rumoroso grasso che imbratta le mani, nei tenui colori di una preghiera del marinaio recitata sul ponte di volo di tante navi che portano lontano la nostra Bandiera…
    Un pensiero ed un augurio a tutti i miei amici e conoscenti che spero, seppur lontani nello spazio, non siano mai lontani nel cuore…
    Un pensiero a tutti coloro che hanno saputo essere e sono ancora Uomini di mare e di Marina…
    Buona Pasqua…

  15. Mario Pauselli dice:

    Auguri ragazzi una felice Pasqua a tutti voi e le vostre famiglie

  16. Renato Ruffino dice:

    Auguri a tutti dall’Accademia.

  17. Lorena Gualtieri dice:

    “Bellissime parole,,Non ci sono parole,,,,,Buona Pasqua anche a voi e famiglia,,,,,<3 <3 <3"

  18. Gerardo Pietro Mariangeli Dprc dice:

    GRAZIEEE THE SEA VOICE

  19. Bruno V. Bardelli dice:

    Grazie Ezio . Buona Pasqua a te e ai tuoi cari.

  20. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Bruno V. Bardelli il tuo racconto è il più bel regalo di Pasqua che ho ricevuto fino ad adesso.

  21. bruno Vincenzo Bardelli dice:

    Grazie a tutti per i bellissimi commenti. Vorrei rispondere all’amico Piero sulla qualità del cibo a bordo. Non conosco quando Piero ha fatto il militare e dove lo ha fatto. Ma vi posso garantire che nel 1966 a bordo del PO, A Maridepocar, il cibo era molto scadente si salvava Stelmilit e Maritele Cagliari. Prova ne è che dopo aver ricevuto a Messina un encomio dall’Ammiraglio (per il soccorso di Ustica)…alla sera successiva mi sono recato a casa sua con il piatto della cena; 1/2 uovo, 2 fettine di salame. Sono stato consegnato per 2 giorni ma la qualità e quantità da quel momento è cambiata. E’ sempre e solo questione di uomini….Buona pasqua a tutti

  22. Vincenzo Bonfante dice:

    Auguri di Buona Pasqua

  23. Luigi Orsini dice:

    A tutti voi e alle vostre famiglie gli auguri di una felice Santa Pasqua.

  24. Marco Ximenes dice:

    “Grazie. Approfitto dell’occasione per inviare a Voi e famiglia tantissimi auguri per una serena Santa Pasqua.”

  25. Bruno V. Bardelli dice:

    Paolo Francavilla grazie per il tuo gentile commento. Auguro a te e ai tuoi cari una felice e serena Pasqua. ciao frà

  26. Fernando Antonio Toma dice:

    In occasione della Santa Pasqua invio i miei piu’ sinceri auguri a voi e alle vostre famiglie,

    che il Signore Risorto porti tanta gioia, serenità e pace a tutti.

    Fernando Antonio Toma

  27. Collegio Nautico dice:

    Carissimo Ezio…e’ Pasqua e come al solito si fanno gli auguri di una buona pasqua…ma vorrei che questa ricordanza va vissuta come il trionfo di Nostro Signore Gesu’ Cristo visto come unico vero Salvatore della nostra vita e fede.Il paradiso oltre ad essere lassu’, nel regno dei cieli, io credo che un’altro vero paradiso esiste dentro ai nostri cuori e all’amore che possiamo dare verso il prossimo…Ti saluto , amico Ezio augurandoti una Felice, serene Pasqua!!!!

  28. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie carissimo, grazie del bell’augurio pieno di umana solidarietà e amore. Lui è dentro di noi cosi come il paradiso che è l’amore che destiniamo agli altri. Stiamo navigando verso la verità che pian pian ci porterà a Lui facendoci attraccare nella nostra casa che è il Regni dei Cieli. Serene festività a te carissimo, preziosissimo e pregiatissimo fratello e a ai tuoi cari.

  29. Angela Guida dice:

    Un abbraccio è la cosa più bella che possa esserci . Anche mio figlio lo fa spesso. Io amo gli abbracci. A volte non ci rendiamo conto di quanto sono importanti. Volevo abbracciare la mia mamma per l’ultima volta prima che se ne andasse via per sempre…ma non l’ho potuto fare per i maledetti rancori per le cretinate che succedono spesso fra mamma e figlia….ma nessuno sa come e quando dobbiamo morire. Non abbiamo una data . Quella di nascita è certa. Se tutto si sapeva nulla si faceva.Ora è inutile farsi sensi di colpa. Tanto quello deve succedere succede ugualmente. I sensi di colpa schiacciano colpiscono dentro e feriscono l’anima che è già dolorante.Bisogna solo accettare. Nei sogni spesso ritroviamo chi ci ha lasciati per sempre. E io so che è li che vedrò tutti i miei cari. Rassegnata ….ma vivo. Triste ogni tanto per la mancanza della loro presenza…ma vivo. Con la consapevolezza che nulla è certo….ma vivo. Con l’amore che posso dare a chi mi vuole bene ….ma vivo. Vorrei abbracciare tutti simbolicamente e virtualmente per come sopportate tutti i miei stati d’animo….vorrei poter dire ad ognuno di voi….amate…che la vita è bella….vivetela.
    ANGELA GUIDA

  30. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Angela carissima, un abbraccio alla marinaia e mamma col sale unitamente a tanti auguri di serene festività a te ai tuoi cari

  31. Maria Carla Torturu dice:

    Prima ho “sentito” il profumo delle lasagne e poi ho assaporato gli spaghetti aglio olio e peperoncino e sai che ti dico Bruno ? Stasera li preparo Buona Pasqua

  32. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao MariaCarla Torturu sei immensa come il mare. Grazie del graditissimo commento, un abbraccio e tanta, tanta serenità per queste feste a te e ai tuoi cari

  33. Vincenzo Lo Iacono dice:

    Caro Ezio Pancrazio Vinciguerra – e Cari Voi Tutti – è sempre bello riportare alla mente quei tanti ricordi che fanno parte di noi e che nessuno può cancellare, specialmente quelli di Marina, difatti questo episodio è stato presentato con tale maestria che: mi è sembrato di viverlo! Io poco fa, dedicando finalmente un po di tempo al Gruppo di Nave Margottini, ho ricordato di un episodio in cui un mare in tempesta piegò il paraonde, trascinò in mare le motobarche e danneggiò l’elicottero privo di una rizza che si era spezzata. Era il 1969 nel famigerato Golfo del Leone! Sarei felice di essere più presente in questo Simpatico Gruppo, ma – come il Caro Ezio sa – sono trascinato a discutere in quei Tantissimi Gruppi nei quali si affrontano – con singolare rabbia – problematiche sociali. Ecco perché approfitto per dare riscontro a coloro i quali hanno già avanzato i loro Auguri ed a quanti altri lo faranno. Quindi, CARISSIMI AMICI giungano a Voi e alle Vostre Famiglie, i più SINCERI AUGURI per una SERENA PASQUA!!!!!

  34. Pasquale Biscotti dice:

    Auguri di una Serena e Santa Pasqua

  35. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    Buona Pasqua anche a te Ezio, ma, sopratutto, buona Pasqua a Massimiliano, salvo, e le loro famiglie.

  36. Franco dice:

    Be, che dire di questo episodio….dolce-amaro, ma queste cose accadevano (ora non so), posso dire che la mia esperienza sul mangiare è positiva; avevamo un cuoco straordinario che chiamavamo Jerry, (il vero nome non lo ricordo più) e sapeva cucinare in modo divino, con delle semplici patate ti faceva un pranzo da ristorante, e la carne della sussistenza diventava una leccornia; l’unico momento brutto era quando ti toccava la famosa razione “K”, allora ciascuno provvedeva come meglio poteva. e spesso si comprava alimenti al mercato quando si era fuori sede e allora ancora meglio…Ciao a tutti e infiniti auguri di una Santa e serena Pasqua di Resurrezione.

  37. Orazio Ferrara dice:

    Auguri per una Santa e felice Pasqua
    Orazio Ferrara

  38. Aldo Sami già Stgf dice:

    Cari fratelli ,anche il mio periodo passato in Marina è pieno di ricordi, ricordi meravigliosi che sono i più, e alcuni un po meno, ma non questo da cancellare. E quando ci incontriamo, noi ex ( o ancora marinai) ritorniamo sempre a quei mai dimenticati momenti , e anno dopo anno ce li raccontiamo felicissimi di aver fatto parte della grande famiglia. Vi lascio col saluto dei miei tempi . Ciao e……” legati a doppia cima ”
    Aldo Sami Stgf 2/48 Maritele Cagliari srt s.Ignazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *