Prima Linea. Storie di guerra

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

“Prima Linea. Storie di guerra” di Orazio Ferrara è un libro che rievoca episodi dimenticati degli avamposti sui diversi fronti del secondo conflitto mondiale in tutta loro avvincente drammaticità. Dal diario minimalista di un sergente italiano sul fronte greco alla prima linea in mare con la vendetta dell’u-boot U-81 contro la portaerei inglese Ark Royal, artefice dell’affondamento della corazzata  tedesca Bismarck, alla tragedia della corazzata Barham al largo di Sollum. Dalla battaglia di Knightsbridge in terra d’Africa, la  più devastante sconfitta subita da forze corazzate britanniche in tutta la seconda guerra mondiale con 250 dei propri carri armati rimasti inchiodati sulle sabbie roventi del deserto, alle  imprese disperate dei caccia della Luftwaffe nei cieli del  Canale di Sicilia, alle vicende dell’aeroporto americano costruito alle falde del Vesuvio, i cui bombardieri sembrarono colpiti dalla maledizione dei frati neri dopo la distruzione del monastero di Montecassino, alla strage compiuta da aerei americani che “liberavano” una comunità meridionale. Dai tristi campi di prigionia francesi del Nord Africa, in cui si moriva più della prima linea, al famigerato Campo 305 P.O.W in Egitto in cui indossare la camicia nera comportava il rischio della pena capitale, alla pietas di una donna del popolo, in prima linea tra corpi insepolti e bombe inesplose, per dare il giusto riposo ai caduti oltre le divise, oltre le bandiere.

Titolo: Prima Linea. Storie di guerra
Autore:Orazio Ferrara
Editore: IBN Editore, Roma, 2013
Pagine: 168, con numerose foto
Prezzo: 16.50 €

IBN Editore, Via dei Marsi, 57 – 00185 Roma,
Tel & Fax: 0039 06 4452275 – 0039 06 4469828
e-mail: info@ibneditore.it

Per saperne di  più sull’autore digita il suo nome e cognome sul motore di ricerca del blog.

 

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *