Cannonieri al pezzo

a cura di  Carlo Di Nitto (Presidente A.N.M.I. Gaeta)

Interessante foto risalente alla Prima Guerra Mondiale. Notare che sul dritto il nome della nave è stato cancellato per censura; solo un’annotazione coeva sul verso reca scritto a mano: “RN DANTE ALIGHIERI ARTIGLIERI CHE BOMBARDANO UN SOMMERGIBILE AUSTRIACO 11/1/16”.
Una seconda considerazione sorge spontanea, e meraviglia: all’epoca le misure antinfortunistiche erano completamente sconosciute: i marinai, infatti SONO SCALZI!

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni. Permalink.

26 risposte a Cannonieri al pezzo

  1. Jposeph Gorgone dice:

    Bellissima Carlo, grazie!!!

  2. Antonio Melis dice:

    Grazie di cuore é stupenda

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Presidente e buongiorno a tutti grazie per questa altra “perla”.
    E’ proprio vero “marinai di una volta, marinai per sempre”.

  4. Pier Luigi Bellani dice:

    …pure a piedi nudi…

  5. Marinaio di Sora dice:

    meravigliosamente bella Carlo. E’ bello vedere come lavoravano i nostri nonni. Mi fa tenerezza

  6. Cristian Lungarini dice:

    Meravigliosa immagine, Carlo! Grazie

  7. Luisa e Lillo dice:

    Spettacolare!!! Grazie Carlo

  8. Paolo Lella dice:

    Veramente bella !!!!

  9. Fernando Antonio Toma dice:

    grazie Carlo bellissima foto che testimoniano la vita marinara a bordo delle Navi di un tempo!!!

  10. Teresa Favola dice:

    Guarda le…..scarpe d’ordinanza!!!

  11. Graziano Fronzuto dice:

    sui ponti di legno di un tempo era meglio camminare a piedi nudi che non con stivaletti con suole di cuoio…

  12. Filippo Bassanelli dice:

    Ora speriamo che il Presidente De Nitto ne trovi altre nel suo archivio personale.Comunque grazie.

  13. Carlo Di Nitto dice:

    Grazie Ezio: il primo amore non si scorda MAI !!

  14. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Sono io che ti ringrazio Carlo per la tua laboriosa opera di ricerca storica e la fattiva collaborazione che ci fa comprendere, ancora meglio, che la storia siamo noi.

  15. Carlo Di Nitto dice:

    Caro Ezio condivido ed approvo al 100% !

  16. Roberto Tento dice:

    Ciao Carlo…Ciao Ezio…meno male che ci siete voi che ravvivate questo triste fb…onore al merito…Ciao a tutti i fra’

  17. Filippo Bassanelli dice:

    Quello che facevano i miei amici e fratelli CANNONIERI scalzi caricavano il loro pezzo non c’erano i 76/62 super automatici che eroi erano veri MARINAI.

  18. ANGELO APRILE dice:

    SONO PIENAMENTE D’ACCORDO CON BASSANELLI

  19. Filippo Bassanelli dice:

    Caro Angelo finalmente ti si vede come stai?E’ un po che non ci sentiamo,a presto.

  20. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    sempre riesci a stupirmi cn questi pezzi di storia bn pomeriggio”

  21. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Carlo Di Nitto…in cantiere!

  22. Luigi Inturri dice:

    Per come è sistemata la torre sono certo che si tratti di un incrociatore corazzato classe S. Giorgio. La torre binata da 190/45, in foto, è una delle quattro laterali con montati, sul cielo, due 76/40 anti siluranti . Notare, sopra le due armi da 190 tenuti da fasce metalliche e coperti da cuffie in tela, , i due cannoncini da 37/25 per esercitazioni di tiro ridotto.

  23. Marco Ximenes dice:

    Grazie Carlo, bellissima immagine.

  24. Claudio Zuttioni dice:

    concordo, si tratta di una torre laterale da 190/45 con sopra due 76/40

  25. Roberto Tento dice:

    Ciao Carlo Di Nitto…sei piu’ unico che raro…Serena serata…

  26. Francesco Foti dice:

    viva la marina militare italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *