Esperanto

Ma cos’è l’esperanto? Si tratta di una lingua creata nel 1887 dal russo Ludwik Lejzer Zamenhof con l’obiettivo di farla diventare seconda lingua di tutti, e quindi di risolvere i problemi della comunicazione internazionale.
L’esperanto è esattamente come deve essere una lingua che è destinata ad avere la funzione di mezzo di comunicazione fra persone e popoli diversi.
1) È facile. La grammatica si articola in sedici sole regole, senza nessuna eccezione, per cui si può imparare in un tempo molto limitato. Qualche esempio: “libro” è “libro” anche in esperanto; “città” è “urbo”; “lingua” “lingvo”; “sí” “jes”; “arte” “arto”; “penna” “plumo”; “vero” “vera”; “finire” “fini”; “amare” “ami”, ecc.
2) La fonetica non presenta particolari difficoltà. Ogni lettera viene pronunciata sempre allo stesso modo, indipendentemente dalla posizione in cui si trova.
3) Un sistema di prefissi e suffissi riduce enormemente il numero delle radici da memorizzare. Qualche esempio: il suffisso “mal-” indica il contrario, per cui se sappiamo che “amico” si dice “amiko”, sapremo anche che “nemico” si dice “malamiko”; se “vero” si dice “vera”, “falso” si dirà “malvera” e cosí via.
Tolstoj, che fu uno dei primi adepti del movimento esperantista, ebbe a dire che «l’esperanto è cosí facile e i risultati che se ne potrebbero avere se tutti lo imparassero cosí grandi, che non c’è motivo per non provare a impararlo».

CORSO GRATUITO DI ESPERANTO
Il circolo AUSER di Venafro organizza un corso di ESPERANTO – La lingua internazionale – il cui primo incontro è per mercoledí 23 febbraio alle ore 17,00.
Il corso, articolato in dodici incontri settimanali, sarà tenuto tutti i venerdí alle ore 17, presso la Sede Auser in Via A. De Bellis n. 2, dal prof. Amerigo Iannacone, docente dell’Istituto Italiano di Esperanto.
Il corso è gratuito, aperto a tutti, e può valere come credito formativo per gli studenti. Al termine del Corso sarà rilasciato attestato

Informazioni ed iscrizioni
Auser
Tel. 0865909300 (martedí e venerdí)
Tel. 3382989056 (sig.ra Luisa Impinto).

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *