• Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Racconti,  Recensioni

    Il fiume va… non ha paura dell’oceano

    di Toty Donno

    Toty Donno per www.lavocedelmarinaio.comDicono che persino un fiume prima di riversarsi nell’oceano, tremi di paura. Guarda all’indietro per tutto il suo percorso le cime, le montagne, la lunga strada sinuosa attraverso le foreste e attraverso i villaggi e vede davanti a sé, un oceano così vasto, che entrarci dentro, sarebbe come sparire per sempre.
    Però non c’è verso, il fiume non può tornare indietro. Nessuno può farlo. Tornare indietro è impossibile nell’esistenza. Puoi solo andare avanti.
    Il fiume deve rischiare ed entrare nell’oceano. E soltanto quando entra nell’oceano, la sua paura sparisce. Perché solo allora, il fiume capisce che non si tratta di sparire nell’oceano, ma di trasformarsi in oceano.
    Da un lato c’è la sparizione e dall’altro c’è la rinascita. Noi siamo così. Possiamo andare avanti e rischiare.
    Coraggio! Avanza deciso e trasformati in Oceano!

     

    il fiume va non ha paura dell'oceano - www.lavocedelmarinaio.com

  • Attualità,  Curiosità,  Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Recensioni

    Lupetto di Mare

    a cura Toty Donno

    ...ovvero piccolo marinaio con la salsedine nel sangue, la pelle di squalo e il cuore che batte al ritmo delle onde.

    Ciao Ezio, erano in una vetrinetta in vendita a  Otranto. Appena le ho viste mi sono ricordato di te, ed ho pensato di salutarti in questo modo penso originale, qui il tempo si è messo a nuvoloso con poca pioggia, tira un vento forte di scirocco. Ti mando un abbraccio fraterno amico mio, sperando che questo mio messaggio ti trovi in ottima forma e salute, ciao fratello…..stammi bene.

    LUPETTO DI MARE - Copia

  • Attualità,  Curiosità,  Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

    Capitano di lungo sorso

    a cura  Toty Donno

    Ciao Ezio, erano in una vetrinetta in vendita a  Otranto. Appena le ho viste mi sono ricordato di te, ed ho pensato di salutarti in questo modo penso originale, qui il tempo si è messo a nuvoloso con poca pioggia, tira un vento forte di scirocco. Ti mando un abbraccio fraterno amico mio, sperando che questo mio messaggio ti trovi in ottima forma e salute, ciao fratello…..stammi bene.

    CAPITANO DI LUNGO SORSO - Copia

     

  • Attualità,  Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Pittori di mare,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

    Paesaggio ligure (Toty Donno olio su tela 80×60)

    Toty Donno

    Ciao Ezio,  il mare è insieme padre e figlio, desiderio di ritornare in lui. Il mare è l’origine della vita, la gioia, la completezza. Il mare ha lunghe braccia protettive che ti possono ricevere sempre. Il mare è un fratello che dà molto senza ricevere niente. Buona giornata amico mio.
    Toty

    Paesaggio ligure di Toty Donno (olio su tela 60x80)

  • Attualità,  Che cos'è la Marina Militare?,  Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Marinai,  Marinai di una volta,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

    I sogni dei marinai di una volta

    di Toty Donno

    Toty Donno per www.lavocedelmarinaio.comI sogni dei marinai di una volta sono fatti di tanta fatica. Forse, se cerchiamo di prendere delle scorciatoie, perdiamo di vista la ragione per cui abbiamo cominciato a sognare e alla fine scopriamo che il sogno non ci appartiene più. Se ascoltiamo la saggezza del cuore il tempo infallibile ci farà incontrare il nostro destino, quello trascorso a bordo di questa vita e che ci fa riflettere e ricordare che:
    Quando stai per rinunciare, quando senti che la vita è stata troppo dura con te, ricordati chi sei: un marinaio di una volta. Ricorda il tuo sogno“.
    A domani, buona ninna.

    I sogni dei marinai di una volta - www.lavocedelmarinaio.com

  • Attualità,  Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà,  Un mare di amici

    La solitudine è il silenzio che reclama pace

    di Toty Donno

    Toty Donno per www.lavocedelmarinaio.comFuori dal frastuono esterno, quando il rumore sembra sommergerti, ecco la solitudine.
    Gesù, quando aveva bisogno di pregare, andava nel deserto da solo.
    La solitudine è momento di meditazione che mette la tua anima in uno stato di quiete temporanea,
    essenziale a mantenere stabile il tuo baricentro. Difatti è inopportuno che distogliamo la nostra concentrazione, sulla tua coscienza, sul destino da perseguire e quindi sul nostro baricentro.
    Il Baricentro è l’equilibrio che discerne il bene dal male, il giusto dall’ingiusto e che dirige la barchetta verso il nostro destino.
    Molte cose sono state fatte contro l’uomo, molte sofferenze ed imprevisti sono tesi perché l’uomo venga destabilizzato, perché una volta che ci si fa prendere la mano dagli eventi possa essere sbattuto senza alcuna meta come foglia che viene presa dal vento e volando senza alcuna meta, portato lontana senza alcun destino.
    Per questo, non dobbiamo cadere come foglia morta dall’albero della vita ma attaccarci con tenacia ad essa e prima di ferire il cuore del fratello, specialmente di un giovane, riflettiamo semplicemente perché non abbiamo nessun diritto di creare dolore.
    In questi momenti di solitudine, è il silenzio che reclama pace.

    Toty Donno e la cascata di frutta (olio su tela) - www.lavocedemarinaio.com

  • Attualità,  Le parabole e ritratti di Toty Donno,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

    Io voglio essere cantato

    segnalata da Toty Donno

    Toty Donno per www.lavocedelmarinaio.comHo capito che le persone sono come le canzoni. Ci sono quelle che passano alla radio, ci colpiscono ma non sappiamo il titolo. Altre che ci prendono, le mettiamo sull’ipod, ma poi non le ascoltiamo più.  Altre le dimentichiamo e certe volte riascoltandone, affascinano ancora.  Altre invece diventano la nostra colonna sonora. Ma ci sono sfumature nelle canzoni di cui non puoi accorgertene la prima volta che le ascolti.
    Ecco, io vorrei essere la tua canzone. La tua preferita. Magari voglio essere quella canzone che senti come se l’avessi scritta tu. Voglio che tu mi riconosca dalle prime note, non voglio essere solo un mucchio di suoni. Io voglio essere “cantato”.
    Imparami a memoria, ogni suono, ogni acuto, ogni parola, imprimiti il ritornello sulla pelle, io voglio essere la tua canzone!

    Mamma Donno  per gentile concessione a www.lavocedelmarinaio.com