Curiosità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Racconti,  Recensioni,  Storia

1.2.1884, Salvatore Zanghì, zu Turiddu un surausanu nella tempesta cinese

di Antonio Randazzo e Claudio Confessore

S.O.S. RICERCA NOTIZIE

… riceviamo e pubblichiamo.

Ciao Ezio,
come si fa a sapere su quale nave era imbarcato Zanghì Salvatore, nato a Siracusa l’1 febbraio 1884, marinaio fuochista.
Ai marinai che parteciparono alle operazioni in Cina, il Ministero della Marina concesse Medaglia Commemorativa per le campagne nell’estremo oriente e in Cina R.R.D. 23 giugno 1901 e 23 aprile 1903.
Lo chiamavo “zu Turiddu” al secolo Zanchì Salvatore, ma in realtà era marito di Moscuzza Lucia Pasqualina, ma la chiamavamo “Lucietta” per noi, sorella di mia nonna “ranna Maricchia” al secolo Moscuzza Maria.
Ero troppo piccolo e non ricordo bene i suoi racconti. So che era navigante, imbarcato in varie navi. In passato abitò con la famiglia a Civitavecchia e Napoli. Non sapevo e ieri mi è stato comunicato che: marinaio fuochista partecipò alle operazioni in Cina e quindi autorizzato fregiarsi della medaglia commemorativa. Come dire un sarausanu nella tempesta cinese.


Egregio Sig. Antonio Randazzo,
ci scusiamo per il ritardo nella risposta dovuto per la sua e altre ricerche (speriamo di essere compresi e perdonati).
Per sapere su quale navi è stato imbarcato il marinaio fuochista Zanghì Salvatore, nato a Siracusa l’1 febbraio 1884, occorre che un parente richieda per iscritto:
– copia del foglio matricolare inviando una istanza all’Archivio di Stato competente per territorio, in base alla provincia di nascita dell’interessato, così potrà conoscere le notizie relative alla vita militare del Caduto.
Per conoscere le eventuali onorificenze e decorazioni eventualmente concesse, occorre inviare una istanza al Ministero della Difesa – Direzione Generale per il Personale Militare – V Reparto – 10^ Divisione Ricompense ed Onorificenze viale dell’Esercito, 186 – 00143 Roma.
Una volta in possesso di questi elementi si potrà ricostruire la vita militare, svolta attraverso le notizie delle navi e/o reparti presso, cui l’interessato ha svolto il servizio militare.
All’atto della compilazione delle due richieste, verificare che le stesse contengano i dati anagrafici (data e luogo di nascita e paternità) dell’interessato, i dati anagrafici ed i recapiti telefonici e la copia di un documento in corso di validità del richiedente, nonché precise indicazioni circa il grado di parentela ed i motivi posti a base della richiesta.
Una volta conosciuto lo stato di servizio, si può cercare di ricostruire la vita militare attraverso le destinazioni e le ricompense/onorificenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *