Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Racconti,  Sociale e Solidarietà

Capo Russo

di Bruno V. Bardelli

…a Capo Russo, per non dimenticare quelli che, come lui, hanno fatto la guerra.

Chi ha fatto il C.A.R.  a La Spezia negli anni ‘60 non può non ricordarsi di Capo Russo.
Capo di 1^ classe MA, alto circa 1,60 e con una grinta alla Humprhey Bogart da far paura, insomma una dinamite di uomo. I marinai da lui indottrinati per il Giuramento,  non avevano più il tacco della scarpa sinistra per l’usura durante le lunghe ed estenuanti esercitazioni. Tanti, troppi erano i comandi di “Passo” e “Cadenza” eseguiti durante l’addestramento.
Le storie su Capo Russo, tramandate da contingente in contingente, si sprecavano ma la sua verità la conosceva solo lui.
Mi ricordo che su un treno  “Diretto Milano – La Spezia “, treno notoriamente di grande baraonda dei marinai lombardi al rientro del licenza di Capodanno del 1964 ( i famosi 5+1), si era sparsa la voce della presenza a bordo di Capo Russo.
Il treno viaggiò nel totale silenzio sino a La Spezia…
Ciao Capo Russo, ovunque tu sia,  ci teniamo a  farti sapere che sei stato un piccolo e grande uomo e noi, tuoi ex marinai, con il nostro indelebile ricordo, ti promuoviamo al grado di “Capitano del C.E.M.M.” …anche se ora non si usa più.
Scrivono di te che oggi avresti 100 anni. Che hai già “vissuto”  lo si vedeva già allora dalle molte cicatrici sul tuo viso. La Seconda grande guerra l’hai fatta tutta e, quando eri un po’ brillo, raccontavi di quando in Africa uccidevi le scimmie con la sciabola.
Sarà stato vero, sarà stato falso? Noi ti abbiamo creduto.
Sei stato un grande personaggio e,  quando guardo le foto del mio Giuramento, il tuo cappotto  molto lungo,  mi ricorda Renato Rascel quando faceva il Corazziere (…ma allora si usava così).
Franzo Osvaldo dice che anche lui ti ha conosciuto a La Spezia durante il CAR, la sua e mia compagnia si chiamava “ATOMICA” proprio come te Capo Russo e che una volta lo hai messo sull’attenti appoggiato ad una colonna di fronte alle cucine e lo hai fatto cagare sotto dalla paura. Ma tu lo facevi con tutti per forgiarci a quella non facile vita.
Osvaldo dice anche che il suo contingente alla fine del CAR ti ha regalato la sciabola (chissà quante ne hai ricevute), e gli hai  scelto una destinazione imbarcandolo su una fregata che faceva servizio nell’Adriatico, vicino casa sua, e  si chiamava ALTAIR  ma quando salpò da Taranto e virò a destra, verso la Sicilia disse fra se e se:
che figlio di puttana, io già pensavo che passavo davanti casa a Jesolo ed invece no, Sicilia, Sardegna e tanto mare, quanto mare…ma non ti ha mai rimproverato questo, perché sono stati due anni meravigliosi che non dimenticò mai per tutta la vita.
Vento in poppa Capo Russo, pardon Capitano del C.E.M.M. Russo, ovunque tu sia.

17 commenti

  • Marino Miccoli

    E’ sempre interessante leggere degli scritti frutto dei ricordi dei Marinai che navigano su questo sito. Ringrazio Bruno V. Bardelli per quanto ha voluto condividere con noi.
    Mi piace ricordare come negli anni di cui si scrive in questo bello articolo a La Spezia (ARMADAT) c’era in servizio anche mio padre Antonio con la qualifica di maresciallo capocannoniere.

  • Angela Guida

    Vorrei perdermi, in una notte come tante, tra il chiarore delle stelle, e la lucentezza della luna. Perdermi, e viaggiare sola nel buio, con il passo incerto, ma pur sempre mio.
    E percorrere quella strada, la mia vera strada, con passo lento, sotto le note di una melodia, che posso ascoltare solo io, e che mi guida anche tra le difficoltà.
    Vorrei perdermi, in una notte come tante…
    Bellissima storia la vostra che mi ha ispirato questi versi.

  • EZIO VINCIGUERRA

    Mannaggia alla pupazza Capi: mi avete fatto commuovere soprattutto nel finale del racconto…
    Se vi dico che vi voglio bene mi credete?
    Si lo dobbiamo anche a Capo Russo se siamo quello che siamo.

  • Franzo Osvaldo

    te l’ho rubata e resa pubblica, però non riesco a visualizzare le foto,come faccio a pubblicare la pagina con le foto? non c’è il condividi

  • Antonella Mary Stella

    Che il tuo letto sia una barca silenziosa e che con remate incantate solchi il mare della notte e ti porti verso i più bei sogni che tu possa desiderare. E che le stelle con la loro luce ti indichino la via per non perderti nella dolcezza di questa buonanotte

  • Decenzio Mameli

    Sicuramente a gen 69(quando feci il CAR) non ci doveva essere, altrimenti mi avrebbe espulso (visto il mio modo di marciare)!!!

  • Elio Masini

    e chi non se lo ricorda io 2/45 a La Spezia ebbi modo di scrivere di lui proprio sul nostro sito ed ho messo una foto ovunque sarà è rimasto nei nostri cuori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *