Tempesta (Carmelo Scimone)

di Carmelo Scimone

Tempesta
(Carmelo Scimone)

Furibonda lotta di venti contrari
il mare sconvolto
spumeggia e freme
insiste con forza e fierezza
il vento flagella
quelle che erano le calme acque del porto
assalta i navigli
spingendoli a cozzare
fra loro
spezza…
disperde…
affonda…
i marinai corrono come mille formiche
cercando di salvare i loro legni
nulla può il misero uomo
grande e la forza contro qui lotta
e misero e lo spettacolo
di quel che rimane.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Poesie, Recensioni, Un mare di amici. Permalink.

15 risposte a Tempesta (Carmelo Scimone)

  1. GIUSEPPE SCIUTO dice:

    condivisa

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Tempi di tempesta …
    Si ringrazia Carmelo Scimone che, dal 1983, anche con il mare in tempesta segue sempre la rotta della verità. A lui e ai suoi e miei cari un abbraccio grande come il mare e grande come il suo impavido cuore di Marinaio per sempre.

  3. Carmelo Scimone dice:

    grazie pancrazio…..

  4. Marinaio Leccese dice:

    Ciao Chef carissimo e stimatissimo … veglia sui nostri cari e se puoi anche sul territorio

  5. Dionino Di Gianvito dice:

    condivido

  6. Vincenzo Tomasco dice:

    condivido

  7. Clauio Vergano dice:

    condivido

  8. Marinaio Leccese dice:

    Un saluto di cuore.

  9. Renato Simonetta dice:

    Grazie

  10. Sergio Biffi dice:

    condivido

  11. Cristina Marani dice:

    Frati…. sei una continua scoperta! Ora anche poeta…

  12. Sandro Saccheri dice:

    condivido

  13. Carmelo Scimone dice:

    soru mi diletto a scrivere qualcosa ogni tanto……

  14. Antonio Francesco Morello dice:

    complimenti

  15. Nina Sterrantonio dice:

    Complimenti cognato mi lasci senza parole bravo sei un poeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *