Curiosità,  Marinai,  Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

Può bastare una parola o una frase a cambiare la vita?

di Silvana DE Angelis

…assolutamente si, quando si ama!

silvana de angelis per www.lavocedelmarinaio.comMi sono sposata in Agosto dell’80, ero una creatura di 22 anni e non sapevo fare niente; in cucina poi avevo terrore di prendere le pentole e accendere il gas…
Ultima di otto figli di cui sei femmine, non potevo che non fare nulla poiché facevano già tutto loro, le mie sorelle, compreso mio padre che era i il cuoco di casa. Sai come sono gli uomini in cucina: gelosi e peggio delle donne!
Per questo motivo la sera, quando rientravo dal lavoro, a mio marito preparavo piatti freddi …visto che faceva ancora caldo (tipo uova sode, carne e tonno con  pomodoro ecc).
Era quasi la fine di ottobre e una mia sorella domando a mio marito:
– “ma Silvana come cucina?”.
Mio marito rimase in silenzio un paio di minuti, poi mi guardò e rispose:
– “Sai devi sapere che ha imparato molto bene ad aprire le scatolette!”
Quella frase mi raggelò, mi zittii ma mi diede modo di pensare…
Se lui non avesse mai detto quella frase, io avrei continuato a dormire sogni tranquilli ed invece la cosa mi scosse seriamente. Decisi allora di rimboccarmi le maniche e mi diedi da subito da fare. Non sapevo fare niente, non sapevo da dove cominciare, ma avevo tanta volontà e superai la paura.
Comprai il libro “A NAPOLI SI MANGIA COSI” e così iniziai la mia carriera culinaria: un successo!
Però c’era un handicap: cucinando solo di domenica, perché gli altri giorni mio marito visto che anch’io lavoravo tutto il giorno andava dalla mamma, ora sapevo fare piatti eccelsi ma la cucina di tutti i giorni proprio no (tipo pasta e lenticchie o pasta e cavolo).
Piano piano, con la pignoleria e volontà che non mi hanno mai abbandonato, sono riuscita a rendere tutto più tranquillamente quotidiano.
Dimenticavo una cosa: la prima volta che ho fatto il famoso ragù napoletano era il 23 novembre 1980…e chi se lo dimentica! Venne il terremoto a Napoli!
Ecco perché quella frase di mio marito la ricordo ancora come se fosse ieri.
Adesso non le apro più le scatolette semmai le rompo…!

il bacio del marinaio

15 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *