Racconti,  Recensioni,  Sociale e Solidarietà

Vieni andiamo

di Marco Mattei
gruppo_sanguigno@hotmail.com
(05/01/2011 alle 18:48)

www.equipedelcuore.it

Credevo di essere povero,
poi o conosciuto la Nobiltà dell’animo.
Credevo di essere solo,
poi ho conosciuto la folla di persone sole intorno a me, dentro me.
Credevo di essere debole,
poi ho sentito la forza di chi non crede più e per essi combatto.
Ogni passo lo faccio a testa alta,
non mi importa di cadere, mi rialzo e vado avanti,
mi guardo indietro mi scrollo la polvere di dosso e continuo.
Dove vado?
Non mi interessa ma voglio essere da guida
per chi strada non l’ha più.
Pronto a sostenere chi il passo sicuro non ha.
Strada in salita, ma quanto vale il piacere di averla percorsa.
Le strade facili non portano a nulla.
Mi sento Vivo in un mondo di morti viventi, l’egoismo il vuoto.
Mai più dubbi mai più tentazioni.
Mi avete smembrato ma sono ancora qui più forte di prima.
Forza c’è ancora tanta strada da fare.
Vieni, andiamo.

Caro Ezio, non posso che essere d’accordo con te, c’è tanta strada da fare ancora
…vieni andiamo!

10 commenti

  • Giorgia Vitali

    GRAZIE TANTE EZIO E SPERIAMO CHE QUESTA VITA SARA’ PIU’ FELICE DEL SOLITO =)
    UN ABBRACCIO

  • Paolo Iorio

    STARE NEL BUIO il bello è che nel buio tu non sai cosa succede, risolvo con l’astratto i miei problemi del reale confinato in una dimensione fra insensato e tutto ciò che accade intorno. Fai quello che sei, non fingere mai.
    spazia con la mente, sogna quanto vuoi. Incidi la tua anima.Scrivi nel tuo cuore. Guarda dentro il buio per ore ore e ore e forse vedrai ciò che non è dato vedere agli occhi…….

  • luisa e lillo

    E’ vero Ezio…c’è ancora tanta strada da fare, ma è anche vero che chi si ferma è perduto…vieni andiamo, insieme si può.

  • Mario De Sabato

    Mi chiamo Mario De Sabato Maresciallo della M.M. ed ho avuto il piacere e l’onore di avere alle dipendenze Lillo, non avevo mai saputo del suo problema ed oggi vedendo la sua foto in divisa è ritornato in me il suo ricordo, era un ragazzo solare ed era una trottola, amavo apostrofarlo in questo modo per la sua attività continua, non si fermava mai ma, in compenso non vedeva l’ora di tornare a casa. Caro Lillo ti raggiunga una affettuoso abbraccio dal tuo “Capo”, che il Signore possa aiutare te e la tua famiglia quotidianamente, anche se lontano con il cuore ti sono vicino…..Mario

  • Ezio Pancrazio Vinciguerra

    Mario carissimo, … se è per questo lo hanno nascosto anche a Roma. Sono 7 anni che la famiglia soffre e quasi 2 anni che aiutiamo Lillo per vivere una vita dignitosa (www.equipedelcuore.it).
    Aggregati a noi, a sconfiggere questo silenzio ……
    a dare a Lillo l’opportunità di vivere una vita migliore.
    Ti abbraccio

  • Luisa e Lillo Santoro

    La sua testimonianza mi fa molto piacere “capo”! Non avrei mai immaginato che iscrivendomi al gruppo…avrei trovato uno dei suoi capi, ha descritto Lillo come lui effettivamente era…una “trottola”.Grazie!
    Luisa E Lillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *