Il ritratto della vita mia

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Quando si spezza il sottile filo della vita, in ognuno di noi si stacca una scheggia della nostra anima. Qualcosa va perso: può essere un sentimento, oppure qualcosa in cui abbiamo creduto fino a quell’istante. Se si spezza il filo della vita di un bambino o di un giovane, la scheggia che si stacca in noi è grande ed è una sensazione dolorosa e sconvolgente, anche per persone che lavorano come professionisti in ambienti nei quali la morte si incontra più frequentemente. Nessuno rimane indifferente di fronte ad un decesso di una persona in giovane età. Spesso è il confronto con l’immenso dolore dei famigliari che resta più impresso, e che ci fa sentire inutili, incapaci di dare sollievo a chi soffre così tanto. Sono momenti che ci toccano in profondità, momenti che mettono in discussione decisioni che sembravano certe. Nascono dubbi sui propri valori, sulle scelte fatte, persino sulle scelte professionali.
Davanti al dolore della famiglia e senza nessuna possibilità di poter moderare la loro immensa tristezza nascono emozioni sconvolgenti che isolano e a volte ci fanno sentire inutili …a meno che qualcuno abbia fatto un’esperienza simile.

Ed allora ho imparato che crescere non significa solo fare l’anniversario e che il silenzio è la miglior risposta quando si sente una stupidaggine. Che lavorare non significa solo guadagnare soldi e che gli amici si conquistano mostrando chi realmente siamo perché i veri amici stanno con noi fino alla fine. Le cose peggiori spesso si nascondono attraverso una buona apparenza e quando penso di sapere tutto ancora non so niente. Allora un solo giorno può essere più importante di molti anni perché quel giorno ti ha fatto sognare.
Giudicarsi non è importante quando realmente ciò che importa è la pace interiore, e finalmente ho appreso che non si può morire ma imparare a vivere!


SE SEI COMPETENTE IN QUALCOSA, CERCA DI SBAGLIARE QUALCHE VOLTA, PERCHE’ LA GENTE NON TI RITENGA INFALLIBILE.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Emigrante di poppa, Racconti, Recensioni. Permalink.

34 risposte a Il ritratto della vita mia

  1. bruno bardelli dice:

    Grande Ezio. Parole bellissime dettate dal cuore. Un abbraccio da un Marinaio dei Navigli.

  2. Francesco Carriglio dice:

    Ezio,veritiero e pieno di sentimenti il tuo bellissimo articolo. Con stima un forte abbraccio.

  3. Egidio Alberti dice:

    Bravo EZIO come sempre. Buona serata

  4. Francesco Paolo Disegni dice:

    Ciao Ezio, ho letto quel che hai scritto, non so a chi le hai dedicate, ma sicuramente sono molto toccanti e magnificamente vere. Un caro abbraccio.

  5. Laura Vernotico dice:

    Parole molto belle…..

  6. Carmine Spronelli dice:

    Grazie Ezio

  7. Andreoli Salvatore dice:

    Grazie di cuore Marinaio

  8. Andrea Orsini dice:

    Ti Ringrazio Di cuore

  9. Pasquale Morrone dice:

    GRAZIEEEEEEEEE DI CUORE

  10. Scopelliti Salvatore dice:

    BUON VENTO.

  11. capitano dice:

    Grande l’amico mio

  12. Domenico Savio Porcu dice:

    Buona sera caro Ezio è da tanto che non ci sentiamo e con la speranza che tu e la tua famiglia stiate bene, ti volevo chiedere una cortesia che, oltre che fare un favore, se potrai, ad un amico, credo ti possa interessare anche per il tuo lavoro bellissimo, che curi tanto bene e con grande passione, ma mentre scrivevo mi ha telefonato mia moglie e si è fatto tardi, magari te ne parlerò domani o appena avrò più dati, si tratta di un macchinista sardo, morto sulla Corazzata Roma proprio il giorno che venne affondata. Ti abbraccio e vi auguro una buona notte ed una buona Domenica, ciao!

  13. Nicola Marzano dice:

    Spero tu stia meglio… caro Ezio

  14. Moderatore Santa dice:

    Ciao Ezio appena ti rimetti ringrazia gli amici

  15. Carlo Massei dice:

    Grazie per l’amicizia

  16. Rita Carannante dice:

    Salve, sono la moglie di Gianni Venza e La ringrazio per il meraviglioso articolo che gli ha dedicato. Lo stamperò e lo conserverò un giorno per nostra figlia che oggi ha solo sette anni. Spero inoltre che non vi dimenticate di me e Giorgia. Grazie ancora.

  17. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buongiorno signora Rita, eravamo molto molto affiatati con Gianni (Del Gaudio, Battipaglia, Falco ecc. ecc.) in un certo senso mi ha svezzato perché mi hanno convinto a raffermarmi.
    Continuano ad arrivare gesti di affetto nei confronti di Gianni ed io stesso le prometto che lo ricorderò nella banca della memoria.
    Un abbraccio grande come il mare e anche come il cuore di Gianni sempre col sorriso in bocca.
    Ezio

  18. Camillo Foti dice:

    Grande Ezio!!!!

  19. Francesco Ortega dice:

    siamo amici da due anni buon fine settimana Ezio

  20. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Francesco carissimo e stimatissimo, grazie per la compagnia e l’affetto che non mi hai fatto mai mancare commentando quotidianamente i miei articoli. Un abbraccio a te grande come il mare e anche come il tuo cuore misericordioso di Marinaio per sempre.

  21. Giusi Contrafatto dice:

    Un abbraccio a te con affetto

  22. Luigi Buonocore dice:

    ciao enzo hai visto la foto che ho messo della tua orcrestrina

  23. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Capo Buonocore, si grazie. Ho gradito tantissimo un abbraccio a te e ai tuoi cari. Ezio

  24. Enzo De Palo dice:

    Grazie Ezio Pancrazio Vinciguerra

  25. Civetta Valerio dice:

    Ciao Ezio !!

  26. Donato Gargano dice:

    Ciao Ezio un abbraccio&&&

  27. Giusi Contrafatto dice:

    Si carissimo …imparare a vivere

  28. Pasquale Biancospino dice:

    ….sempre con immutata stima e affetto!

  29. Carlo Di Nitto dice:

    🙂 wowh

  30. Aberto Segatori dice:

    Domani mattina vado a medjogorie

  31. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buon cammino spirituale Alberto carissimo e stimatissimo.
    Un solo giorno può essere più importante di molti anni perché quel giorno ti ha fatto sognare, e io ringrazio quel giorno che ci siamo incontrati proprio in quel posto santo.

  32. Francesco Ortega dice:

    marinai una volta marinai per sempre Caro Ezio felice giornata a te e famiglia

  33. Fabio Longo dice:

    rande Ezio …..fai un’altro libro , vorrei che raccontassi la Marina del 2000, quella di oggi …. quanto lo vorrei ….. con stima ed affetto

  34. Giuseppe Magazzù dice:

    Piano / Forte !..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *