12.2.1960, Pericle Ferretti

di Antonio Cimmino


Nasce a Bologna il 10 aprile 1888. Ingegnere navale ed ufficiale del Genio, fu direttore dell’arsenale di Napoli e al regio stabilimento delle costruzioni navali di Castellammare di Stabia.
Dal 1912 al 1916 fu sotto direttore dello stabilimento e si applicò allo studio dei problemi relativi al varo delle navi ed a quello delle motrici a vapore. Successivamente progettò un sistema che consentiva una migliore alimentazione con aria esterna dei locali motori dei sommergibili (lo Schnorchel italiano).
Nel 1935 progetto il “sommergibile tascabile” (MSI veloce) i cui esemplari finirono, nel 1943, preda bellica degli U.S.A..
Notevole anche il suo contributo alla costruzione della nuova nave da guerra “Duilio”.
A lui si deve la nascita dell’Istituto nazionale dei motori del Consiglio nazionale delle ricerche a Napoli. Nella città partenopea fu titolare della cattedra di meccanica applicata alle macchine nella facoltà di ingegneria dell’Università Federico II.
Salpò da Napoli per l’ultima missione, in quella città che amò tanto, il 12.2.1960.

Si consiglia la lettura del seguente articolo:
http://www.lavocedelmarinaio.com/2010/03/gli-ingegneri-navali-della-marina-militare/

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a 12.2.1960, Pericle Ferretti

  1. Pagina Facebook La voce del Marinaio dice:

    EZIO VINCIGUERRA Riposa in pace. Noi al contrario di altri … non dimentichiamo i nostri predecessori migliori
    Giovanni Linardon R.I.P.
    Francesco Ruggieri Sei un Italiano vero Patriota io non dimentico i nostri eroi BUONA DOMENICA Ezio Pancrazio Vinciguerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *