Uccidere con una spada presa in prestito – La Cina: il Partito, l’Economia, Le Forze Armate (Marco Giaconi)

di Gabriele Giorni

Gabriele-Giorni-per-www.lavocedelmarinaio.com_Uccidere con una spada presa in prestito – La Cina: il Partito, l’Economia, Le Forze Armate è l’ultimo libro di Marco Giaconi.
È ormai luogo comune pensare alla Cina solo in termini di crescita del PIL e di “aperture” al mercato-mondo. La realtà è ben diversa, la Cina ha sempre gestito i suoi rapporti con l’Occidente in termini strettamente autoreferenziali. Comunque, il sistema di controllo dell’economia e della società cinese è strettamente in mano al partito comunista che ha sempre mantenuto una forte autonomia dall’U.R.S.S. ma rimane legato ad una economia pianificata e socialista. Questo volume va contro la diffusa retorica sul sistema cinese e dimostra come l’attuale liberalizzazione sia in funzione dei piani militari e geopolitici di Pechino. Una forte attenzione è stata quindi data in questo volume agli aspetti militari, strategici, dottrinali delle forze armate cinesi.

Uccidere con una spada presa in prestito (Marco Giaconi) - www.lavocedelmarinaio.com
Biografia di Marco Giaconi
Nato a Pisa il 16 Luglio 1954.
Maturità Scientifica nel 1973.
Allievo del Corso Ordinario della Scuola Normale Superiore, Classe di Lettere e Filosofia, 1973
Corsi e seminari con Noam Chomsky, Enrico De Negri, Ennio De Giorgi e Eugenio Garin, tra gli altri.
Borsa di studio annuale presso l’Università di Zurigo.
Laurea in Filosofia Moderna e Contemporanea, relatore Aldo Giorgio Gargani, con una tesi sulla Logica e la Semiotica in Charles S. Peirce. 1978.
Ricercatore presso l’istituto Universitario Europeo di Fiesole, dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, dove opera con Giovanni Sartori, Ian Budge e Yves Mény.1980-1984.
Insegnante di ruolo presso le Scuole Medie Superiori di Pisa e Provincia.1984-1988.
Docente presso l’Università di Zurigo, corso di Filosofia della Politica, 1988-1993.
Docente presso l’Istituto di Guerra Marittima, dove tiene corsi di Strategia Globale.1993-1998.
Direttore di Ricerca presso il Centro Militare di Studi Strategici, a Roma, 1999-2002.
Consigliere del Ministro della Difesa Antonio Martino, Roma, 2001-2002.
Analista strategico presso la Presidenza del Consiglio, 2002-presente.
Collabora stabilmente dal 1993 alla rivista “Affari Esteri” ed ha pubblicato vari articoli su GNOSIS, rivista del Sisde (oggi Aisi). Collabora stabilmente a lookoutnews, rivista di geopolitica.
Volumi pubblicati
“Una analisi del pragmatismo di Peirce”, Pisa, ETS, 1990.
“Le organizzazioni criminali internazionali, aspetti geostrategici ed economici”, Milano, Franco Angeli, collana CeMiSS, 2001.
“Colpire il cane finché è in acqua”, la strategia cinese”, Quaderno CeMiSS, Roma 2002.
“Maghreb Al Aqsa, l’Estremo Occidente”, Quaderno CeMiSS, Roma 2003.
“Spazio e Potere, manuale di geopolitica”, Milano, Franco Angeli, 2003.
“Il costo della politica”, Milano, Franco Angeli, 2004.
“Uccidere con una spada presa in prestito, la Cina, le Forze Armate, il Partito e l’economia”, Edizioni di Politica e Storia, Pisa-Roma.
uccidere con una spada presa in prestito di Marco Giaconi - la copertina - www.lavocedelmarinaio.comTitolo: Uccidere con una spada presa in prestito.
Sototitolo: la Cina: il Partito, l’Economia, Le Forze Armate.
Autore: Marco Giaconi.
Editore: Edizioni di Politica e Storia, Pisa-Roma.
Pagine: 106.

Prezzo: € 19,00.
Tipo Rilegatura: Brossura PUR.
Mese e Anno Pubblicazione: Ottobre 2015.
Illustrato: Si.
Dimensioni: 15x21cm.
ISBN 9788865283035
Catalogo: Saggistica

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Storia. Permalink.

3 risposte a Uccidere con una spada presa in prestito – La Cina: il Partito, l’Economia, Le Forze Armate (Marco Giaconi)

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Si ringrazia Gabriele Giorni per questa recensione interessantissima come è interessantissimo il libro di Marco Giaconi

  2. Pio Forlani dice:

    Interessanti valutazioni. Aggiungo pero’ che l’esperimento cinese, per molti versi paradossale, sta tentando in un mercato interno enorme la coesistenza dei principi di democrazia economica con un ordinamento dello stato autoritario, di tipo comunista. Staremo a vedere.

  3. Carmen Forlenza dice:

    condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *