Regio sommergibile Alabastro (13-14 settembre 1942)

di Antonio Cimmino

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Dopo il completamento e l’addestramento dell’equipaggio, che si svolse a ritmi serrati per rendere il sommergibile rapidamente operativo, il 13 settembre 1942, al comando del tenente di vascello Giuseppe Bonadies, il regio sommergibile Alabastro salpò dal porto di Cagliari per la sua prima missione offensiva da svolgersi tra Algeri e Maiorca. Non si ebbero più notizie.
Dopo la guerra si apprese che alle 16.20 del 14 settembre, a settentrione di Bougie, un idrovolante Short Sunderand, appartenente al 202° Stormo della Royal Air Force, aveva attaccato un sommergibile che navigava in superficie verso ovest, affondandolo.
Non ci fu nessun superstite.

– Sc. Dino Ambrosini;
– Mar. Nicola Avanzino;
– C°2^ Aldo Ballerini;
– G.M. Giovanni Barbera;
– T.V. Giuseppe Bonadies
– C°2^ Alberto Bonucelli;
– Mar. Antonio Caprotti;
– Mar. Luigi Cardona;
– Mar. Giuseppe Epifani;
– STV. Nunzio Esposito;
– Mar. Italo Fabbri;
– Sgt. Aldo Frangi;
– Sgt. Santo Gambino;
– C°2^ Guerriero Guerrino;
– G.M. Giuseppe Jaforte;
– Sc. Pasquale Longo;
– C°3^ Elvio Luccioli;
– Mar. Emilio Maggi;
– Mar. Gennaro Maione;
– Mar. Gagliano Marson;
– Cap. G.N. renato Martinelli (D.M.);
– Mar. Stefano Mera;
– Mar. Sergio Millot;
– Sgt. Cosimo Monaco;
– Sc. Pasquale Picchireddu;
– Mar. Antonio Piccolini;
– Mar. Donato Pisano;
– Sgt. Clemente Pizzutelli;
– Sc. Giuseppe Quintavalle;
– Mar. Roberto Rizzini;
– Sc. Giuseppe Rosa;
– Sc. Michele Rutilo;
– Sgt. Pietro Saglietto;
– Sc. Andrea Savo;
– Sc. Vito Schimera;
– Sc. Bruno Sosna;
– Mar. Luigi Trevisan;
– C°3^ Giovanni Turco;
– C°2^ Bruno Ventura;
– Mar. Alfredo Vinciano;
– Sgt. Luigi Zoccoli.

13.9.1942 regio sommergibile alabastro - ww.lavocedelmarinaio.com
Caratteristiche tecniche
Costruito: C.R.D.A. Monfalcone
Impostato: i 12.3.1941
Varato: 18.12.1941
Consegnato: 9.5.1942
Affondato: 14.9.1942
Radiato: 18.10.1946
Dislocamento: Sup 712 t – Imm. 865 t.
Dimensioni: Lungh. 60,18m – Largh. Max 6,475m.
Motori: 2 diesel Tosi (1.500 Hp) + 2 motori el. Ansaldo (800 hp); 1 batteria accumulatori al pb da 104 elementi;
Velocità: 14 (superficie) – 7,5 (immersione)
Armamento: 4 tubi lanciasiluri AV da 533 mm; 4 tubi lanciasiluri AD da 553 mm; 8 siluri da 533 mm.; 1 cannone da 100/47 mm; 2 mitragliere binate da 13,2 mm; 149 proiettili per il cannone.

regio sommergibile Alabastro - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

8 risposte a Regio sommergibile Alabastro (13-14 settembre 1942)

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    RIPOSATE IN PACE

  2. Bruno Bigiolli dice:

    Stessa classe del GIADA.

  3. Maurizio De Fazio dice:

    R.p.i.

  4. Sandro Saccheri dice:

    Sempre grazie per queste accurate notizie io sono stato in ASR SUL GIADA a Taranto nel 1963 solo per un mese ed era ormai in fase di disarmo

  5. Bruno Bigiolli dice:

    Io sono sbarcato dal Vorticea fine 64 per fare la scuola Incursori al Varignano…se ben ricordo il Giada navigava ancora.

  6. Sandro Saccheri dice:

    Si un paio di uscite in superficie ma credo proprio che siano state le ultime io ero in forza su nave ETNA e alla fine del 64 al ritorno dal Giappone non mi ricordo di averlo più visto al suo ormeggio abituale a Taranto

  7. Antonio Mura dice:

    Parlate del GIADA, io sono stato imbarcato, battello in armamento, dal 1956 al 1961.

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    e’ un piacere leggere i vostri commenti di Marinai di una volta, di Marinai per sempre. Grazie per la compagnia.
    P.s. io ancora andavo all’asilo. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *