11.4.2015 a Novara “71° anniversario scomparsa Mafalda di Savoia”

a cura Marco Lovison

ISTITUTO NAZIONALE PER LA GUARDIA D’ONORE ALLE REALI TOMBE DEL PANTHEON – DELEGAZIONE NOVARA – INVITO – CITTA’ DI NOVARA – SABATO 11 APRILE 2015

Mafalda di Savoia - www.lavocedelmarinaio.com
71° Anniversario della Scomparsa di S.A.R. Mafalda di Savoia « Italiani, io muoio, ricordatevi di me non come di una Principessa ma come di una Vostra Sorella Italiana »
(Roma, 19 novembre 1902 – Campo di Concentramento di Buchenwald, 28 agosto 1944)

Ricordo di Donne e Uomini Internati

70 Anniversario della Liberazione 1945 – 2015 – La Resistenza del Regio Esercito e i suoi Decorati al Valore Militare – Ricordo della Medaglia d’Argento al Valor Militare alla Memoria Carabiniere Natale Olivieri (Novara 17 ottobre 1944 – Piazza Martiri).

Sono invitate a partecipare tutte le Associazioni con i loro Labari, Bandiere, così come lo sono persone che vogliono testimoniare e tramandare la Memoria.

Ore 19,00 Conclusione presso l’Enoteca Vivian, per rinfresco
(Rotonda Massimo d’Azeglio,22).

11.4.2015 a Novara - www.lavocedelmarinaio.com
Per saperne di più:
http://www.lavocedelmarinaio.com/2015/02/i-7-marinai-di-gaeta-a-buchenwald-e-la-principessa-mafalda-di-savoia/
http://www.lavocedelmarinaio.com/2013/10/lettera-di-un-marinaio/
http://www.lavocedelmarinaio.com/2011/01/associazione-internazionale-regina-elena-2/

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

7 risposte a 11.4.2015 a Novara “71° anniversario scomparsa Mafalda di Savoia”

  1. Marco Lovison dice:

    Grazie mille della propaganda dell’evento

  2. Marco Lovison dice:

    se l’uomo avesse usato di più la coscienza, la Fede o l’intelletto a seconda dell’individuo, invece di individuare in un partito il colpevole, sicuramente molti errori non ci sarebbero stati. Ma la politica divide non unisce; e in alcuni momenti crea regimi autoritari

  3. Giovanni Brandano dice:

    S.A.R. Princess Mafalda di SAVOIA : una tomba senza nome , dimenticata da un’Italia ingrata e senza pietà (RIP)…..

  4. Ugo d'Atri dice:

    Ribadisco fermamente che il Sig. Marco Lovison, già diffidato in altre sedi, non ha alcun diritto a rappresentare il Ns. emerito Corpo in quanto la sua condotta negativa riscontrata nelle “attenzioni” particolari verso nostri giovani soci e il suo vantarsi pubblicamente di essere un omosessuale impegnato per il riconoscimento delle famiglie gay, mal si amalgama alla nostra etica. Pertanto ribadisco che non gli è concesso utilizzare il nome del beneamato corpo delle Guardie D’Onore e invitiamo gli amministratori di questa pagina voler rimuovere tutto ciò che associa il Nostro avito Sodalizio a questo personaggio di dubbia condotta e moralità

    Cap.Vasc. N.H. Cav. Ugo d’Atri
    Presidente dell’Istituto Nazionale delle Guardie al Pantheon
    Vice Presidente dell’Unione MOnarchica Italiana

  5. ezio dice:

    Signor Ugo D’Atri,
    non conosciamo personalmente ne Lei ne il signor Marco Lovison e ne esprimiamo giudizi su di Voi e sul vostro corpo.
    La pagina a cui si riferisce è stata rilanciata da questo blog a seguito di invito su Facebook da parte del signor Lovison.
    Per quanto sopra non vogliamo entrare in nessun modo nelle vostre diatribe e non intendiamo ricevere colpa alcuna.
    Certi di non aver offeso nessuno, la pagina resta così com’è a disposizione dei lettori (con i commenti ricevuti) per il bene di quella trasparenza che ci contraddistingue.
    Cordialità Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

  6. Ugo d'Atri dice:

    Egregio Signor Pancrazio,

    Se si prendesse la briga di digitare “Guardie d’Onore al Pantheon” capirebbe a chi ci si sta riferendo. Se invece Lei provasse a digitare “Marco Lovison Gay” su google oppure i nomi di altri loschi figuri come Alberto Conterio, Rodolfo Armenio etc etc orde di pederasti (dirigenti di una associazione di omosessuali “monarchici” denominata GAYCON, contro i quali il nostro sodalizio ha fatto degli esposti) che infestano il NS. amato mondo monarchico, capirà finalmente con chi ha realmente a che fare.

    A diposizione per fornire prove ulteriori sul fatto che il sig. Marco Lovison notoriamente omosessuale impegnato nel movimento glbt e sostenitore dei matrimoni tra pederasti e adozioni di dubbio gusto, non ha alcun diritto di parlare a nome della Ns. Associazione.

    Cordialità

    Cap.Vasc. N.H. Cav. Ugo d’Atri
    Presidente dell’Istituto Nazionale delle Guardie al Pantheon
    Vice Presidente dell’Unione MOnarchica Italiana

  7. dott. Marco Lovison dice:

    rrispettabile Cav. (parola grossa nel suo caso) Cap. Vasc. (lo sanno tutti che era un semplice elettricista scaricatore) Ugo D’Atri.

    A tutte queste infamie sul mio conto ci sono già abituato e sò bene che nelle critiche a me rivoltemi nel 2006 in occasione della Commemorazione della Vittoria nella Grande Guerra ci fosse Lei come serpente alle spalle, Le ricordo che, riguardo certi attacchi a determinati orientamenti sessuali, fu proprio Lei Elettr. di Nave Cargo Ugo D’Atri a riferire al Dott. Alberto Conterio in una conversazione privata, che le Sue amatissime Guardie D’Onore, non fossero altro che una organizzazione composta per metà da pederasti e dall’altra metà da pataccari: tipico atteggiamento indelicato da scaricatore di porto. Nel caso volesse replicare abbia almeno il coraggio di farlo in privato come fece con il Dott. Alberto Conterio (anche lui vittima di una certa omofobia repubblicana e volgarità di ogni sorta, notturne e diurne).

    Riguardo agli attacchi al mio essere omosessuale, Le rammento che l’associazione Gaycon (Omosessuali Conservatori e Monarchici) ha tra i suoi dirigenti ufficiali il validissimo e battagliero Massimo Mallucci de Mulucci, autentico “cacciatore” di omofobi.

    Comunque per eventuali scuse, che valuterò se accettare, può contattarmi privatamente (i recapiti li ha).

    I miei più cordiali saluti

    Marco Lovison omosessuale monarchico,
    dirigente di GAYcon (omosessuali monarchici e conservatori)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *