Sabotaggio e incendio del Fella – 30 marzo 1941

di Mario DeLuca

Alcune immagini che abbiamo ricevuto mostrano la motonave Fella, di nazionalità italiana, in fiamme, abbandonata dall’equipaggio. Si vede l’incendio che prosegue e divora la nave. Altre navi in fiamme, riprese da un aereo. Secondo i testi ufficiali (USMM) il Fella fu sabotato e incendiato, per evitare la cattura, il 30 marzo 1941 a Puntarenas, insenatura sulla costa del Pacifico, nel Costarica, dove la nave si era rifugiata l’anno prima, al momento dell’entrata in guerra dell’Italia. Per evitare la cattura in acque internazionali da parte del nemico, la nave fu portata in acque allora neutrali e lì era rimasta bloccata. Ma la situazione sarebbe cambiata.
Sorgono spontanee due domande:
– In quei giorni del 1941 una ventina di navi, tra Usa e centro America, vennero catturate, o sabotate. Cosa era accaduto di nuovo?
– Nelle foto si vede un’altra nave sabotata e in fiamme, ma non ci risultano altre navi italiane perdute a Puntarenas. Quale può essere l’altra nave sconosciuta?

nave fella - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

11 risposte a Sabotaggio e incendio del Fella – 30 marzo 1941

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Si ringrazia Mario De Luca per quanto segnalato. Chi di voi sa o riesce a dare delle spiegazioni in merito?

  2. Giovanni Marras dice:

    mi piace

  3. Maura Delfino Curioso dice:

    mi piace

  4. Iacono Francesco dice:

    mi piace

  5. Oscar Pistoia dice:

    mi piace

  6. Marcello Coco dice:

    Condivido

  7. Peppino Sambo dice:

    Sembra l’Italia di oggi. Sola, abbandonata, disastrata, le è rimasto solo il pianto. Inarrestabile e disperato.

  8. Marcello Cocco dice:

    condivido

  9. Marinaio di Lago dice:

    Dove sono i marinai di una volta?

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Ciao Dilag con questa bella giornata saranno in camporella.

  11. Giacomo Vedda dice:

    è sarebbe una cosa bella 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *