Marinaio fochista Salvatore Schettino

a cura di Antonio Cimmino

Nato a Castellammare di Stabia (Napoli), scomparso in mare il 3.2.1943 unitamente a 169 marinai dell’equipaggio del regio cacciatorpediniere Saetta spezzatosi in due urtando una mina al largo di Biserta.
Per non dimenticare, mai.

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Recensioni. Permalink.

16 risposte a Marinaio fochista Salvatore Schettino

  1. Antonello dice:

    Parente del comandante Schettino della Concordia? Vedo una certa somiglianza.
    Cordiali saluti.
    A. Leone

  2. Lidia Aiello dice:

    Il mare : la nostra vita . la nostra storia…buon giorno Lidia…

  3. Capelli Bruno dice:

    onore a loro…………w l’italia

  4. Alegra Carnevale dice:

    R.I.P.

  5. Cosimo Moliterno dice:

    Onore a loro .E come servitori della Patria che non siano dimenticati..

  6. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    sicuramente non era parente del Schettino del concordia vero? onore a l’oro.

  7. Antonio Caputo dice:

    Dedicata a tutti quei marinai che almeno una volta nella loro vita, si sono ritrovati soli e abbandonati in una notte di luna piena nell’immenso mare.

  8. Marulli Claudio dice:

    onore!

  9. Vito Verde dice:

    e tu non sei parente del di lorenzo ministro ladrone, vero Di Lorenzo Giuseppe?

  10. Clara Funiciello dice:

    onore a tutti i militari caduti e dispersi in mare!!!

  11. Giovanni Montino dice:

    notte a tutti fra’ lontani e vicini, e che egli segui la nostra strada e che ci accompagni fino alla fine.

  12. Franco La Rosa dice:

    Grazie, sopratutto x quelli che sono in cielo.

  13. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    per Vito, assolutamente no, lui e Campano, io sono Pugliese, lui era de Lorenzo, io sono Di Lorenzo, cose molto diverse come vedi, un parente così l’avrei ammazzato.

  14. Don Gino Delogu dice:

    Ricordiamoci sempre di tutti i morti, specialmente quelli morti per una inconcepibile violenza.”

  15. Angela Guida dice:

    E nei nostri sogni….che ritroviamo chi abbiamo amato e perduto per sempre….e nei nostri sogni che la vita continua con loro.
    Basta solo aspettare la notte.

  16. Ornella Aimone dice:

    Giovani vite disintegrate, che non hanno avuto un futuro, disperse come cellule in mare aperto. Poveri genitori, senza una tomba su cui piangere o deporre un fiore. Orgoglio sì, ma anche rabbia, per una patria che spesso non sa difenderli. Onori a loro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *