Emigrante di poppa dallo straripante sorriso

di Loris Babini (*)

Ciao Ezio,
il tuo è un bel libro perché fà pensare alle cose vere e concrete della vita, tra cui i sogni.
Ho letto la tua storia frapponendo alla lettura ampi spazi di riflessione sulla mia storia di vita e le ho vissute come su due binari paralleli confrontando di volta in volta coincidenze e divergenze sempre
in un ordinato turbinio di ricordi e di emozioni.
Non so dirti se sia meglio essere emigranti di prua o di poppa; forse è saggio stare al centro della nave e guardare a 360° (vivendo al meglio il presente), guardando magari prima a prua (per non lasciarci sfuggire quello che ci sta davanti) ma poi guardare anche a poppa (per non dimenticare
quello che ci sta dietro) magari per apprezzare di più presente e futuro.
Per quanto aperti a guardare al futuro credo che per i “figli di povera gente” sia inevitabile guardarsi indietro.
Questo è quanto mi sento di sintetizzare per una recensione rivolta anche al pubblico ma potrei scriverti molto di più  in una…come dire “confidenza privata” ad alto impatto emotivo per i protagonisti e forse di modesto interesse per il pubblico.

(*) http://www.lavocedelmarinaio.com/2011/11/straripante-sorriso/

Titolo: Emigrante di poppa;
Autore: Ezio Vinciguerra;
Romanzo Breve
ISBN 978-88-96028-50-6
Prezzo: €3,00 + 2€ spedizione
In vendita presso:
www.lavocedelmarinaio.com
su internet digitando il titolo del libro

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Emigrante di poppa, Racconti, Recensioni. Permalink.

21 risposte a Emigrante di poppa dallo straripante sorriso

  1. Pasquale Biscotti dice:

    ‎… gli ideali di libertà volano sempre più in alto…
    sorvolano il mare immenso nel suo orizzonte di libertà infinita…

    Buona serata amici, fratelli…

  2. Bruno Caleffi dice:

    LUNA, chissa’ quanti, come, me, seduto in controplancia, ti hanno fatto domande. Hai risposto a tutti ???

  3. Gianna Barison dice:

    …che meraviglia leggervi stupenda buona serata ciaoo

  4. Alfredo della Volpe dice:

    Ciao carissimi… me rispondeva che quando diventava un quarto di… era l’ora del cambio al timone ed io, non vedevo l’ora che il quarto di… arrivasse. Ciao bruno e stammi sempre bene.

  5. romano mascagni dice:

    Cosi giovani eravate già romantici,figuriamoci oggi ora capisco tante cose su voi due? buona giornata rt at di mare

  6. Bruno Caleffi dice:

    Vedi?? cosa fa il mare, ma lo eri anche tu, non mentire. Come va?? E’ nevicato??? mancava solo la neve, non bastava il terremoto??. A proposito l’hai sentito ?? mia sorella tanto e si e’ spaventata. Ciao frat una buona giornata.

  7. Alfredo della Volpe dice:

    A volte si dice il colpo di sole. Ma, quel Romanaccio di un Romanà, ogni tanto, prende il colpo di mare. Statemi bene fratelli e, riguardatevi dal freddo.

  8. ezio vinciguerra dice:

    ‎:-) Ciao marinai di neve anch’io gli ho fatto tante domande e non ci crederai lei mi ha sempre risposto. Un abbraccio grande, profondo e trasparente come il nostro mare e un saluto anche a tutti gli amici che hanno commentato questo bellissimo post.

  9. Bruno Caleffi dice:

    ciao Ezio, questa luna e’ Sarda, sul traghetto di ritorno. ciao fra emigrante di poppa.

  10. Paolo Lella dice:

    Grazie mille Ezio quello che ha provato Loris l’ho provato anch’io nel leggervi!!!

  11. Vitantonio Giuliani dice:

    Vitantonio Giuliani

    Una volta marinai, marinai per sempre!, ed amici per tutta la vita, grazie Ezio del pensiero

  12. Giandomenico Mereu dice:

    Pochi, sono quelli che possono permettersi di dare “del tu” al mare. Quei pochi, non lo hanno mai fatto.

  13. Loris Babini dice:

    Ciao Ezio, ben trovato!
    Da mè il momento non è solo gelido ma è proprio nevoso. Sta nevicando da oltre trenta ore di quella neve leggera e “buona che sembra venire da dove la fanno per l’esportazione” per giunta è freddo e non ne và perso un fiocco, in ogni caso non mi preoccupa più di tanto, è una vecchia conoscenza di stagione. Se tanto mi dà tanto “l’ammiraglia” alle sue altitudini ha la neve al primo piano!
    Grazie per la pubblicazione, mi sono riletto è ho rivissuto cose che mi hanno fatto piacere. Grazie anche per la foto da motociclista mi ha fatto ricordare un pensiero di mio padre il quale un giorno disse in dialetto romagnolo che ti traduco: “muoio contento perchè ho visto tante cose che ci hanno portato a vivere meglio non sciupatele e non abusate di questa possibilità” Se sapesse che la “sua lambretta” così carica della sua vita e perfettamente funzionante può essere vista praticamente da tutto il mondo sarebbe felicissimo quanto incredulo.
    Non preoccuparti per il ritardo il mio è un “gioco” che può aspettare, quella della Costa Concordia purtroppo è una tragedia che merita riflessioni immediate. Ho seguito in silenzio ma con interesse articoli e commenti, sul tuo blog non è episodico che io scelga il silenzio è una mia tipicità quando sono in gioco sentimenti forti, la materia è complessa e non ne sono competente ovvero organismi preposti lo sono e poi ci sono vittime innocenti che in luogo di una gioia della vita hanno trovato la morte e meritano il massimo rispetto oltre le facili polemiche giuste o ingiuste che siano. Tuttavia colgo questa occasione rompendo il silenzio per dire solo due cose, di segno contrario senza enfasi e con molto garbo: Un plauso ai soccorritori che rischiano la loro vita immergendosi in profondità in condizioni così precarie e difficili. Una censura assoluta per quei soggetti che, anche da molto lontano, vanno a farsi la foto ricordo con lo sfondo di quella immagine tragica. Mi sembra irrispettoso per le vittime e per tutti coloro che quella tragedia hanno vissuto. Proprio non capisco questo interesse morboso, o miseria umana che dir si voglia; comunque per fortuna non siamo tutti uguali e potrei anche sbagliarmi.
    Direi che con queste temperature ricambiare il caloroso abbraccio è quanto mai utile.
    A risentirci.
    Loris

  14. Alessio Mantelli dice:

    Grazie mille Ezio, le tue parole sono un grande regalo

  15. Paolo Belli dice:

    rispetto la tua opinione e il tuo modo di proporti Ezio 🙂

  16. ezio vinciguerra dice:

    🙂

    Paolo carissimo grazie per avere sottolineato con questo passaggio cosa pensi del libro e di me.
    La cosa è reciproca è come ti dico da tempi non sospetti chi sa fare la musica la fa, chi non la sa fare la insegna. Ciao Dottor Funk e Mr. Jazz

  17. ezio vinciguerra dice:

    GLI ABBRACCI SONO STATI INVENTATI PER FAR SAPERE ALLE PERSONE COME TE CHE GLI VUOI BENE.

  18. Anna Maria Filigheddu dice:

    🙂 Ezio permettimi di aggiungere alla tua frase, conoscendo tutte e due, …senza dover dire nulla.
    Un abbraccio A.M.

  19. ezio vinciguerra dice:

    Ciao Anna Maria …e a volte le parole sono inutili.

  20. Anna Maria Filigheddu dice:

    VERISSIMO!!!!!!!!!!! CIAO EZIO:::)))))

  21. Loris parla di neve e ci dice: “è una vecchia conoscenza di stagione. Se tanto mi dà tanto “l’ammiraglia” alle sue altitudini ha la neve al primo piano!”

    Mi dispiace contraddirti, ma qui sembra un’isola felice.
    Scusate ma mi viene da ridere su questo strano detto, che mi è venuto automatico, e che in Trentino non dovrebbe essere all’ordine del giorno! Un’isola … e il mare dov’è?

    Ma tornando a noi e al meteo … non ci crederete ma da me non c’è neve!
    Ne sono caduti circa 3 cm la notte tra mercoledì e giovedì, ieri è stato nuvoloso tutto il giorno (ma senza precipitazioni di alcun genere, nemmeno acqua!) e oggi c’era il sole. Ovviamente parlo della città, la situazione a circa 200 msl, però anche in montagna mi dicono che la situazione non è tanto diversa.
    In compenso sta arrivando un po’ di freddo, oggi pomeriggio per la prima volta, ma niente di anormale per gennaio (anche se con qualche giorno di ritardo ah ah ah).

    Permettetemi una piccola leggera divagazione, riguardo a quello che Loris dice della povera nave.
    Non mi meraviglio più di tanto di certi stupidi e assurdi comportamenti dei “turisti del macabro” … ormai la tv ci presenta tutto come fosse un film e non la realtà … ormai, credo, e purtroppo, c’è gente che non conosce più limiti tra realtà e finzione! Chissà dove andremo a finire, di questo passo!
    Buon fine settimana … dal Trentino soleggiato!
    Ciao ciao
    Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *