La polena

di Roberta – Ammiraglia 88
www.ammiraglia88.it
www.mondovespucci.com

Sulla prora della nave è posta una statua di legno, una scultura a volte dorata, e il suo nome è polena.
Il nome deriva dal francese “chaussures poulaine” che identifica un particolare tipo di scarpe polacche. Queste sono molto allungate ed hanno le punte all’insù. Le statue poste sulle navi si trovano  in alto, e all’esterno dello scafo, e sono quindi come dei rostri; per questo vengono chiamate polene.
La nave veniva spesso dedicata ad una divinità, di cui a volte portava il nome e che, secondo la superstizione innata dei marinai, conseguentemente era presente a bordo per proteggere l’equipaggio.
Nel tempo la “presenza” di tale divinità viene sostituita dalla polena a cui erano attribuiti poteri soprannaturali. La polena sfidava le onde ed era l’anima della nave.
Le figure rappresentate erano spesso spaventosi mostri marini, draghi, leoni, ma anche aquile, cavalli alati, figure mitologiche, guerrieri, che acquisivano il favore della divinità perché la domavano, incutevano terrore e quindi la scacciavano. A queste sculture poco gradevoli si aggiunsero le figure femminili, sirene e donne seminude con i capelli al vento.
I marinai erano convinti che la polena, posta sulla prora e ben visibile per prima mano a mano che la nave avanzava, li avrebbe difesi da sciagure naturali, dal maltempo, dalla correnti marine, e da ignote forze soprannaturali delle quali avevano paura.
Alla fine del 1500 si diffuse in tutto l’Occidente l’arte di creare le polene, che durò fino al 1800, quando diminuì l’uso del legno e subentrò quello del metallo. In questo periodo, nei maggiori porti d’Europa, ma in particolare a Genova, Venezia, Londra e Siviglia, si trovavano molti artisti specializzati nella decorazione delle figure di prua: donne, santi, cavalli marini, grifoni, unicorni, leoni, divinità pagane dei mari, sirene, satiri, eroi, santi e paladini.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Storia, Velieri. Permalink.

3 risposte a La polena

  1. Cosimo Maruccia dice:

    Grazie Ezio, grazie di cuore a te e a Roberta. Come tu dici Marinai si nasce e si rimane per sempre grazie ancora un abbraccio ciao cosimo

  2. William Mazzoni dice:

    Ezione, devi mettere la foto di profilo anziché la polena, attuale abbronzatura compresa, se vedemo ad agosto, rientro traumatico !!!!!!!;-)

  3. Ezio Vinciguerra dice:

    Ciao Willy…
    L’abbronzatura si è già sbiadita mannaggia.
    Hai fatto bene a staccare la spina soprattutto per i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *