La Vipera convertita

(Trilussa)

Appena la vipera si accorse

di essere vecchia e sdentata, cambiò vita.

S’era pentita? Forse.

Lo disse al Pipistrello: “Mi ritiro

in un orto di monache qui intorno,

e farò penitenza sino al giorno

in cui non m’esce fuori l’ultimo respiro.

Così riparerò, con un bell’atto,

a tanto male inutile che ho fatto…”,

“Capisco – le rispose il Pipistrello –

la crisi di coscienza è sufficiente

per aggiustare gli sbagli del cervello:

ma il veleno che hai sparso fra la gente,

crisi o non crisi, resta sempre quello.


…sembra scritta adesso
!

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Poesie. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *