Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

17.4.1941, affondamento regia nave Baleno

di Carlo Di Nitto

Questa unità, classe “Dardo”, dislocava 1920 tonnellate. Costruito nei cantieri navali del Quarnaro di Fiume, era stato impostato nel 1930, varato nel 1931 ed era entrato in servizio dal 1932.
Il 17.04.1941 venne affondato in combattimento contro unità navali britanniche presso le secche di Kerkenah.
All’inizio del combattimento il Baleno, che procedeva di lato al convoglio che scortava, fu cannoneggiato dalle navi nemiche senza aver il tempo di reagire. Il primo proiettile esplose in plancia uccidendo gli ufficiali; altri due perforarono lo scafo e centrarono la sala macchine, mettendo i motori fuori uso. In fiamme, immobilizzato e con l’armamento fuori uso, con quasi tutto l’equipaggio morto o ferito, il Baleno andò ad incagliarsi sulle secche di Kerkenah.
I sopravvissuti furono solo 37.
Irrimediabilmente danneggiato ed ormai abbandonato dall’equipaggio superstite, il Baleno si capovolse ed affondò.
L’unità aveva effettuato intensa attività bellica (64 missioni di guerra delle quali 3 con le forze navali, 7 di caccia antisommergibile, 22 di scorta convogli, 5 addestrative e 27 di trasferimento o di altro tipo), percorrendo 18.782 miglia.
ONORE AI SUOI CADUTI 

Distintivo in argento del regio cacciatorpediniere Baleno.

7 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *