Che cos'è la Marina Militare?,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni

Il valoroso regio cacciatorpediniere Euro (2°)

a cura Carlo Di Nitto


Il regio cacciatorpediniere Euro (2°), classe “Turbine”, dislocava 1210 tonnellate. Costruito nei Cantieri Navali del Tirreno di Riva Trigoso, venne varato nel 1927 ed entrò in servizio lo stesso anno. Dopo aver preso parte alla guerra di Spagna, durante la Seconda guerra mondiale, svolse una intensissima attività nella scorta di convogli per l’Africa settentrionale al comando del Capitano di Corvetta Giuseppe Cigala Fulgosi, medaglia d’oro al Valor Militare. Alla proclamazione dell’armistizio, al comando del Capitano di Fregata. Vittorio Meneghini, prese parte attiva alla battaglia per la difesa dell’isola di Lero (Egeo).
Fu affondato durante un attacco aereo tedesco nella rada di Parteni il 1° ottobre 1943 e i superstiti membri dell’equipaggio, guidati dal Comandante, continuarono a combattere sull’isola e furono tra gli ultimi a cessare la resistenza dopo la resa di Lero, avvenuta il 17/11/1943.
Il comandante Meneghini venne fucilato e alla sua Memoria fu conferita la medaglia d’oro al Valor Militare.

3 commenti

  • Bruno Henning Castellani di Malo

    E SEMPRE NEWLLA MIA MENTE LA NAVE LOREDAN CHE HA PORTATO VIA MIO PADRE TANTI ANNI FA

  • Bruno Henning Castellani di Malo

    LA GUERRA NOBN HA MAI UNITO NESSUNO E L’ODIO NOIBN PORTA MAI GIOIA MA DOLORE

  • Alberto De rizzo

    “Sulle tracce del Sergente Giovanni Ralla. ”
    Salve a tutti , mi piacerebbe trovare notizie sul sergente furiere Giovanni Ralla ; imbarcato sul cacciatorpediniere Euro, il primo ottobre 1943 , sopravvisse all ‘ attacco aereo tedesco , fu fatto prigioniero e deportato in Germania . Rientrò a fine conflitto in Patria presso l ‘ ammiragliato di Trapani.
    Da una lettera da me ritrovata , ho letto che il sergente e mio zio erano molto amici.
    Mio zio , Francesco De Rizzo di Schio, il primo ottobre 1943 , fu’ tra i marinai caduti e il Giovanni Ralla in una lettera descrive le drammatiche circostanze di quell’ evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *