Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni,  Storia

17.1.1944 Viterbo, il bombardamento della stazione autocorriere Garbini


di Giorgio Ciatti

https://www.facebook.com/giorgio.ciatti



Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com
17 gennaio 1944 …schegge di vita vissuta, per non dimenticare, mai.



Giorgio Ciatti per www.lavocedelmarinaio.comIl primo bombardamento del 1944 avvenne alle ore 13,15 e colpì sanguinosamente Viterbo e la sua Provincia. Tre formazioni di quadrimotori “Liberator” sorvolavano la città dirigendosi verso Orte, quando improvvisamente alcuni bombardieri si staccarono dal gruppo e sganciarono circa 90 tonnellate di bombe (il calcolo approssimativo fu fatto con il recupero di tre bombe rimaste inesplose presso le case adiacenti il passaggio a livello).
Fu colpita la zona tra le stazioni ferroviarie di Porta Fiorentina e della Roma Nord, e il capolinea delle autocorriere della Ditta Garbini, posto all’angolo tra piazza Umberto I (ora Piazza Gramsci) e via di Porta Murata (ora via San Bonaventura); oltre alle tre stazioni, furono danneggiate numerose case, un ristorante affollato (“Il Bersagliere”  situato nei pressi dell’attuale pasticceria Lombardelli), la Basilica di S. Francesco; causando la morte di due religiosi e il ferimento di un terzo; si salvò P. Giovanni Auda e che fu poi l’artefice della ricostruzione, e la caserma Bazzichelli,  adibita a Distretto Militare.
17.1.1944 il bombardamento su Viterbo stazione autocarri Garbini - www.lavocedelmarinaio.com - copia
Secondo un elenco pubblicato da un giornale locale, i morti furono 73, 7 i dispersi e 94 i feriti; alcuni morirono perché non fu possibile estrarli in tempo dalle macerie per mancanza di mezzi adeguati.
Mi sembra di sentire ancora i lamenti dei feriti che provenivano da sotto le macerie, e mentre passava il tempo, andavano sempre più affievolendosi fino a cessare del tutto; vedo ancora le volute di  fumo che uscivano tra i sassi e i calcinacci, per l’incendio sviluppatosi dai pullman andati distrutti
Fu scelta di proposito l’ora delle 13,15 perché coincideva con la partenza dei pullman che collegavano quei paesi della provincia non serviti dalle due ferrovie; era quella l’ora in cui facevano ritorno ai loro paesi i poveri cristi, dopo essere venuti a Viterbo magari per acquistare qualcosa non soggetta alla carta annonaria; e tornavano a casa gli studenti venuti in città per frequentare le scuole di grado superiore.
17.1.1944 il bombardamento su Viterbo - www.lavocedelmarinaio.comNon essendoci in quella stazione insediamenti militari, quale era lo scopo?
A parer mio, quello di provocare più vittime civili possibili, affinché la popolazione esausta si ribellasse al regime e alle forze di “occupazione” (eravamo stati noi ad invitarli in casa nostra).
Mi sono sempre domandato: come facevano gli Anglo-Americani a conoscere l’ora esatta della partenza dei pullman, l’ora in cui la stazione sarebbe stata più affollata?
L’unica risposta che mi sono dato: c’era a Viterbo un “informatore”; l’unico individuo che, negli anni a venire, avrebbe portato sulla coscienza la paternità di quell’inutile (e sottolineo inutile) eccidio.

I dati relativi al bombardamento sono stati rilevati dall’archivio storico presso l’ottica di Attilio Sorrini.

Giorgio Ciatti marinaio viterbese - www.lavocedelmarinaio.com

13 commenti

  • EZIO VINCIGUERRA

    Si ringrazia Giorgio Ciatti per questa suo racconto testimonianza che ci fa comprendere un periodo della nostra recente italica storia utile per la banca della memoria e quindi per non dimenticare mai.

  • Ugo Conte

    che grandissima …certo gli alleati condannavano i tedeschi per i bonbardamenti su’ Londra ed altre citta’…ma anche loro in Italia..non furono da menoooo…quante inutili stragi…!!!

  • Antonio Bottiani

    per non parlare della scuola elementare di Gorla e del treno di pendolari a Gallarate.. pochi ricordano

  • enzo forieri

    Ero al cancello dell’ autolinea Garbini esattamente alle ore 1,35 del 17- 1- 44 assieme a mia madre alla ricerca di mio padre che ritenevamo essere in zona e che non si era mostrato, ho visto estrarre una donna morta schiacciata dall’anta sinistra divelta, mi fu ordinato da un sottufficiale tedesco di unirmi ai soccorsi ma ne fui esonerato grazie a mia madre che gli fece notare che avevo solo 10 anni, questa mia vuole essere un omaggio a quel militare dimenticato che nella circostanza ed in assenza altre autorità locali si prodigò ad organizzare i soccorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *