L’arsenale di Taranto in nave Apuliam Tarenti deductam

di Pancrazio “Ezio Vinciguerra”

…era il 22 settembre 1889, in nave “Apuliam” Tarenti deductam

Ezio Vinciguerra (www.lavocedelmarinaio.com)La costruzione dell’Arsenale di Taranto fu decretata dal Parlamento con la legge n. 833 del 29 giugno 1882 che stanziava l’allora somma di lire 9.300.000. I lavori iniziarono nel settembre 1883 con la costruzione di:
-un canale di comunicazione, fra la rada (mar Grande) ed il mar Piccolo;
-un muro di cinta (lato est);
-un bacino di raddobbo, il Principe di Napoli, capace di ricevere le più grandi navi da guerra;
-uno scalo di costruzione;
– le officine occorrenti per il bacino e lo scalo;
– un magazzino per i viveri e due grandi cisterne d’acqua;
– una gru idraulica da 160 t.

Progetto Arsenale di Taranto - www.lavocedelmarinao.com - Copia
Il 21 agosto 1889 l’arsenale fu inaugurato alla presenza di Re Umberto I.
La Direzione Generale fu realizzata a livello della città nuova al termine di quello che sarebbe diventato l’asse centrale dello sviluppo urbanistico di Taranto (via D’Aquino – via Di Palma).
L’Arsenale Militare Marittimo, progettato anche per la costruzione di navi, vede impostare il 14 marzo 1894 la sua prima unità da guerra, l’Ariete-torpediniere Puglia, varata il 22 settembre 1898 alla presenza dei Principi di Napoli.

In navem Apuliam, Tarenti deductam - www.lavocedelmarinaio.com - Copia

Seguiranno la costruzione del bacino galleggiante GO 9, del rimorchiatore S. Andrea, del ferry-boat Messina per le FF.SS., dei rimorchiatori Sperone, Capo Circeo e Capo Rizzuto, delle motocannoniere Lampo e Baleno ed infine dell’unità da sbarco Quarto varata il 18 marzo 1967, anno in cui la Marina Militare decise di abbandonare le nuove costruzioni per dedicare le proprie risorse ai soli compiti di supporto e mantenimento in efficienza della flotta.

arsenale-di-Taranto-oggi-www.lavocedelmarinaio.com_

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *