Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

11.9.1943, affondamento regia nave Quintino Sella

a cura Antonio Cimmino

BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI

Sergente SDT Alessandro Coppola nato a Castellammare di Stabia (NA) deceduto assieme ad altri 26 membri dell’equipaggio e circa 200 civili  a seguito dell’affondamento della regio cacciatorpediniere Quintino Sella ad opera di motosilurante tedesca S54.
(Alto Adriatico 11 settembre 1943)

11.9.1943 Quintino Sella - sergente Alessandro Coppola -www.lavocedelmarinaio.com Copia

11 commenti

  • EZIO VINCIGUERRA

    Adesso riposano in pace… banca della memoria a cura Antonio Cimmino per non dimenticare mai.

  • cosimo vasta

    io ero prigioniero a bordo del leopardi proveniente da fiume le motosiluranti che voi dite hanno teso l’agguato al q. sella imbarcando due nostri ufficiali e alzata la nostra bandiera italiano passando sotto bordo al sella poi sisono nascosti dietro il piroscofo praticamente il q. sella è stato ingannato. sulla scena si è presentato anche un sommergibile ma non si è capito la sua nazionalita e sparito subito dalla scena e pensareche ha un pranzo dinozze ho cosciuto uno dei due tenentini presi in ostaggio. sono un ex marinaio eletricista il 12 settembre compivo 18 anni. scusate la mia brevità adesso ho 89 anni ma volevo precisare quello che voi non dite,vi sembra che siano stati due eroi quei due tenentini, mentre io sono stato epurato dalla marina per aver aderito alla rep. di salò con tanta fettuosità.

  • Enzo Calabresi

    Un mio conoscente, conserva quale ricordo di famiglia, una Medaglia di Bronzo al Valore Militare del tipo conferito dalla Repubblica italiana, la cui incisione nominativa, riporta “SILVIO MASTROCCHIO – Alto Adriatico 11-IX-1943”, che come data e luogo, coincide con l’affondamento del Quintino Sella.
    Purtroppo, nella schedatura online dei decorati al V.M. sul sito dell’Istituto del Nastro Azzurro, non ho trovato il nominativo e relativa motivazione, ma è noto che quegli elenchi sono ancora da completare. Il mio conoscente, non ha idea di come quella medaglia sia entrata in possesso della famiglia, anche se a memoria dei genitori, ormai defunti, dei lontani parenti avevano il cognome Mastrocchio.
    Sarei felice di poter approfondire questa vicenda.
    La mia email è enzcalab@alice.it

  • Enzo Calabresi

    Vito Vavallo, fu Motorista Navale a bordo della Cannoniera “Aurora”, affondata in combattimento contro unità tedesche.
    Questi, scomparve con l’unità, non abbandonando il proprio posto di combattimento.
    Per il suo segnalato valore, gli fu conferita una Medaglia di Bronzo al Valor Militare “Alla Memoria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *