29 commenti

  • Rita Cece

    …Vi auguro una giornata Speciale, Unica, come poche…una di quelle giornate che cominciano col sorriso e terminano con la serenità…
    una di quelle che inaspettatamente Vi porta quel qualcosa che attendi da tanto tempo…una di quelle così rare e preziose da diventare uno dei tuoi ricordi più belli…
    Vi auguro che oggi il vostro desiderio vi porti esattamente dove tu desideri andare!!! BUONGIORNO…

  • Tommy Ortega

    ma penso che per lo più, ce l’hai nel sangue, vuoi per tradizione familiare vuoi perchè sei nato sul mare… poi, logico, puoi anche diventarlo.. col tempo

  • Pietro Fredro

    foderina del romanzo “Marinai ” di Giuseppe Pederzoli, che fotografa lo spirito dei marinai, si nasce o si diventa, in entrambi i casi, marinai per sempre.

  • Joseph Gorgone

    Marinai si nasce, non si diventa, lo devi avere nel tuo DNA! Un caro saluto a tutti voi FRA’ d’oltre Oceano e sparsi nel mondo!

  • EZIO VINCIGUERRA

    si propende di più sul “si nasce”… Colgo l’occasione per augurarvi un buon fine settimana a tutti.
    P.s. Pietro Fredro io ho letto il libro in navigazione mentre stavo lontano casa da circa 6 mesi…ho pianto per la commozione. L’ho riletto e, allo stesso punto ho ripianto per la commozione.

  • Salvatore

    Bellissimo romanzo di Giuseppe Pederiali edito dalla Rizzoli . Comprato negli anni ’90 per caso su una bancarella …L’ho letto tre volte …E confermo che MARINAI SI NASCE
    Grazie Ezio e buon fine settimana anche a te

  • Pietro Fredro

    caro ezio, io sono nato in un paese di collina oltretutto al centro d’Italia dove per vedere il mare allora si doveva fare 1/2 giornata di treno, il mare l’ho visto solo nelle colonie marine, ma devo dirti che mi ha sempre affascinato, come le letture di E:Salgari, anche lui non era marinaio ma ha vissuto le sue avventure con la fantasia, mi domando ? per sentire il mare ci si deve nascere ? io penso che lo si sente dentro è come una spinta irrefrenabile, altrimenti chi me l’ho avrebbe fatto ad arruolarmi, p.s. l’autore dei marinai è giuseppe pederiali, anche lui nato nel 1937, in un paese dell’entroterra emiliano, nel racconto vive un’esperienza personale che anch’io ho vissuto d’altronde siamo tutti e due del 37/38, ciao e scusami per la troppa lungaggine.

  • Francesco Intrepido

    Ciao Pietro, la domanda che ci poni non è così difficile e ti posso dire che personalmente vivere vicino al mare (50 metri) diventi un’unica cosa indivisibile e te lo dimostra quando sei costretto ad allontanarti, io non mi ero mai allontanato dalla Sardegna ma la chiamata al servizio militare (MARINA) mi ha fatto conoscere il mare sotto un altro aspetto e finita la naia (non noia) sono ritornato in paese, ora a 65 anni se devo riflettere su qualcosa mi siedo su uno scoglio e sembra che lo sbattere delle onde mi favorisca a trovare una soluzione. Un caro saluto.

  • EZIO VINCIGUERRA

    Carissimo Francesco Intrepido anch’io rifletto tantissimo vicino a quello scoglio. Non sempre trovo la soluzione a tutti i miei quesiti ma una cosa è certa: la vicinanza al profumo del mare mi aiuta a proseguire “serenamente” e, allo stesso tempo, a caricare le pile per affrontare le situazioni quotidiane. Grazie a te per questa bellissima testimonianza e un abbraccio.

  • Enzo Ciulla

    Un grazie di cuore per l’iscrizione al gruppo , marinai si nasce.Sono fiero di essere stato un sottufficiale della MARINA MILITARE.

  • ANNA TACCORI

    EZIO MA CHE TUA MADRE TI HA FATTO NASCERE IN PISCINA ? Mio marito era capitano di lungo corso e non ho mai capito bene chi amava di più , ME o il MARE .AHAHAHAAH 🙂

  • EZIO VINCIGUERRA

    Buona questa …sono nato praticamente a mare prima mi hanno svezzato i pescatori e poi i marinai. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *