Evviva Don Enrico

di Marino Miccoli

…in ricordo del primo Presidente della nostra Repubblica.

Il giorno della consultazione referendaria fu il 2 giugno 1946 gli italiani andarono a votare nella calma generale e in un’atmosfera quasi festosa, perché si tornava a votare dopo molti anni. Per la prima volta votavano tutti: uomini e finalmente anche le donne con più di ventuno anni.
I risultati furono i seguenti: per la Repubblica il 54% dei voti, per la Monarchia il 46%.
L’Italia, per volontà popolare, diveniva quindi una Repubblica.
Il Re (luogotenente del regno Umberto II di Savoia) doveva pertanto lasciare l’Italia per l’esilio.
Il 28 giugno 1946 Enrico De Nicola fu eletto il primo presidente della Repubblica al primo scrutinio con 396 voti su 501. L’illustre giurista (era un affermato avvocato penalista) era nato a Napoli nel 1877 e viveva a Torre del Greco, dove la maggioranza degli abitanti aveva votato per la Monarchia. Quando gli abitanti della bella cittadina partenopea seppero che Enrico De Nicola era il Presidente della Repubblica, si recarono davanti alla sua villa, lo applaudirono e lo acclamarono gridando: “Viva Don Enrico, viva la Repubblica!”.
Era stato eletto Presidente della Camera dei Deputati il 26 giugno 1920 e confermato nella legislatura successiva fino al 25 gennaio 1924. Durante il fascismo si era ritirato dalla vita politica attiva dedicandosi esclusivamente all’esercizio della professione forense. Nominato Senatore del Regno nel 1929, fermo nei suoi principi e in segno di protesta nei confronti della Dittatura di Mussolini, non ha voluto più partecipare ai lavori dell’Assemblea parlamentare.
Era un uomo di grande valore e saggezza, irremovibile nei suoi principi, estremamente coerente nelle sue convinzioni e fermo nelle decisioni, tanto che più di una volta si dimostrò pronto a dimettersi dalle varie e importanti cariche che ricoprì.
Morì nel 1959.

Al termine di questo mio breve scritto che affido con piacere a Ezio Vinciguerra per la pubblicazione sul sito de LA VOCE DEL MARINAIO, non posso esimermi dal citare una celebre quanto significativa frase del primo Presidente della Repubblica, da Lui pronunciata in un discorso al Senato il 26 febbraio 1954, che ci fa capire subito quanto fosse grande la sua statura morale di uomo politico vero, onesto e integerrimo:

“Occorre rinsaldare negli animi degli italiani quel senso di fiducia nella nostra vita politica che nasce dalla volontà, non solo conclamata ma anche attuata, di fare tacere i motivi delle discordie per assicurare la tutela dei supremi interessi della Nazione, intesi nella loro necessaria armonia e non nei loro funesti contrasti”.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Storia. Permalink.

5 risposte a Evviva Don Enrico

  1. Marino Miccoli dice:

    Caro il mio maresciallo Vinciguerra,

    non merito i tuoi complimenti per il modesto articolo su Enrico de Nicola, il primo Presidente della nostra amata Repubblica.

    Lo sai bene che, quando posso, contribuisco sempre con piacere al “nostro” blog.

    In merito al penultimo articolo che ti ho inviato, quello PER LA FESTA DELLA MARINA, ti è piaciuta l’immagine che ho allegato? Guardala bene… apprezzane i particolari…

    Ti esorto a farlo perchè l’ho realizzata io personalmente, fotografando una medaglietta portachiavi di mio padre assieme al nastro tricolore! Il tutto su di uno sfondo blu mare…

    E’ proprio bella… non pensi?

    Ciao mio stimato maresciallo.

    Un abbraccio da Marino.

  2. Ezio Pancrazio Vinciguerra dice:

    Carissimo Marino sei prezioso e come l’acqua che ci permette di andare avanti.
    Ho visto l’articolo che mi hai inviato. Ti assicuro che sarà “celebrazione” con tutti gli amici del sito.
    Colgo l’occasione per informarti che domani pubblicherò anche il tuo articolo del 4 giugno e per augurare a te, ai tuoi cari e a tutti gli amici del blog che ci seguono. Buona Festa.

  3. ANMI CATANIA dice:

    Grazie….. di cuore.. dal 1943 questa associazione e’ cambiata molto e spero che cambiera’ ancora in meglio..
    via la marina

  4. Giancarlo Locorotondo dice:

    grazie tanto a presto

  5. Gianluca Orlando dice:

    Ezio bellissime parole ti ringrazio di cuore per il pensiero ti abbraccio forte Gianluca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *