Poesie

L’angelo caduto

(Roberto Cannia)

…ci fu una gran guerra in cielo.

Beffardo governatore del mondo,
da quando l’Eterno ti ha spezzato le ali,
sei diventato il re del mondo.
Il re del male!

Imperatore di un facile regno,
dove il male dilaga senza ritegno,
dove soffrono i deboli, i giusti e gli onesti
e vincono i tuoi servi malvagi è corrotti.

Neppure il sangue dei santi di pietra,
frena la tua ira crudele è cieca.
Ma ricordati che cambiano i governi,
facilmente crollano i regni.

Ti alimenti di bestemmie, ingiustizie e cattiverie
trovando il comburente tra le sudice miserie d’anime
corrotte malate di ricchezze.

Compratore d’anime a basso costo,
finiranno i tuoi affari o essere ingiusto,
quando Dio volgerà il Suo sguardo
sul malefico inganno dell’animo nostro.

Un commento

  • Marino Miccoli

    Congratulazioni, Roberto.
    Hai descritto il male, che contraddistingue il lato oscuro dell’animo umano, in rime che rendono benissimo il significato del tuo messaggio…
    Ma, fortunatamente per noi, Gesù Cristo disse: NON PRAEVALEBUNT!
    Ciao, Roberto! E non stancarti di farci partecipi della tua ricca vena poetica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *