10.4.1943, affondamento della regia nave Gorizia

a cura Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Caratteristiche tecniche e breve storia
Incrociatore pesante Gorizia
Classe Zara (Zara, Fiume, Pola e Gorizia)
Cantiere OTO Livorno
Impostazione 17 marzo 1930
Varo 28 dicembre 1930
Completamento 23 dicembre 1931
Caratteristiche generali
Dislocamento 13.660 (standard) tonnellate, 14.460 (pieno carico) tonnellate
Lunghezza 182,8 metri
Larghezza 20,6 metri
Pescaggio 7,2 metri
Profondità operativa metri
Propulsione 8 caldaie a tubi d’acqua con surriscaldatori tipo Thornycroft 2 gruppi turboriduttori tipo Parsons 2 eliche a tre pale tipo Scaglia
Potenza:95.000 HP
Velocità 33 nodi
Combustibile 2.350 tonnellate di nafta
Autonomia 5.434 miglia a 16 nodi
Equipaggio 31 ufficiali ed 810 marinai
Sistemi difensivi
Armamento artiglieria:
8 cannoni 203/53 mm
12 cannoni 100/47 mm
4 mitragliere da 40/39 mm
8 mitragliere da 13,2 mm
Nel 1942 il Gorizia ebbe aumentato l’armamento contraereo con sistemazione di mitragliere su piazzole installate lateralmente alla torre numero due.
Corazzatura verticale: 150 mm
orizzontale: 70 mm
torrette : 150 mm
Mezzi aerei 2 Ro.43 con una catapulta del tipo Gagnotto a prua, l’aviorimessa per il ricovero dei due aerei, fu ricavata nella struttura dello scafo immediatamente a proravia della prima torre da 203.
Costo dell’unità 112.700.000 lire.

Il 10 aprile 1943 il regio incrociatore Gorizia fu attaccato da 36 aerei e fu presto colpito e messo fuori uso: il ponte fu sostanzialmente divelto dallo scafo, a bordo si svilupparono incendi, l’armamento fu distrutto e numerose falle si aprirono nello scafo.
La nave fu ridotta ad un relitto galleggiante ed ebbe 63 morti (4 ufficiali, 6 sottufficiali, 53 marinai) e 97 feriti. Ciononostante si riuscì a ripararla in modo da consentirle di trasferirsi a La Spezia per evitare un sicuro affondamento (l’indomani, infatti, La Maddalena fu nuovamente attaccata da aerei).
All’Armistizio la nave era ancora inutilizzabile e non poté prendere il mare. La sera del 9 settembre 1943 fu abbandonata dall’equipaggio e catturata dai tedeschi, che la abbandonarono dopo aver asportato tutto ciò che poteva essere usato.
Nel 1945 fu trovato semiaffondato nel porto ligure e non si poté far altro che demolirlo.


QUESTO ARTICOLO E DEDICATO A ARENA GIUSEPPE (1.11.1921 – 21.11.1941) E AI MARINAI CHE NON FECERO PIU’ RIENTRO ALLA BASE.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

4 risposte a 10.4.1943, affondamento della regia nave Gorizia

  1. Nico Rivano dice:

    Stesso giorno ed identico luogo, anche il Trieste.

  2. Raffaele Napolitana dice:

    RR.II.PP.

  3. Antonello Scotto dice:

    Non fu affondata.

  4. Francesco Siciliani dice:

    condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *