10.8.1943, il cantiere navale di Castellammare di Stabia
 viene bombardato

di Antonio Cimmino

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com
Antonio-Cimmino-per-www.lavocedelmarinaio.com_1Gli incrociatori leggeri inglesi HMS AURORA e HMS PENELOPE, dal Golfo di Salerno, altezza Amalfi, alle ore 1.30 con tiro a parabola spararono dai loro 12 cannoni da 152 mm 550 proiettili e 50 di questi raggiunsero il cantiere. Altri proiettili furono ritrovati sui Monti Lattari probabilmente per aggiustare il tiro su indicazione di aerei bengalieri.
Furono colpiti e danneggiati, in maniera non grave, il regio incrociatore Giulio Germanico in allestimento avanzato (94%) poi affondato dai tedeschi dopo l’8 settembre 1943, le regie corvette Cicala e Grillo, il sommergibile FR113 catturato ai francesi, le regie corvette Farfalla e Libellula sullo scalo, una motozattera e un pontone. Alcuni colpi raggiunsero anche gli edifici del cantiere e della Corderia causando la morte di 3 persone ed il ferimento di altre.
I cacciatorpediniere HMS JERVIS e HMS PALADIN impegnarono le batterie costiere con i loro 12 cannoni da 152. L’intera azione durò meno di un’ora.
Alla fine le quattro unità inglesi unitamente ad altre tre della Squadra Q rientrarono a Biserta.

10.8.1943 il bombardamento del cantiere di Castellammare di Stabia - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Calendario A.N.M.I. Stabia 2016, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

13 risposte a 10.8.1943, il cantiere navale di Castellammare di Stabia
 viene bombardato

  1. Dimitrij Turco dice:

    Interessante….

  2. Elio Masini dice:

    ma possibile che non visia stato un contrasto da parte di unità navali? non era ancora la grande flotta per lo sbarco l’unico contrasto fu fattoda batterie?

  3. Dimitrij Turco dice:

    Ma noi abbiamo mai fatto qualcosa di simile? Francesi e Inglesi sono stati i soli?

  4. Elio Masini dice:

    Tra 1g.m guerra di libia e albania qualcosa ci fu ho dei dati ma devo. Cercarli

  5. Elio Masini dice:

    Tralasciando l’assedio di Gaeta che le navi della Marina sarda e le aggragate ad essa ex brboniche(embrione della Regia) che bombardarono sino alla resa della citta dopo centinaia di civil morti, troviamo il 24 maggio 1915 il bombardamento e il forzamento di PortoBuso con arresa di pchi doganieri Austriaci da parte del CacciaZeffiro della divisione Sardegna. Nel frattempo la flotta austriaca dell’amm. Koudelka bombardarono indisturbati Ancona, Senigallia Vieste Manfredonia Rimini Pesaro

  6. Antonio Cimmino dice:

    condivido

  7. Lavinio Saltini dice:

    condivido

  8. Ugo Conte dice:

    E le nostre ” potenti ” corazzate. ..dove erano? ?

  9. Dimitrij Turco dice:

    Questo lo sapevo, parlavo della II GM…. Dalle memorie di Cunningham la RN allesti’ ed utlilizzo’ pure una flotttiglia di cannoniere per bombardamenti controcosta in Africa Sett. (sempre II GM).

  10. Elio Masini dice:

    Si mi sembra fossero tipo addirittura tipo da diporto anche a vela ma nonostsnte fecero male ricordo di a er letto in proposito ma e un inpresa trovare. Se sai qualcosa mi fsi un favore

  11. Dimitrij Turco dice:

    Ok rispolverero’ di nuovo il libro dell’ Ammiraglio britannico….

  12. Elio Masini dice:

    Perfetto grazie

  13. Dimitrij Turco dice:

    A pg 95 l’ ammiraglio fa questi nomi: Ladybird, Aphis e Gnat armate tutte con cannoni da 152 e il monitore Terror con due cannoni da 381. Queste navi furono utilizzate lungo le coste libiche nel 1940-41 contro il Regio Esercito insieme ad altre che non nomina.A parte il Terror erano navi da 625 tons armate con due cannoni da 152 di vecchio tipo… Solo la Aphis sopravvisse alla campagna. Bersagli preferiti furono Bardia e Tobruk..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *