La documentazione nautica


È l’insieme delle carte nautiche e delle pubblicazioni annesse, indispensabili per la condotta della navigazione marittima.
Il Regolamento per la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare (D.P.R. 8 novembre 1991, n. 435, pubblicato sul Suppl. ord. alla G.U. n. 17 del 22 gennaio 1992), all’art. 136 stabilisce quanto segue:

1. Tutte le navi devono essere dotate delle carte nautiche, generali e particolari, degli avvisi ai naviganti e di ogni altra pubblicazione ed istruzione nautica di cui all’art. 142 che possano essere necessari nel corso del viaggio.
2. Le predette dotazioni devono essere edite da Servizi idrografici di Stato e devono essere costituite da copie dell’ultima edizione valida e quelle in uso devono essere tenute costantemente e tempestivamente aggiornate con le modalità da questi previste
”.

carte nautiche elettroniche - www.lavocedelmarinaio.com

Pertanto, per poter iniziare la navigazione marittima, una qualsiasi nave deve avere a bordo la dotazione nautica sufficiente (in relazione al viaggio da intraprendere), costituita da carte e pubblicazioni edite da un Servizio idrografico di Stato ed aggiornate con l’ultimo avviso ai naviganti dello Stato stesso.
Il Regolamento di sicurezza per le navi abilitate all’esercizio della pesca costiera (locale e ravvicinata), approvato con D.M. 22 giugno 1982, stabilisce all’art. 20 che tutte le navi devono essere dotate di carte nautiche necessarie nell’esercizio dell’attività di pesca.
Inoltre il Regolamento di sicurezza per la navigazione da diporto, approvato con D.M. 5 ottobre 1999, n. 478, stabilisce nella Tabella Allegato B che le imbarcazioni abilitate alla navigazione oltre 12 miglia dalla costa devono essere dotate di strumenti e carte nautiche necessari, in relazione alla navigazione che si vuole intraprendere.
Infine il Regolamento approvato con D.M. 2 luglio 1999 prevede che le carte nautiche su supporto cartaceo prescritte per la navigazione da diporto e per le navi abilitate allo esercizio della pesca costiera possano essere sostituite da sistemi elettronici di ausilio alla navigazione, che impieghino cartografia digitale conforme ai contenuti della Cartografia Ufficiale. Le caratteristiche, i requisiti e gli standard dei sistemi di cui sopra (Electronic Chart Systems) sono stati stabiliti con Decreto 10 luglio 2002. Lo stesso sancisce che un “ECS”, conforme alle specifiche allegate al Decreto e corredato da idonei sistemi di back-up, è idoneo a soddisfare i requisiti della documentazione nautica prescritta per la navigazione da diporto e per le navi abilitate all’ esercizio della pesca costiera.
Di seguito è illustrata, per sommi capi, la documentazione nautica fornita dai Servizi idrografici di Stato (per l’Italia dall’I.I.M.), precisando che, anche se la forma può essere leggermente diversa, sostanzialmente i documenti nautici editi dai vari Servizi si equivalgono. Viene anche descritta sommariamente la carta elettronica che costituisce un nuovo e moderno strumento di navigazione (in fase di avanzata sperimentazione).

Carta nautica tradizionale - www.lavocedelmarinaio.com

Le carte nautiche
Sono delle carte geografiche, generalmente in proiezione di Mercatore, in cui sono rappresentate le informazioni e gli elementi necessari ed utili per la condotta della navigazione. Tra essi ricordiamo: l’andamento batimetrico, i pericoli per la navigazione, i punti cospicui diurni e notturni, le avvertenze, le zone regolamentate ecc (vedi Carta 1111 INT 1 per la simbologia).
Dal punto di vista dell’impiego si possono raggruppare in:
– carte generali a piccola scala (minore di 1 : 1.500.000);
– carte delle traversate e costiere, a media scala (tra 1 : 1.500.000 e 1 : 150.000);
– carte costiere, dei litorali e dei porti, a grande scala (maggiore di 1 : 150.000).
L’I.I.M. pubblica carte generali del bacino del Mediterraneo ed una cartografia nautica completa di carte a media e grande scala per i mari italiani e quelli ad essa adiacenti.
L’indice grafico delle carte pubblicate dall’I.I.M. è riportato nei risguardi anteriore e posteriore, alla pagina III della presente Agenda e sul Catalogo delle carte e delle pubblicazioni nautiche (I.I. 3001).
Le carte nautiche vengono fornite all’utente aggiornate alla data di vendita e di tale aggiornamento è data garanzia con apposito timbro. La responsabilità del successivo aggiornamento sistematico, sulla scorta delle notizie fornite dal fascicolo degli Avvisi ai Naviganti, è dell’utente.
I portolani
Sono documenti complementari alla cartografia nautica. Essi contengono tutte quelle notizie che non possono essere riportate sulle carte: in particolare descrivono la costa come appare al navigante, cioè vista dal mare.
I portolani, di massima, forniscono per una data area geografica, le seguenti informazioni:
– notizie di carattere generale;
– notizie, fornite in forma tabulare, relative ai servizi esistenti nei porti e lungo le coste descritte nel volume;
– la descrizione dell’aspetto verticale della costa e dei punti cospicui presenti lungo la medesima, i pericoli per la navigazione, gli approdi, gli ancoraggi e i porti. Per questi ultimi viene riassunta, ove necessario, la normativa portuale in vigore. Sono corredati da foto di alcuni porti minori e da “vedute” di costa.
L’I.I.M., per le coste del Mediterraneo, pubblica attualmente sette volumi (P1 – P2 – P3 – 1B – 1C – 4 – 6) del portolano propriamente detto, relativo alle acque nazionali e mari d’interesse e due volumi delle “Generalità” (geografiche, talassografiche, meteorologiche, ecc.).
Continua la realizzazione della nuova collana dei portolani italiani in nuovo formato e suddivisi in più fascicoli (a similitudine di P1, P2 e P3).
L’elenco dei fari
È la pubblicazione, in due volumi, annessa alla cartografia nautica ove sono descritti tutti i segnalamenti marittimi (fari, fanali, boe luminose, segnali da nebbia) presenti in mare aperto (piattaforme off-shore, ecc.), lungo le coste e nei porti.
Per ogni segnalamento sono indicate la posizione, le caratteristiche della struttura (forma, colore, quota, ecc.) e le caratteristiche luminose e/o acustiche, necessarie per il suo riconoscimento dal mare.
L’Elenco dei Fari e segnali da nebbia pubblicato dall’I.I.M. interessa le coste del Mediterraneo e del Mar Nero.

Cartografia elettronica - www.lavocedelmarinaio.com

I radioservizi per la navigazione
Sono pubblicazioni annesse alla cartografia nautica, che riportano e descrivono tutti i radioausili alla navigazione marittima (radiofari, risponditori radar, sistemi di radionavigazione, stazioni radio costiere, servizi meteorologici, ecc.).
L’I.I.M. pubblica, sempre limitatamente al Mediterraneo ed al Mar Nero, due volumi. Nel primo sono riportati tutti i servizi relativi a radiofari, stazioni costiere, racons, stazioni VHF, ecc.; nel secondo tutte le notizie relative all’informazione radio-meteorologica.
Altre pubblicazioni
In aggiunta alla documentazione di cui sopra, la dotazione nautica necessaria per intraprendere una navigazione deve comprendere anche altre pubblicazioni nautiche edite dall’I.I.M. quali le Tavole Nautiche, le Tavole di Marea, le Effemeridi Nautiche, le Norme per prevenire gli Abbordi in Mare, le Basi Misurate, ecc. L’elenco completo è consultabile sul Catalogo delle carte e delle pubblicazioni nautiche (I.I. 3001).

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

10 risposte a La documentazione nautica

  1. Giovanni Caruso dice:

    Grazie

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Dedicato a Giovanni Caruso e a tutti coloro che come noi amano il mare

  3. Carlo Luigi Crea dice:

    Buongiorno Ezio

  4. Giovanni Caruso dice:

    Grazie di CUORE 🙂

  5. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Te lo meriti…

  6. Salvatore Cagliari dice:

    mi piace

  7. Francesco Carriglio dice:

    mi piace

  8. Salvatore Puglionisi dice:

    mi piace

  9. Francesco Rini dice:

    MI PIACE

  10. Teresa Arpaia dice:

    MI PIACE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *