Un destino che può accadere a chiunque

di Cinzia Tocci

Una data per tutte: 7 AGOSTO 2003. Oggi, 7 anni dopo: Pasquale Santoro, Lillo per gli amici, sarà alla terza settimana di cure intensive grazie alla solidarietà di molte persone unite nella rete virtuale e nel mondo reale, e grazie anche alla disponibilità della ASL di Brindisi, diretta dal dottor Rodolfo Rollo. Nella stessa settimana, il 10 agosto, una partita del cuore per Lillo, presso lo Stadio Comunale Nicolai di Centobuchi, promossa dal Comitato del Cuore insieme all’Associazione Culturale Musicale senza scopo di lucro IL ROMPIBOLLE, con sede a San Benedetto del Tronto e con il Patrocinio del COMUNE DI MONTEPRANDONE.

Lillo, classe 1979, secondo di quattro figli, è cresciuto vivace come tanti altri bambini, altruista, generoso e ha avuto un sogno costante: entrare a far parte della Marina Militare. Anni dopo ci è riuscito, come gli accade ogni volta che si prefigge un obiettivo. Ma «il 7 agosto 2003, racconta la madre, mentre pranzava, il suo cuore si è arrestato e nonostante la sorella avesse chiamato tempestivamente il 118, i soccorsi sono arrivati in ritardo. Come conseguenza, non ricevendo ossigeno, il suo cervello ha subito danni cerebrali permanenti e la vita di Lillo, come la nostra, è stata da allora stravolta».

Attualmente migliaia di persone(più di 15.600) formano un Gruppo su Facebook che giornalmente sostiene Lillo con dolci pensieri, dediche e auguri. È dal Gruppo che, con un numero più ristretto di amici “intimi” di Lillo, è nato il Comitato del Cuore che, d’accordo con la famiglia Santoro, promuove e organizza iniziative di solidarietà per raccogliere i fondi necessari a dare a Lillo un futuro migliore. Le spese per Lillo sono molte e non basterà un solo ciclo di cure. In Italia ci sono testimonianze di mala sanità, per fortuna non è sempre così. Dopo l’incontro del 22 giugno del Comitato del Cuore con il Direttore Generale della ASL di Brindisi, il dottor Rodolfo Rollo, uomo di alto spessore professionale e umano, il 25 luglio Lillo è volato verso un futuro migliore a bordo di un aereo militare, autorizzato dalla ASL come anche le spese sanitarie delle cure all’estero e al suo rientro lo aspetta un piano di riabilitazione che la ASL stessa si è impegnata a mettere in campo. E intanto, appuntamento per tutti al campo dello stadio Niccolai di Centobuchi, martedì 10 agosto, ingresso 5 EURO, con ricavato devoluto a Lillo e tanti gadget I LOVE LILLO allo stand del Comitato del Cuore, dove oltre a conoscere la storia di Lillo, si potrà contribuire ulteriormente con un piccolo gesto di solidarietà in più.

Oltre a questa iniziativa, in molti si sono uniti intorno alla famiglia Santoro, ognuno come può, fornendo il proprio contributo, tra cui: i tanti amici su Facebook nel Gruppo DIAMO A LILLO UN’OPPORTUNITA’ DI UNA VITA MIGLIORE, il Comitato del Cuore, che a metà agosto evolverà in “L’EQUIPE DEL CUORE” con sede a Palestrina (RM), Associazione senza scopo di lucro per la difesa dei diritti umani, in particolar modo dei diritti alla salute e all’assistenza sanitaria, l’autrice Cinzia Lacalamita, il blog www.lavocedelmarinaio.com, la ASL di Brindisi, nella figura del dottor Rodolfo Rollo e della sua squadra, tra cui citiamo il dottor Angelo Greco, Direttore del Distretto SS n. 3, e il Segretario Fedele Zurlo, oltre al dottor Fabio Colonna che ha certificato, dopo attenta valutazione neuropsicologica di Lillo, la sua effettiva reattività e al dottor Antonio Giaccari vice-prefetto di Brindisi, che ha coordinato il viaggio con l’Aeronautica Militare; il medico di famiglia, dottor Faggiano, i volontari della Confraternita Misericordia di Lizzano, l’ANMI Associazione Italiana Marinai d’Italia nella persona del Presidente Nazionale, Amm. Paolo Pagnottella e di tutta la sua Squadra, il Battaglione San Marco della Marina Militare Italiana e il suo Comandante Lindo Collabolletta, l’ANIS – Associazione Nazionale Istruttori Subacquei e BLUSUB PUNTO BLU.


UN DESTINO CHE PUO’ ACCADERE A CHIUNQUE

Ma a chi può accadere che, in pochi secondi, come è successo a Lillo colpito mentre rideva e scherzava con le sorelle, tutto precipiti e si entri in coma? Può succedere a chiunque e solo un primo soccorso tempestivo, con l’utilizzo di un DAE, ovvero un defibrillatore semi-automatico, entro i primi 5 minuti, può evitare tragiche conseguenze. Solo in Italia, ogni anno, muoiono per arresto cardiaco improvviso 60.000 persone: una ogni 1.000 abitanti, una ogni 9 minuti. In Italia la cultura dell’emergenza sanitaria di primo soccorso è un’oasi lontana e non esistono ancora né una capillare rete di soccorritori laici (non medici), né una vasta diffusione di DAE. La sola legge 120/2001 non basta, senza programmati ed efficienti piani attuativi. Quel 7 agosto di 7 anni fa, il cuore di Lillo si è fermato, ma poi è ripartito, si è ripreso dal coma e il sogno di mamma Luisa è stato da sempre quello di offrire a suo figlio un’opportunità di vita migliore. Nonostante la sua immensa, ma controllata disperazione, mamma Luisa ha continuato a fare ricerche e, nell’ottobre 2009, ha trovato una struttura svizzera adatta a Lillo e ha fatto subito domanda per un ciclo di cure presso la Clinica Valens (http://www.klinik-valens.ch/index_it.php). Tale Casa di Cura è considerata uno dei centri di riabilitazione leader a livello internazionale e deve i propri successi terapeutici tanto al personale altamente specializzato, quanto allo straordinario ambiente che rafforza la volontà di guarigione. Sebbene non sia possibile superare completamente una lesione cerebrale, anche i pazienti che riportano gravi lesioni registrano alcuni miglioramenti poiché, grazie alle proprie connessioni, il cervello ha la capacità di adeguarsi nuovamente agli stimoli.


Per ulteriori informazioni:
Cinzia Tocci – Comitato del Cuore – cell. 389.9264606 e-mail: equipecuore@live.it
Famiglia Santoro: 0831/ 992654

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

7 risposte a Un destino che può accadere a chiunque

  1. Grande Ezio,

    Bellissimo questo articolo, bravo Lillo per i successi avuti in terapia; coraggio Leone di San Marco.. dai che c’e la farai e nloi ti saremo tutti vicini. Ciao

    Joseph il vecchio lupo di mare!!!

  2. ezio dice:

    Commenti pervenuti su facebook

    Stefania Calvano ‎…..emozioni a non finire ♥

    Cinzia Tocci ‎@Ezio: confermo! moltissima fantasia!!! eheheh
    ♥♥♥

    Linda Millanaccio veramente toccante sei grande lillo!!!!!!

    -‘Stella Jole bravo Lillo….i tuoi sforzi e quelli dei tuoi cari saranno premiati ♥

    Antonio De Carlo A noi dal punto di vista emotivo sembra di aver raggiunto “IL CIELO IN UNA STANZA” , ma i tecnici di Valens cosa dicono di queste nuove gesta di LILLO?

    Luisa E Lillo Bellissimo, quanta partecipazione Sergio …è fantastico di come sia riuscito bene l’evento ,Lillo è nel cuore di tutti ! Grazie Sergio e ti pregherei di ringraziare tutti al posto mio ♥

    Lella Arì ‎:-))))…SEMPRE LILLO ♥

    Linda Millanaccio bellissimo pomeriggio pieno di emozione……..TUTTI PER UNO TUTTI PER LILLO SEMPRE!!!!

    Luisa E Lillo Un grazie a Cinzia…per l’articolo, Ezio, spero solo che chi finora ha latitato …si metta una mano sulla coscienza e pensi come dice Cinzia ( e se fosse mio figlio) e tu sai ha chi mi riferisco…un abbraccio !

    Lella Arì Eggia’ Luisa…ma ci penseremo dopo..adesso devi stare tranquilla…ciaooo !!!!!

    Rossana Tirincanti
    ‎…..ha ragione Cinzia , che non ho il piacere di conoscere ,ma se ognuno di noi di facebook ….tanto uniti e pronti a dirci che ci vogliamo bene senza neanche conoscerci ….., ci immedesimassimo per un attimo nei panni di quella mamma c…he darebbe la vita pur di vedere un piccolo progresso nel figlio…..chi di noi e sfido chiunque non chiederebbe aiuto a tutti !!!! LILLO , un ragazzo , come tanti altri , pieno di vita ….era appena entrato a far parte DELLA
    EGREGIA MARINA ITALIANA ….QUINDI GIOVANISSIMO ,per un misterioso volere del destino all’immprovviso si sentì male ( mentre era a tavola con la sua ragazza e i famigliari )…immediatamente entrò in coma e a nulla valsero gli aiuti immediati per farlo riprendere !
    Da allora sono trascorsi sette anni ….anni di sofferenze , di cure e di aiuti di tante persone comprensive …..! Ora dopo varie teapie è riuscito ad ottenere dei notevoli benefici …..ma presto andra’ trasferito in Svizzera dove verrà operato e tenteranno di applicargli degli arti artificiali ….per poter continuare la terapia muovendosi con le sue gambe !!! Ma ha bisogno di aiuto …..Su Facebook ci sono persone molto brave e pronte a qualunque sacrificio pur di aiutarlo ma ….non bastano !
    C’è bisogno di tutti noi ….un piccolissimo sacrificio…ma in tanti ….vuol dire aiutare una mamma e il propio figlio ad avere una vita migliore !!!
    Luisa ( la mamma ) e Lillo hanno una loro pagina ,
    apritela ….come fareste con un qualunque amico-a !

    Un grandissimo ringraziamento ad Ezio Vinciguerra , che tanto si è impegnato e tanto si inpegna….e che ha saputo trasmettermi una piccola parte del vero senso della vita ….grazie Ezio !

    Lella Arì Questo lascia sperare………♥

    Antonella Barletta non ho parole…. bravo lillo lo sapevamo che sei un duro e che non molli … con questo video hai aperto il cuore di tante persone ..il mio batte ancora forte…tvb

    Veronica Saponaro Non riesco a trovare le parole per descrivere la mia emozione … ho sempre creduto in lui….ho sempre pensato che i medici si stavano sbagliando…ora mi viene di gridare LILLO C’E’…lo ha sempre dimostrato e oggi ne ha dato la prova…..la prova della sua forza e della sua voglia di vivere …eri un grande e lo sei sempre !!!!!!!!!!tvb…bacioni

    Sergio Guerrieri Allora ditelo che volete continuare a farmi piangere….Joseph, e stupendo questo video, belle le parole… Questo sogno, Lillo lo sta vivendo!!!

    Joseph Gorgone Grazie grande amico mio, si lo so io qunado l’hlo sentita ho pensato dritto dritto a lui a Lillo e tutto cio’ che lui sta attraversando; giuro che mi si arricciato il pelo a sentire le parole. Un abbraccio forte a te e tutta la tua famiglia, site veramente speciali!

  3. Da 28 anni lotto per la diffusione dei DAE. Complimenti per tutto ciò che avere fatto.
    Date un occhiata al sito che ho creato proprio su questi problemi.
    Cordialità

    Cecchini

  4. ezio dice:

    Carissimo Maurizio Cecchini,
    la ringrazio per i complimenti a nome personale e
    dell’associazione “Equipe del cuore” che si occupa
    come ben sa del recupero di Pasquale Santoro detto “Lillo”.
    Non mancherò di consultare e far consultare il suo sito con
    la speranza che possa essere di aiuto alla nostra nobile causa.
    Colgo l’occasione per augurarLe un sereno ferragosto a Lei e ai suoi cari.
    Pancrazio “Ezio” Vinciguerra.

  5. ERICA dice:

    MIO PADRE NEL 1989 HA AVUTO UN ARRESTO CARDIACO NEL SONNO…FORTUNATAMENTE(O SFORTUNATAMENTE,QUESTA DOMANDA ME LA FACCIO DA 20 ANNI E ANCORA NN SO DARMI RISPOSTA)IO E SOPRATUTTO LA MIA MAMMA CE NE SIAMO ACCORTE ED ABBIAMO PROVATO A RIANIMARLO CON LE TECNICHE DI BASE CHE MIA MAMMA AVEVA CONOSCIUTO.
    MIO PADRE è VIVO,,MA è RIMASTO SPASTICO A CAUSA DEI GRAVISSIMI DANNI CEREBRALI DA ANOSSIA.

    QUESTE COSE NON DOVREBBERO SUCCEDERE…SPENDIAMO SOLDI IN MILLE CAVOLATE,AUTO BLU E MILLE ALTRE STRONZATE…E NON POSSIAMO SPENDERE DEI SOLDI PER GARANTIRE UNA COSA CHE NON HA SUPERIORI CIOè LA SALUTE!
    è VERGOGNOSO.
    IO STO STUDIANDO PER DIVENTARE MEDICO..LOTTERO’ì SEMPRE PER L’ISTALLAZIONE DI DAE IN OGNO PARTE DEL MONDO..
    HO FATTO ANCHE IL CORSO ORGANIZZATO DALL’UNIVERSITà DAL pROF cECCHINI E CREDO CHE DOVREBBE ESSERE UN CORSPO OBBLIGATORIO IN TUTTE LE SCUOLE
    FORZA LILLO…TANTA GENTE è CON TE

    eRICA

  6. stefania dice:

    Un abbraccio Erica!

  7. Mirco dice:

    Complimenti per tutto ciò che fate! Continuiamo a batterci affinchè i defibrillatori siano capillarmente distribuiti ed altre persone non abbiano a patire le conseguenze toccate a Lillo.

    http://www.facebook.co/group.php?gid=122199432216

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *