30.5.1945, Bartolomeo Spadavecchia marinaio molfettese deportato e internato

di Antonio Cimmino

Nato a Molfetta (Bari) il 4 maggio 1921, matricola 147450, fu fatto prigioniero dai tedeschi sull’isola di Lero (Grecia) e deportato a Buchenwald. Trasferito come molti marinai che non si arresero in cambio della libertà per aver aderito alla Repubblica di Salò fu dunque internato nei lager nazisti, prima a Dachau e dopo a Natzweiller.
Rientrato a Dachau il 2 aprile 1945, morì presso l’ospedale americano di Dachau il 30 maggio 1945.
Inumato in prima sepoltura nel cimitero comunale di Dachau, riesumato e traslato nel cimitero militare italiano d’onore di Monaco di Baviera (Germania).
Posizione tombale: riquadro 4 – fila 9 – toma 65.
Adesso riposa in pace fra i flutti dell’Altissimo.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a 30.5.1945, Bartolomeo Spadavecchia marinaio molfettese deportato e internato

  1. Giorgio Gianoncelli dice:

    Indimenticabili i Marinai dell’isola di Lero, grandi Patrioti ben guidati dall’Ammiraglio Comandante Luigi Mascherpa e quel dinamico prete ch’era Padre Igino Lega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *