14.4.1967, Enrico Porro il marinaio olimpionico dimenticato

a cura Pancrazio “Ezio” Vinciguerra”

Biografia
Nasce a Lodi Vecchio (Lodi) il 16 gennaio 1885 da genitori emigrati da Cuvio, nel varesotto.
È stato il primo italiano a conquistare una medaglia d’oro olimpica nella lotta greco-romana nei pesi leggeri (66,6 kg) alle Olimpiadi di Londra del 1908. Marinaio, mozzo, arrivato a Buenos Aires scappò dalla nave e si rifugiò da un cugino tipografo che viveva nella capitale argentina, ma tornò a Milano dopo aver litigato con la moglie del parente. In precedenza, nel 1906, vinse il titolo europeo.
A diciassette anni partecipò poi alla sua prima competizione ufficiale a Legnano, vincendola.
Arruolato in Marina per il servizio militare (quattro anni di ferma), nel 1906, , imbarcato come elettrotecnico sulla regia nave-scuola Castelfidardo, di stanza a La Spezia, ai Giochi Olimpici di Londra si recò in divisa avendo ottenuto l’autorizzazione a partecipare e, nella finale disputata, ebbe la meglio sul russo Nikolaj Orlov, sette chili più pesante. Quel viaggio in treno 3^classe, da La Spezia a Londra durò due giorni.
Tornato a La Spezia con un biglietto di terza classe, la banda della Regia Marina lo accolse con tutti gli onori. Fu portato in trionfo e premiato da Vittorio Emanuele III con una medaglia d’oro. Saltate le Olimpiadi del 1912 (Stoccolma) per la bruciatura a una mano causata da un corto circuito, prese parte con esiti modesti a quelle del 1920 (Anversa) e 1924 (Parigi).
Visse gli ultimi anni con le braccia paralizzate dall’atrofia muscolare.
Salpò per l’ultima missione da Milano il 14.4.1967.

Curiosità
Si racconta che al re scappò un sorriso quando, sulla plancia del regio cacciatorpediniere Castelfidardo, all’àncora nell’Arsenale Militare della Spezia, venne condotto al suo cospetto il marinaio Enrico Porro. Vittorio Emanuele III non poté infatti fare a meno di notare che l’uomo che aveva di fronte, vincitore qualche settimana prima di un oro olimpico a Londra nella lotta greco-romana, era alto… quanto lui.
Ricorda, Porro, che quella visita inaspettata (fu infatti rintracciato in una balera dove stava festeggiando allegramente la vittoria e rimesso in fretta e furia in condizioni appena decenti) si concluse con molte lodi da parte del sovrano e una più tangibile «medaglia d’oro grossa come una michetta».

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Storia. Permalink.

5 risposte a 14.4.1967, Enrico Porro il marinaio olimpionico dimenticato

  1. Egidio Alberti dice:

    ONORI, R.I.P.

  2. Sandro Saccheri dice:

    condiviso

  3. Vincenzo Curulli dice:

    onori al campione olimico

  4. Gianfranco Iannetta dice:

    Onori campione.

  5. Marisella Virdis dice:

    R I P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *