17.8.1915, affondamento regio sommergibile Jalea


di Pancrazio “Ezio” Vinciguera



Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com
Il 16 agosto 1915 il regio sommergibile Jalea si trovava di base a Venezia per operare in Adriatico e contrastare le rotte mercantili austroungariche. Quel giorno lasciò il porto destinazione “Mula di Muggia” (5 miglia al largo di Grado) e Punta Sdobba (Foce dell’Isonzo) per poi stazionare al largo di Porto Buso.

regio sommergibile Jalea (foto U.S.M.M.)

Alle 4.30 del 17 agosto il sommergibile fu avvistato più volte dal semaforo di Grado e il 18 agosto, all’alba, fu avvistato l’unico superstite, aggrappato a una boa foranea di Grado. Il marinaio era Arturo Vietri unico sopravvissuto dei 18 marinai facenti parte dell’equipaggio del regio sommergibile. 
Il relitto dello Jalea fu successivamente recuperato nel maggio 1954, portato nei cantieri di Monfalcone per la demolizione mentre i resti di 11marinai dell’equipaggio furono tumulati nel Sacrario di Redipuglia nel parco della Rimembranza, il 6 giungno 1954, dando degna sepoltura a quegli uomini.

Il sommergibile Jalea era comandato dal capitano di fregata Ernesto Giovannini, apparteneva alla 1^ Squadriglia e quel tragico giorno urtò con la prora una mina: dei sei superstiti come già precedentemente solo Arturo Vietri riuscì a salvarsi, il giorno dopo, raggiungendo a nuoto una boa nei pressi del porto di Grado. 
In un filmato dell’Istituto Luce riassume quanto accadde in quel funesto giorno.
Dello stesso argomento sul blog:
http://www.lavocedelmarinaio.com/2016/07/28-7-2016-a-san-martino-di-codroipo-ud-presentazione-del-saggio-storico-regio-sommergibile-jalea-vento-del-ricordo-di-gustavo-caizzi/

i caduti del regio sommergibile Jalea - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a 17.8.1915, affondamento regio sommergibile Jalea

  1. Marcello Cocco dice:

    condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *