Quel giugno del 1969 a Roma quando persero la vita due Marinai

di Pietro Berti

S.O.S. RICHIESTA NOTIZIE

… riceviamo e pubblichiamo.

Pietro Berti per www.lavocedelmarinaio.comSignor Vinciguerra,
oggi mi sono ricordato di uno spiacevole episodio verificatosi a Roma qualche giorno prima del mio arrivo dal Centro Addestramento Reclute (C.A.R.) di Taranto. Eravamo appena giunti da Taranto alla stazione Termini di Roma quando un autopullman ci venne a prendere per portarci a Maridist Grazioli Lante.
Il sottocapo che era incaricato di condurci  in caserma, strada facendo, ci  spiegava il percorso e ci faceva vedere i palazzi più importanti. Giunti in prossimità di Ponte Matteotti   dal Lungotevere delle Navi, ci fece vedere un palazzo grandissimo ed importante e ci disse più o meno così:
“Quello che vedete di fronte è il Ministero della Marina e qui molti di voi saranno destinati per servizio”. Purtroppo a quell’incrocio si è verificò un bruttissimo incidente. Due marinai (non mi ricordo o non so se fossero sottufficiali o di altro grado) mentre aspettavano il verde al semaforo, sono stati investiti in pieno da un’autopompa dei Vigili del Fuoco che accorreva per  spegnere un incendio.
I serbatoi erano parzialmente pieni  e  nell’affrontare la curva ad angolo  fra il Lungotevere e la via Azuni, di fianco al Palazzo della Marina,  ha sbandato per l’oscillazione del carico d’acqua (evidentemente non aveva gli stabilizzatori galleggianti interni che hanno oggi le autopompe) ed è piombata addosso ai due marinai schiacciandoli entrambi.
Ricordo che la notizia mi procurò  molto sgomento tant’è  che da allora, ogni volta che vedo un mezzo di soccorso affrontare una curva,  sia in  città che in strada normale, mi sovviene sempre il ricordo  di quell’evento.
Ed oggi, che ho assistito ad un incendio vicino casa con intervento dei pompieri, ho rivolto nuovamente il mio ricordo ai due sfortunati commilitoni.  Riposino in pace.
Non so se qualcun altro è al momento a conoscenza del fatto.
Tutto si è verificato all’inizio di giugno 1969.  Il C.A.R. del 3°/49  è iniziato il 20  aprile. Io sono arrivato a Taranto il 10 maggio e il giuramento c’è stato verso il 20 giugno. Poi tutti a destinazione, quindi  penso proprio che sia una data  abbastanza esatta.
Buona serata.
Pietro BERTI

caserma-grazioli-lante-a-roma-www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

6 risposte a Quel giugno del 1969 a Roma quando persero la vita due Marinai

  1. Bezzato Gianni dice:

    Ero li anche io. All’uscita dal ministero dalla porta laterale di via azuni, guardo a dx, piccola folla di altri marinai, mi avvicino all’incrocio con il lungotevere delle navi, palo del semaforo giallo piegato verso la costruzione del ministero. Mi raccontano che poco prima un’ambulanza proveniente dal lungotevere arnaldo da brescia aveva urtato un bus proveniente dal ponte matteotti (forse non aveva sentito la sirena dell’ambulanza) e l’ambulanza carambolando a causa dell’urto con il bus, aveva terminato la sua corsa verso quel palo del semaforo, purtroppo vi era li anche un sergente…riposi in pace.

  2. Alinghi Alion dice:

    condivido

  3. Francesco Ortega dice:

    R.i.p.

  4. Marco Montanari dice:

    condivido

  5. Federico Tornello dice:

    Ci sono delle inesattezze in questo racconto. Uno erano due sergenti che rimasero schiacciati assieme ad altre persone da una ambulanza catapultata a seguito di uno scontro con un autobus dell’Atac, se non sbagio, che correva verso non saprei dire quale ospedale con a bordo una donna che si era avvelenata, passando col rosso. Purtroppo i due sergenti morirono sul colpo, mentre quella donna poi si salvo!!!

  6. Francesco Belsito dice:

    SONO STATO IN QUESTA CASERMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *