17 marzo Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera (Legge 23 novembre 2012, n. 222, art.1 comma3)

17 marzo giorno dell'unità nazionale

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

12 risposte a 17 marzo Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera (Legge 23 novembre 2012, n. 222, art.1 comma3)

  1. ITALO MONSELLATO dice:

    GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE.

  2. Marino Miccoli dice:

    “…FA’ CHE LE TEMPESTE ED I FLUTTI SERVANO A LEI, PONI SUL NEMICO IL TERRORER DI LEI…”
    “A LEI PER SEMPRE DONA VITTORIA!”

  3. Franco Vetturini dice:

    Grazie Carissimo Ezio.

  4. Silvana De Angelis dice:

    Noi non sappiamo come sarà il futuro, ma sappiamo che si costruisce con la consapevolezza di viverci un ottimo e speciale presente….BUON INIZIO SETTIMANA….

  5. LUIGI AGNETO dice:

    VI VA DI INIZIARE COSI’ LA GIORNATA ?
    W L’ITALIA

  6. Roberto Tento dice:

    Sei una enciclopedia…Grazieeeee

  7. Lina Di Biasio dice:

    condivido

  8. Paolo Baroni dice:

    mi piace

  9. Mariagrazia Tagliabue dice:

    mi piace

  10. Silvano Tassi dice:

    mi piace

  11. Alessandro Garro dice:

    Ogni volta che vedo sventolare la nostra bandiera da parte di qualcuno in qualche particolare evento non nascondo che mi sorgono alla mente delle domande soprattutto da rivolgere a chi in quel momento porta il tricolore allo stadio o nelle manifestazioni di piazza, o a chi la espone solo quando l’Italia gioca i mondiali.
    Solo in quei casi molti di noi si ricordano di avere una bandiera, purtroppo per noi, fortuna per altri non è così ovunque, nelle scuole (anche italiane) i ragazzi sanno meglio il significato della bandiera americana, inglese e francese rispetto al significato della bandiera italiana, a chi lo chiedi il significato della nostra bandiera senti rispondere le più disparate risposte, mentre se chiedi la bandiera americana la risposta è quasi sempre quella giusta.
    Perchè? questa è la domanda che vorrei porre a chi decide la cultura in questo paese.

  12. Filippo Bassanelli dice:

    “BENEDICI OSIGNORE LE NOSTRE CASE LONTANE LE CARI GENTI” BENEDICI,NELLA CADENTE NOTTE,IL RIPOSO DEL POPOLO,BENEDICI NOI CHE, PER ESSO,VEGLIAMO IN ARMI SUL MARE. BENEDICI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *