Crociera di fine anno “Benvenuti in Grecia” (Krancic)

Krancic

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Pittori di mare, Recensioni. Permalink.

20 risposte a Crociera di fine anno “Benvenuti in Grecia” (Krancic)

  1. Antonio Melis dice:

    Buona serata Ezio ;;;;;;;;;;;,,,

  2. Nazario Fisanotti dice:

    che fregatura!!!!!!!!!!!

  3. Antonio Melis dice:

    Ma preferisco di certo la mia Sardegna !!!!

  4. Raffaele Gennaccari dice:

    Rischiamo il naufragio nel tentativo di arrivarci!!! ciao Ezio!!!

  5. Antonio Piras dice:

    vi diro’lo scorso anno ha maggio ho comandato un 16 metri denominato linda della salento nautica di gallipoli per andare in grecia partendo da gallipoli santa maria di leuca fano’e corfu posti incantevoli approdi non attrezzati ma facili al rientro un po di mare di 4 ha fatto andare in isteria donniciole urlanti e piangenti quantuncue ben tenuto mascone e giardino a 18 nodi volava sulle onde manco si sentiva i consorti disperati a sbraitare SE NON TI VA LA BARCA STAI A CASA a stento ho trattenuto le risate la sciolta aveva allagato la barca!

  6. Antonio Piras dice:

    la mia preoccupazione nel tentare di tenere la calma bordo prima che scoppiasse il panico era sarei riuscito a contenere la loro sciolta prima di affondare hahahahaha

  7. Antonio Piras dice:

    SE LA SON FATTA ADDOSSO

  8. Beppe Tommasiello dice:

    A me non piace, è disfattismo!

  9. Antonio Melis dice:

    Preferisco la mia Sardegna Mi piace solo la vignetta;;

  10. Marco Mattei dice:

    Magari !!

  11. Carmine Tancredi dice:

    meglio….tardi che MAI

  12. Passione Carabinieri dice:

    ‎…scusate ma mi è sembrato giusto fare sapere….leggete

  13. Andrea Borghi dice:

    🙂

  14. Lilly Arezzo dice:

    HAHAHHHAHHAAAAAAAAAAA 🙂

  15. Debby Delogu dice:

    PRONTI PER IL GRAN FINALE….pronti per far gli auguri a tutti…da quelli semplici ai più sdolcinati…pronti tutti con lo spumante da stappare a mezzanotte…a dirvi spero che sia un’anno migliore…bacetti bacetti….Ok spero che siate pronti…e consapevoli dei nuovi rincari…della fame che ci sarà nel 2012…della disoccupazione che esploderà con l’anno nuovo….OK IPOCRITI SIETE PRONTI…

  16. Sergio Caruso dice:

    Ragazzi,i tempi in cui noi pensavamo di cambiare il mondo si sono solo spostati di qualche decennio……ho fiducia che ancora potremo aiutare noi stessi e soprattutto i nostri figli ad avere un futuro migliore,resistendo a questa cricca di delinquenti che vogliono ridurci in ginocchio……non finiremo come la Grecia, vedrete che accadrà qualcosa…..o la faremo accadere!

  17. NC Ima ges dice:

    Assemi comu i vecchi tempi e guai a sti pezzi di merda

  18. Stefano Taranto dice:

    sti professuri, oggi come allora, mi stannu su i cugghiuna

  19. Natale dice:

    Ragazzi i soddi su picca, ma avrei voluto telefonare ad ognuno di voi, non putennu, vi mando un grande abbraccio e vi stringo tutti nel mio cuore
    Natale megghiu ntisu “U Jolly”

  20. Eleonora Zuppa dice:

    NATALE. COSA VEDO E COSA SENTO

    Un Paese agonizzante che termina il 2011 in malo modo, dalla recessione economica alle migliaia di persone che perdono il lavoro, a chi non ha un tetto o da sfamarsi, a chi muore per soli 5 euro l’ora (operaio di Trieste che lavorava per la costruzione del palco di Jovanotti), ai giovani che vanno alla ricerca di un lavoro ma gli è negato. Ed inizierà il 2012 in modo… duro, drastico. E siamo sul lastrico. E’ un momento difficile, in molti lo dicono, in molti lo analizzano. Mi chiedo ogni giorno cosa facciano gli economisti, la classe politica, i tecnici, i sindacalisti. Sembrano tutti coalizzati ad offendere il valore umano più vero, la dignità, la vita. Difendono solo le garanzie di pochi a spada tratta. Ed intanto i signori girano con i nostri soldi, con macchine blu, con stipendi da capogiro, e poi occhio a toccare i soldi dei parlamentari (vergognosa dichiarazione da Cicchitto, Pecorella a Lo Moro ecc). Ma tutto quello che accade a Roma, miei cari amici, avviene qui a Siracusa. Una città che sta lentamente morendo, ma il sindaco non si dimette, il presidente della provincia nemmeno, la Regione? Manco per scherzo.La Procura? Stendiamo un velo pietoso. Ed io mi prendo di rabbia, quella vera, senza ipocrisia, quella che una persona comune con un po’ di sensibilità può avere nel vedere ogni giorno centinaia di persone bisognose. SPERO perché non so più PREGARE che il popolo si rialzi per una rivoluzione sociale, culturale, economica. Questo è il mio desiderio dalle vivaci tinte rosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *