C’era una volta …1861 – 2011

a cura di Antonio Cimmino


Vascello VESUVIO

Varato il 2 dicembre 1824;
Dislocamento 353 tonnellate
Scafo in legno con carena coperta con lastre di rame
per la protezione contro i parassiti marini;
Tre ponti;
Due batterie coperte ed  una scoperta;
Tre alberi a vele quadre con randa alla mezzana e bompresso;
63 cannoni da 24 libbre a canna liscia;
4 obici Piaxhans (con proiettili esplosivi) da 80 libbre a canna liscia;
4 obici da 30 libbre;
16 carronate da 24 libbre a canna liscia
( cannone con canna più corta e più leggera usata caricato a mitraglia
per l’arrembaggio e quindi con portata minore di circa 400-500 metri).
Non iscritto nel naviglio del Regno d’Italia il 17 marzo 1861
perché vetusto, demolito a Pozzuoli nel 1865.

Questo articolo è stato pubblicato in C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *