Anime negli abissi

(Roberto Cannia)

…Ezio questa è una dedica ai sommergibilisti
d’ogni nazione caduti per la loro Patria. Roberto

Torbide e nere acque degli oceani,
custodi eterne d’anime senza tempo,
per un istante diventate chiare
come illuminate da milioni di lampare.
Fredde bare d’acciaio
sono posate sul fondo,
protette e nascoste
agli occhi del mondo.
La stessa divisa
portate adesso voi,
candida e splendente
… è quella degli eroi.
Mani fuori dall’acqua
protese verso il cielo,
cercano un po’ d’affetto,
un ricordo, un pensiero.
Oh Dio del mare,
se solo tu volessi
innalzeresti al cielo
quelle anime dagli abissi.
Ma voi state bene giù,
nel sepolcro senza confini,
fiori sull’acciaio posano i delfini.
Nettuno veglia tacito
il vostro riposo eterno,
preservando le vostre anime
dal fuoco dell’inferno.

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *