• Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Un mare di amici

    Pompeo Funzione

    di Marinai per sempre

    (Capua 16.6.1947 – 10.5.2016)

    Capo Funzione,
    In certi momenti della vita scrivere o comunicare sentimenti diventa difficile e oggi lo è ancora di più. Si ha sempre la sensazione che le parole siano vuote e che non possano esprimere appieno la nostra tristezza. Facciamo ancora fatica a crederci, siamo arrabbiati, nella nostra mente non possiamo pensare altro a frasi come: ”Non è giusto!” o come “Lui non se lo meritava!”.


    Ci sentiamo di far sapere a quelli che non ti conoscevamo, che ci hai insegnato il vero senso delle parole Patria e Onore, senza retorica alcuna, sempre in trincea, allineati e coperti come a suo tempo ci avevano insegnato i nostri predecessori marinai.
    Sai già che occuperai per sempre un posto speciale nei nostri cuori.

    Forse questi pensieri possono sembrare semplici esternazioni ma sono profondamente veri. La Tua morte porta solo dolore nei nostri cuori
    Anche se la Tua vita non è stata lunga l’hai sicuramente vissuta intensamente. Una vita straordinaria, tra cielo e mare, tra i sogni e i ricordi indelebili, tracciati nell’onda, lungo la scia, fra i flutti…tra raduni e condivisioni!

    Nello scrivere queste brevi parole abbiamo cercato delle possibili citazioni e la scelta era vasta. Pensavamo di usare un brano di un grande scrittore, ma nulla alla fine avrebbe reso l’idea dell’uomo che noi tutti abbiamo conosciuto. Tu sostenevi l’importanza della famiglia, il valore degli amici e ci ha insegnato a sostenerci l’un l’altro, a credere nelle nostre forze e a lottare per ciò in cui si crede e si ama.

    Dio ci fa comprendere proprio in questo giorno, insieme ai tuoi familiari, che se anche ci mancano le persone a noi più care, come te Pompeo, Lui ci ha donato la Grazia che è l’amicizia nel prossimo e l’amicizia nel prossimo è la Sua Grazia, in una parola sola: amore.
    Lo stesso amore che tu hai riposto in noi oggi e noi lo riponiamo in te Capo Funzione.
    Adesso riposa in pace fra i flutti dell’Altissimo magari pregando per noi come noi preghiamo per te.

  • Attualità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Un mare di amici

    Nazzario Antonio De Mite (18.6.1962 – 27.4.2020)

    di Valter Savio

    (18.6.1962 – 27.4.2020)

    Il 27.4.2020, Nazzario Antonio De Mite, Capo di 1^ classe TSC/EM/GM (Corso 79B V3) è salpato per l’ultima missione. E’stato, oltre che collega, un nostro amico speciale, membro organo amministrativo dell’Associazione Famiglie Esposte all’Amianto – A.F.E.A. ODV- ETS (*).
    Colpito da malore improvviso a soli 58 anni (era nato il 18.6.1962), è salpato per la sua ultima missione tra i flutti dell’Altissimo. Una persona straordinaria dotato di umanità e cordialità, sempre sorridente e disponibile, di talento e molto professionale.

    Era così orgoglioso di essere entrato a far parte dell’associazione, partecipando con garbo e con tanta voglia di imparare e di fare.
    Vicino per rispetto e stima reciproca, vogliamo  darti il nostro estremo saluto, unendoci al dolore dei tuoi Cari , porgendo le nostre più sentite condoglianze.
    Noi vogliamo ricordarti così.

    (*) per saperne di più digita sul motore di ricerca del blog A.F.E.A.

  • Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Racconti,  Recensioni,  Storia,  Un mare di amici

    15.6.1940, regio sommergibile Macallè

    di Riccardo Preve

    Il regio sommergibile Macallè,  classe “600 – serie Adua”, fu impostato presso i Cantieri O.T.O. di La Spezia il 1° marzo 1936.
    Fu varato il 29 ottobre 1936 e consegnato il 1° marzo 1937.
    Fu affondato il 15 giugno 1940 e radiato il 18 ottobre 1946.

    Caratteristiche tecniche
    Dislocamento: 697,254 t. – Imm. 856,397
    Dimensioni: Lunghezza 60,18 m. – Larghezza  6,45 m.
    Motori: 2 motori diesel FIAT + 2  motori elettrici Marelli – 1 batteria di accumulatori al piombo composta da 104 elementi. Motori a scoppio 1400 hp. – Motori elettrici 800 hp.
    Velocità: in superficie: 14 knt. – in immersione: 7,5 knt
    Armamento: 4 tubi lanciasiluri AV da 533 mm. – 2 tubi lanciasiluri AD da 533 mm. – 6 siluri da 533 mm. – 1 cannone da 100/47 mm. – 2 mitragliere singole da 13, 2 mm. – 152 proiettili per il cannone
    Equipaggio: 4 ufficiali, 32 tra sottufficiali e marinai
    (Fonte “Sommergibili italiani” di A. Turrini e O. Miozzi – U.S.M.M.)

    Carlo Acefalo (Monastero di Vasco, 16.1.1916 – Mar Rosso, 18.6.1940)

  • Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia,  Un mare di amici

    15.6.1974, varo della petroliera AGIP Ravenna

    a cura Antonio Cimmino

    OMAGGIO A VINCENZO DI NITTO (*)

    La nave petroliera AGIP Ravenna, della SNAM S.p.A. (Società Nazionale Metanodotti), fu impostata il 26 novembre 1973.

    Fu varata il 15 giugno 1974 presso il Cantiere navale di Castellammare di Stabia (FINCANTIERI).


    Fu consegnata il 27 marzo 1975.

    Caratteristiche tecniche

    – dislocamento: 8.108 tonnellate;

    – lunghezza f.t. 171,61 metri;

    – lunghezza fra Pp 161,55 metri;

    – larghezza: 25,56 metri;

    – altezza di costr.ne: 14,48 metri;

    – pesc. max: 10.93 metri.

    – motore: 1 – GNT 5 col – 780 rpm – 1 elica.

    Fu demolita il 31 luglio 2002.

    (*) Per saperne di più digita, sul motore di ricerca del blog, il suo nome e cognome.