Marinai,  Marinai di una volta,  Navi,  Recensioni,  Storia

1.9.1975, radiazione regia nave Aviere

di Carlo Di Nitto 

Questa foto, scattata da mio padre Vincenzo(*) a Venezia nel 1954 dalla M/C Nebulosa dell’AGIP, riprende il cacciatorpediniere Aviere (2°). In secondo piano, parzialmente coperto, il gemello capo classe “Artigliere”. Questa unità (ex americana “Nicholson DD 442”), dislocava 2520 tonnellate. Era stata costruita nei Cantieri Navy Yard di Boston (USA); varata il 31/05/1940, entrò in servizio il 03/06/1941.
Sotto la bandiera statunitense svolse intensa attività bellica prima nel Mar Mediterraneo e successivamente nell’Oceano Pacifico dove, nel giugno 1944, durante la campagna per la riconquista della Nuova Guinea fu colpito dal tiro di una batteria costiera e perdette diversi uomini del suo equipaggio.
Il 25/5/1951 fu consegnato alla Marina italiana, e dopo essere stata rinominato “Aviere”, prese servizio l’ 11/6/1951 con il distintivo ottico AV e, successivamente, con la sigla NATO D 554.
La nave effettuò attività di squadra, partecipando anche a diverse esercitazioni in ambito NATO, fino al 01/09/1970. Riclassificata “nave esperienza” per la sperimentazione di nuovi sistemi d’arma, ebbe il nuovo distintivo ottico A 5302.
Il 01/09/1975 fu definitivamente radiata.
ONORE AI CADUTI SOTTO OGNI BANDIERA

(*) https://www.lavocedelmarinaio.com/2020/01/vincenzo-di-nitto-gaeta-8-1-1921-19-11-1995/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *