Attualità,  Il mare nelle canzoni,  Marinai,  Recensioni,  Storia,  Un mare di amici

19.3.1955, Pino Daniele e Napoli

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra e Antonio Cimmino

(Napoli, 19.3.1955 – Roma, 4.1.2015)

Ciao Pino di te mi resterà il mare di questa immagine, perché chi “tene ‘o mare” si accorge di tutto quello che succede e cammina con la bocca salata, “o ’ sape ca è fesso e cuntento perché chi tene ‘o mare porta na Croce e nun tiene niente”…

pino daniele

.. Napoli è na camminata, ind’è viche… nziem all’ate”.
Grazie Antonio Cimmino, se ti dico che ti voglio bene, mi credi?

(Pino Daniele)

Voglio ‘o mare,
‘e quatto ‘a notte miezzo ‘o pane
e si cadesse ‘o munne sano,
je nun me sposto
e resto ‘a sotto a mo’ guardà.
Voglio ‘o mare,
cù ‘e mmura antiche e cchiù carnale
a vita ‘o ssaje ce pò fa male
e per sognare poi qualcosa arriverà.
Tanto nun passa nisciuno
e nisciuno ce pò guardà
te voglio bene
e ghià stasera ‘o ssaje
nun tengo genio ‘e pazzià
e ‘o suonno se ne và.
Voglio ‘o mare
pè chi fa bene e chi fà male
pè chi si cerca e va luntano
e per sognare poi qualcosa arriverà.
Tanto nun passa nisciuno
e nisciuno ce pò guardà
te voglio bene
e ghià stasera ‘o ssaje
nun tengo genio ‘e pazzià
e ‘o suonno se ne và.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *