Attualità,  Curiosità,  Marinai,  Marinai di una volta,  Recensioni,  Storia

Il Vittoriano

di Giorgio Gianoncelli

Monumento eretto per celebrare l’Unità d’Italia.
Costruito tra il 1885 e il 1921.
Progettato dall’Architetto Giuseppe Sacconi (Montalto 1854 – Collefiorito 1905). Dopo la Grande Guerra diventa la Tomba perenne del Milite Ignoto.

Lo schieramento in Piazza Venezia

La scelta del Milite Ignoto
In seguito alla proposta del Generale Giulio Douhet, di Caserta, il Parlamento del Regno l’11 agosto 1921, vota la legge n. 1075 che dispone quanto segue:
Alla salma non riconosciuta di un Soldato Caduto in combattimento nella guerra 1915 – 1918 sarà data, a cura dello Stato, solenne sepoltura in Roma, sull’Altare della Patria”.
Il 28 ottobre 1921 dopo che una commissione appositamente costituita ha scelto 11 salme tra le migliaia non riconosciute, sono portate con tutti gli onori nella basilica di Aquilea. La madre di un Caduto Ignoto, Signora Maria Bergamas, di Trieste, alla presenza del Duca d’Aosta, Comandante della Terza Armata, sceglie, segnando una croce sulla “seconda bara di destra” il Caduto Ignoto. La bara con il Milite Ignoto prescelto, parte da Aquilea per Roma lo stesso giorno della scelta su un apposito vagone di un treno speciale che viaggia a passo lento, per dare la possibilità al Popolo assiepato sul percorso di rendere gli onori. Il Milite Ignoto giunge a Roma il 2 novembre, accolto da una folla immensa con il Re, la famiglia reale al completo e le Autorità dello Stato. Il feretro lo stesso giorno è tumulato nell’Altare della Patria ai piedi della Dea Roma, dopo il rito religioso officiato dal vescovo monsignor Bartolomasi e con gli onori militari tributati da un plotone Interforze.

Il viaggio del Milite Ignoto
tratto da http://www.itinerarigrandeguerra.it/code/32113/Il-Milite-Ignoto


foto gruppo facebook Comunità Militare

banca-della-memoria-www-lavocedelmarinaio-com



29 OTTOBRE 1921 ORE 08.00 DA AQUILEIA INIZIA UN VIAGGIO IN TRENO CHE ENTRERÀ NELLA STORIA DELLA NAZIONE, LA NOSTRA. E’ IL VIAGGIO DEL MILITE IGNOTO VERSO L’ALTARE DELLA PATRIA.
 L’ITALIA ONESTA DI ALLORA E DI OGGI SI INCHINA.



“Una pagina di storia che più di tante altre testimonia quell’amor di Patria che unisce tutti i cittadini italiani”. Alle 8 del mattino del 29 ottobre 1921 partì dalla stazione ferroviaria di Aquileia un treno che entrò nella storia d’Italia. Si trattava del convoglio che, in cinque giorni, portò la salma del Milite Ignoto a Roma per essere tumulata all’interno del Vittoriano il 4 novembre. 
Un viaggio emozionante attraverso 5 regioni e 120 stazioni dove centinaia di migliaia di persone lungo i binari resero omaggio a questo corpo senza nome, simbolo del sacrificio per amore della Patria. Un viaggio accolto con entusiasmo e partecipazione, paragonabile a “un nuovo giro d’Italia, certo meno gioioso ma immensamente più solenne di quello dei ciclisti, e più importante per cementare il senso dell’unità nazionale sotto il segno del lutto collettivo”.

itinerari-storici-foto-gruppo-facebook-comunita-militare

Il viaggio del Milite Ignoto
1^ tappa: 29 ottobre
Partenza ore 8.00 da Aquileia; Udine; Treviso; Mestre; Venezia Santa Lucia con arrivo in serata e sosta notturna.
2^ tappa: 30 ottobre
Partenza ore 8.00 da Venezia Santa Lucia; Padova Centrale, Rovigo, Ferrara, Bologna Centrale con arrivo in serata e sosta notturna.
3^ tappa: 31 ottobre
Partenza ore 6.24 da Bologna Centrale; Pracchia; Pistoia; Prato; Firenze Santa Maria Novella; Arezzo con arrivo in tarda serata e sosta notturna.
4^ tappa: 1° novembre
Partenza ore 9.45 da Arezzo; Chiusi; Orvieto; Orte; Roma Portonaccio con arrivo in serata e sosta notturna.
5^ tappa: 2 novembre
Partenza ore 8.43 da Roma Portonaccio; Roma Termini con arrivo alle ore 9.00. Trasferimento presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli.

saluti-dallammiraglio-albertitrasporto-della-salma-del-milite-ignoto-dalle-tofane-di-aquileia-www-lavocedelmarinaio-com_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *