Attualità,  Curiosità,  Marinai di una volta,  Navi,  Pittori di mare,  Recensioni,  Storia

Mastro di trombe

di Antonio Cimmino

Le trombe (aspiranti, prementi, aspiranti-premente) erano costruite in legno e metallo con tubi di aspirazione e mandata (olmo) rame, cuoio, tela cerata, latta.
Il mastro di trombe doveva quindi essere in grado di lavorare il legno, il cuoio, la latta, il rame, insomma il mastro di trombe che non suonava.
Di seguito alcuni tipi:

Tromba di sentina
In ghisa e con tubo di aspirazione in legno, serviva per aspirare l’acqua dalla cala e versarla in mare.
L’estremità inferiore del tubo aspirante era provvisto di pigna bucherellata.

Tromba della serpa
Con tubo di aspirazione in cuoio messo in mare a prua sotto la polena, prelevava l’acqua di mare per il lavaggio della coperta.

Tromba ad acqua
…dolce per prelevare l’acqua dal serbatoio in ferro posto in sentina.

Tromba a vento
Adibita a dare ventilazione nella stiva e nei locali macchine. Poteva essere di tela olona.

Tromba d’incendio
Destinata a scagliare l’acqua a grande distanza sia per spegnere un incendio e sia per lavaggio ponti.
Formata da una cassa di legno foderata di rame in cui erano sistemati due corpi di trombe. La cassa era provvista di ruote per poterla trasportare ove necessitava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *